Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Deuteronomio 6:1-25

6  “Ora questi sono il comandamento, i regolamenti e le decisioni giudiziarie che Geova vostro Dio ha comandato d’insegnarvi,+ in modo che li mettiate in pratica nel paese al quale passate per prenderne possesso;  affinché tu tema+ Geova tuo Dio in modo da osservare tutti i suoi statuti e i suoi comandamenti che io ti comando, tu e tuo figlio e tuo nipote,+ tutti i giorni della tua vita, e affinché i tuoi giorni siano prolungati.+  E devi ascoltare, o Israele, e aver cura di metter[li] in pratica,+ perché ti vada bene+ e diveniate moltissimi, proprio come Geova l’Iddio dei tuoi antenati ti ha promesso,+ rispetto al paese* dove scorre latte e miele.  “Ascolta, o Israele: Geova nostro Dio è un solo Geova.*+  E devi amare Geova tuo Dio con tutto il tuo cuore+ e con tutta la tua anima+ e con tutta la tua forza vitale.+  E queste parole che oggi ti comando devono essere nel tuo cuore;+  e le devi inculcare a tuo figlio+ e parlarne quando siedi nella tua casa e quando cammini per la strada e quando giaci+ e quando ti levi.  E devi legartele come un segno sulla mano,+ e devono servire da frontale fra i tuoi occhi;+  e le devi scrivere sugli stipiti* della tua casa e sulle tue porte.+ 10  “E deve avvenire che quando Geova tuo Dio ti avrà introdotto nel paese che giurò ai tuoi antenati Abraamo, Isacco e Giacobbe di darti,+ città grandi e belle che tu non hai edificato,+ 11  e case piene di ogni cosa buona e che tu non hai riempito, e cisterne scavate che tu non hai scavato, vigne e olivi che tu non hai piantato, e avrai mangiato e ti sarai saziato,+ 12  guardati dal dimenticare+ Geova, che ti ha fatto uscire dal paese d’Egitto, dalla casa degli schiavi. 13  Geova tuo Dio devi temere,+ e lui devi servire*+ e nel suo nome devi giurare.+ 14  Non dovete camminare dietro ad altri dèi, agli dèi dei popoli che sono tutt’intorno a voi+ 15  (poiché Geova tuo Dio è in mezzo a te un Dio che esige esclusiva devozione),+ affinché l’ira di Geova tuo Dio non divampi contro di te+ ed egli non ti debba annientare di sulla superficie del suolo.+ 16  “Non dovete mettere Geova vostro Dio alla prova,+ nel modo in cui lo metteste alla prova a Massa.*+ 17  A tutti i costi dovete osservare i comandamenti di Geova vostro Dio+ e le sue testimonianze+ e i suoi regolamenti+ che egli ti ha comandato.+ 18  E devi fare ciò che è retto e buono agli occhi di Geova, perché ti vada bene+ e realmente entri e prenda possesso del buon paese circa il quale Geova ha giurato ai tuoi antenati,+ 19  respingendo tutti i tuoi nemici d’innanzi a te, proprio come Geova ha promesso.+ 20  “Nel caso che un giorno futuro tuo figlio ti domandi,+ dicendo: ‘Che significano le testimonianze e i regolamenti e le decisioni giudiziarie che Geova nostro Dio vi ha comandato?’ 21  devi quindi dire a tuo figlio: ‘Divenimmo schiavi di Faraone in Egitto, ma Geova ci fece uscire dall’Egitto con mano forte.+ 22  Geova poneva dunque segni e miracoli+ grandi e calamitosi sull’Egitto, su Faraone e su tutta la sua casa davanti ai nostri occhi.+ 23  E ci fece uscire di là al fine di condurci qui per darci il paese circa il quale aveva giurato ai nostri antenati.+ 24  Perciò Geova comandò di eseguire tutti questi regolamenti,+ di temere Geova nostro Dio per il nostro bene,+ sempre, perché continuassimo a vivere come in questo giorno.+ 25  E per noi significherà giustizia,+ che abbiamo cura di mettere in pratica tutto questo comandamento dinanzi a Geova nostro Dio, proprio come egli ci ha comandato’.+

Note in calce

“Rispetto al paese”: lett. “il paese”, MSam; LXX, “di darti un paese”; Sy, “che ti avrebbe dato un paese”.
O, “Geova è il nostro Dio, Geova è uno [o, c’è un solo Geova]”. Lett. “Geova nostro Dio [è] Geova uno”. Ebr. Yehwàh ʼElohèhnu Yehwàh ʼechàdh.
‘Stipiti di’: ebr. mezuzòth, da cui il termine ebr. moderno “mezuzah”. Vedi nt. a Eso 12:7, “stipiti”.
“Devi servire (adorare)”: ebr. thaʽavòdh; gr. latrèuseis, “renderai sacro servizio”. Vedi nt. a Eso 3:12.
Significa “prova”.