Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Deuteronomio 4:1-49

4  “Ed ora, o Israele, ascolta i regolamenti e le decisioni giudiziarie che vi insegno a mettere in pratica, perché viviate+ e in realtà entriate a prendere possesso del paese che Geova l’Iddio dei vostri antenati vi dà.  Non dovete aggiungere alla parola che vi comando, né dovete togliere da essa,+ in modo da osservare i comandamenti di Geova vostro Dio che io vi comando.  “I vostri propri occhi son quelli che hanno visto ciò che Geova fece nel caso del Baal di Peor,*+ che ogni uomo che aveva camminato dietro al Baal di Peor fu quello che Geova tuo Dio annientò di mezzo a te.+  Ma voi che vi tenete stretti+ a Geova vostro Dio siete oggi tutti vivi.  Vedete, vi ho insegnato regolamenti+ e decisioni giudiziarie,+ proprio come Geova mio Dio mi ha comandato, perché facciate in tal modo in mezzo al paese nel quale andate per prenderne possesso.  E voi li dovete osservare e mettere in pratica, perché questa è sapienza+ da parte vostra e intendimento+ da parte vostra davanti agli occhi dei popoli che udranno di tutti questi regolamenti, e per certo diranno: ‘Questa grande nazione è senza dubbio un popolo saggio e che ha intendimento’.+  Poiché quale grande nazione+ c’è che abbia dèi* ad essa vicini come lo è Geova nostro Dio tutte le volte che lo invochiamo?+  E quale grande nazione c’è che abbia giusti regolamenti e decisioni giudiziarie come tutta questa legge che oggi metto davanti a voi?+  “Solo guardati, e bada bene all’anima tua,+ affinché tu non dimentichi le cose che i tuoi occhi hanno visto+ e affinché non si allontanino dal tuo cuore per tutti i giorni della tua vita;+ e le devi far conoscere ai tuoi figli e ai tuoi nipoti,*+ 10  il giorno che stesti dinanzi a Geova tuo Dio in Horeb,*+ quando Geova mi disse: ‘Congregami* il popolo perché io faccia udire loro le mie parole,+ perché imparino a temermi+ tutti i giorni che saranno in vita sul suolo e perché insegnino ai loro figli’.+ 11  “Così vi avvicinaste e steste ai piedi del monte, e il monte ardeva con fuoco fino in mezzo al cielo;* c’erano tenebre, nuvole e fitta oscurità.+ 12  E Geova vi parlava di mezzo al fuoco.+ Voi udivate il suono delle parole, ma non vedevate nessuna forma,+ nient’altro che una voce.+ 13  Ed egli vi dichiarava il suo patto,+ che vi comandò di mettere in pratica, le Dieci Parole,*+ dopo di che le scrisse su due tavolette di pietra.+ 14  E fu a me che Geova comandò in quel particolare tempo d’insegnarvi regolamenti e decisioni giudiziarie, perché li mettiate in pratica nel paese al quale passate per prenderne possesso.+ 15  “E dovete badare bene alle vostre anime,+ poiché non vedeste nessuna forma+ il giorno che Geova vi parlò in Horeb di mezzo al fuoco, 16  affinché non agiate rovinosamente+ e non vi facciate realmente un’immagine scolpita, la forma di qualche simbolo, la rappresentazione di maschio o femmina,+ 17  la rappresentazione di qualche bestia che è sulla terra,+ la rappresentazione di qualche uccello alato che vola nei cieli,+ 18  la rappresentazione di qualunque cosa che si muove sul suolo, la rappresentazione di qualche pesce+ che è nelle acque sotto la terra; 19  e affinché non alzi i tuoi occhi ai cieli e in realtà veda il sole e la luna e le stelle, tutto l’esercito dei cieli, e sia realmente sedotto e ti inchini davanti ad essi e li serva,*+ essi che Geova tuo Dio ha ripartito a tutti i popoli sotto tutti i cieli.