Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Ebrei 8:1-13

8  Ora in quanto alle cose di cui si ragiona, questo è il punto principale: Noi abbiamo un tale sommo sacerdote,+ ed egli si è messo a sedere alla destra del trono della Maestà* nei cieli,+  pubblico servitore* del luogo santo*+ e della vera tenda,* che Geova,*+ e non un uomo,+ eresse.  Poiché ogni sommo sacerdote è costituito per offrire doni e sacrifici;+ perciò era necessario che anche questo avesse qualcosa da offrire.+  Se, ora, egli fosse sulla terra, non sarebbe sacerdote,+ essendoci [uomini] che offrono i doni secondo la Legge,  ma che rendono sacro servizio in una rappresentazione+ tipica* e in un’ombra+ delle cose celesti; come Mosè, quando stava per completare la tenda,+ ricevette il comando divino:*+ Poiché egli dice: “Guarda di fare ogni cosa secondo il modello* che ti fu mostrato sul monte”.+  Ma ora [Gesù]* ha ottenuto un più eccellente servizio pubblico, così che è anche il mediatore+ di un patto corrispondentemente migliore,+ che è stato legalmente stabilito su promesse migliori.+  Poiché se quel primo patto fosse stato senza difetto, non si sarebbe cercato luogo per un secondo;+  poiché egli ha di che rimproverare il popolo quando dice: “‘Ecco, vengono i giorni’, dice Geova,* ‘e io concluderò con la casa d’Israele e con la casa di Giuda un nuovo patto;+  non secondo il patto+ che feci con i loro antenati nel giorno in cui li presi per mano per farli uscire dal paese d’Egitto,+ perché non sono rimasti nel mio patto,+ così che ho smesso d’aver cura di loro’, dice Geova”.*+ 10  “‘Poiché questo è il patto che stipulerò con la casa d’Israele dopo quei giorni’, dice Geova.* ‘Metterò le mie leggi nella loro mente e le scriverò nel loro cuore.+ E io diverrò il loro Dio,+ ed essi stessi diverranno il mio popolo.+ 11  “‘E non insegneranno affatto ciascuno al suo concittadino e ciascuno al suo fratello, dicendo: “Conosci Geova!”*+ Poiché mi conosceranno tutti,+ dal più piccolo fino al più grande di loro. 12  Poiché sarò misericordioso verso le loro opere ingiuste, e assolutamente non rammenterò più i loro peccati’”.+ 13  Dicendo “un nuovo [patto]” egli ha reso il precedente antiquato.*+ Ora ciò che è reso antiquato e invecchia è prossimo a sparire.+

Note in calce

Vedi nt. a 1:3, “Maestà”.
Lett. “pubblico lavoratore”. Gr. leitourgòs.
O, “dei luoghi santi”.
O, “del vero tabernacolo”.
Vedi App. 1D.
“Rappresentazione tipica”: lett. “esempio”.
Lett. “è stato divinamente avvertito”.
O, “tipo”. Gr. tỳpon; lat. exemplar.
Lett. “egli”.
Vedi App. 1D.
Vedi App. 1D.
Vedi App. 1D.
Vedi App. 1D.
“Ha reso . . . antiquato”: lett. “ha reso vecchio”.