Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Ebrei 2:1-18

2  Per questo è necessario che prestiamo più che la solita attenzione* alle cose udite,+ affinché non siamo mai portati alla deriva.+  Poiché se la parola detta per mezzo degli angeli+ si dimostrò ferma e ogni trasgressione e atto di disubbidienza ricevette una retribuzione* in armonia con la giustizia,+  come sfuggiremo+ noi se avremo trascurato*+ una così grande salvezza+ che cominciò a essere annunciata mediante il [nostro] Signore+ e fu confermata+ per noi da quelli che lo udirono,  mentre Dio si unì nel rendere testimonianza sia con segni e portenti che con varie opere potenti*+ e con distribuzioni+ di spirito santo secondo la sua volontà?+  Poiché non agli angeli egli ha sottoposto la terra abitata* avvenire,+ della quale parliamo.  Ma un certo testimone ha dato prova in qualche luogo, dicendo: “Che cos’è l’uomo che tu ti ricordi di lui,+ o [il] figlio dell’uomo che tu ne abbia cura?+  Lo facesti un poco* inferiore agli angeli; lo coronasti di gloria e di onore,+ e lo costituisti sulle opere delle tue mani.*+  Ponesti tutte le cose sotto i suoi piedi”.+ Poiché in quanto gli sottopose tutte le cose+ [Dio]* non ha lasciato nulla che non gli sia sottoposto.+ Ora, però, non vediamo ancora che tutte le cose gli siano sottoposte;+  ma vediamo Gesù, che è stato fatto un poco* inferiore agli angeli,+ coronato di gloria+ e di onore per aver subìto la morte,+ affinché per immeritata benignità di Dio egli gustasse la morte per ogni* [uomo].+ 10  Poiché conveniva che colui per il quale sono tutte le cose+ e per mezzo del quale sono tutte le cose, conducendo molti figli alla gloria,+ rendesse il principale Agente*+ della loro salvezza perfetto mediante le sofferenze.+ 11  Poiché colui che santifica e quelli che sono santificati*+ [vengono] tutti da uno,+ e per questa ragione egli non si vergogna di chiamarli “fratelli”,*+ 12  come dice: “Dichiarerò il tuo nome ai miei fratelli; in mezzo alla congregazione* ti canterò lodi”.+ 13  E di nuovo: “Confiderò in lui”.+ E di nuovo: “Ecco, io e i fanciullini che Geova* mi ha dato”.+ 14  Perciò, siccome i “fanciullini” sono partecipi del sangue e della carne, egli pure partecipò similmente delle stesse cose,+ affinché mediante la sua morte+ riducesse a nulla*+ colui che ha i mezzi per causare la morte,+ cioè il Diavolo,*+ 15  ed emancipasse+ tutti quelli che per timore della morte+ erano per tutta la vita sottoposti a schiavitù.+ 16  Poiché in realtà egli non viene affatto in aiuto degli angeli, ma viene in aiuto del seme di Abraamo.+ 17  Di conseguenza dovette divenire simile ai suoi “fratelli” sotto ogni aspetto,+ affinché divenisse un sommo sacerdote* misericordioso e fedele nelle cose relative a Dio,+ al fine di offrire un sacrificio propiziatorio*+ per i peccati del popolo.+ 18  Poiché in ciò che egli stesso ha sofferto essendo messo alla prova,+ può venire in aiuto di quelli che sono messi alla prova.+

Note in calce

Lett. “che più abbondantemente teniamo [la mente] rivolta”.
Lett. “pagamento della ricompensa”.
Lett. “essendo stati incuranti [di]”.
O, “vari miracoli”.
“Terra abitata”: lett. “abitata”. Gr. oikoumènen, femm. sing., riferito alla terra; lat. orbem terrae, “circolo della terra”. Cfr. nt. a Isa 13:11, “produttivo”.
O, “per poco tempo”.
“E lo costituisti sulle opere delle tue mani”, אACD*VgSyp e Sl 8:6; P46BDc omettono.
Lett. “egli”.
O, “per poco tempo”.
O, “per ogni sorta di”.
Lett. “principale Condottiero”.
O, “quelli che sono ritenuti sacri (trattati come santi)”. Gr. hoi hagiazòmenoi; lat. qui sanctificantur; J17,22(ebr.), hamquddashìm.
“Fratelli”: gr. adelfoùs; lat. fratres; J17,18,22(ebr.), ʼachìm.
Lett. “ecclesia”. Gr. ekklesìas; lat. ecclesiae; J17,18,22(ebr.), qahàl.
Vedi App. 1D.
O, “distruggesse (rendesse inattivo)”.
“Il Diavolo”, אABVg; SypJ17,18,22, “Satana”.
Lett. “capo sacerdote”.
Lett. “di fare propiziazione”.