+ 20  Ma voi siete quelli che Geova prese per farvi uscire dalla fornace di ferro,+ fuori d’Egitto, affinché gli diveniste un popolo di proprietà particolare*+ come in questo giorno. 21  “E Geova si adirò contro di me per causa vostra,+ tanto che giurò che non avrei passato il Giordano o che non sarei entrato nel buon paese che Geova tuo Dio ti dà come eredità.+ 22  Poiché sto per morire in questo paese.+ Io non passerò il Giordano, ma voi lo passerete, e dovrete prendere possesso di questo buon paese. 23  Guardatevi dal dimenticare il patto di Geova vostro Dio che egli concluse con voi+ e dal farvi un’immagine scolpita, la forma di qualunque cosa circa la quale Geova tuo Dio ti ha comandato.+ 24  Poiché Geova tuo Dio è un fuoco consumante,+ un Dio che esige esclusiva devozione.*+ 25  “Nel caso che tu generi* figli e nipoti e che abbiate risieduto a lungo nel paese e davvero agiate rovinosamente+ e in effetti facciate un’immagine scolpita,+ la forma di qualunque cosa, e davvero commettiate il male agli occhi di Geova vostro Dio+ in modo da offenderlo, 26  realmente prendo oggi a testimoni contro di voi i cieli e la terra,+ che positivamente perirete in fretta dal paese verso cui passate il Giordano per prenderne possesso. Non prolungherete su di esso i vostri giorni, perché sarete positivamente annientati.+ 27  E Geova certamente vi disperderà fra i popoli,+ e in realtà vi si lascerà rimanere in pochi+ di numero fra le nazioni dove Geova vi condurrà. 28  E là dovrete servire dèi,+ prodotto delle mani dell’uomo, legno e pietra,+ che non possono vedere né udire né mangiare né odorare.+ 29  “Se di là davvero cercherete Geova tuo Dio, allora certamente lo troverai,+ perché domanderai di lui con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima.+ 30  Quando sarai in grave angustia e tutte queste parole ti saranno accadute al termine dei giorni, allora dovrai tornare a Geova tuo Dio+ e ascoltare la sua voce.+ 31  Poiché Geova tuo Dio è un Dio misericordioso.+ Egli non ti abbandonerà né ti ridurrà in rovina né dimenticherà il patto+ dei tuoi antenati che egli giurò loro. 32  “Ora chiedi, ti prego, riguardo ai giorni precedenti+ che trascorsero prima di te, dal giorno che Dio creò l’uomo* sulla terra+ e da un’estremità all’altra dei cieli: È stata mai compiuta alcuna cosa grande come questa o si è mai udito nulla di simile?+ 33  Ha qualche altro popolo udito la voce di Dio* parlare di mezzo al fuoco come l’hai udita tu, e ha seguitato a vivere?+ 34  O ha provato Dio a venire a prendersi una nazione di mezzo a un’altra nazione con prove,+ con segni+ e con miracoli+ e con guerra+ e con mano forte+ e con braccio steso+ e con grande spavento+ come tutto ciò che Geova vostro Dio ha fatto per voi in Egitto davanti ai tuoi occhi? 35  A te, a te è stato mostrato, perché tu conosca che Geova è il [vero] Dio;+ non c’è nessun altro all’infuori di lui.+ 36  Dai cieli ti ha fatto udire la sua voce per correggerti; e sulla terra ti ha fatto vedere il suo gran fuoco, e hai udito le sue parole di mezzo al fuoco.+ 37  “E [ciò nonostante continui a vivere], perché* egli amò i tuoi antenati così che scelse il loro seme dopo di loro*+ e ti fece uscire dall’Egitto alla sua vista, con la sua grande potenza,+ 38  per cacciare d’innanzi a te nazioni più grandi e più potenti di te, al fine di farti entrare, per darti il loro paese in eredità come in questo giorno.+ 39  E sai bene oggi, e devi richiamare in cuor tuo* che Geova è il [vero] Dio nei cieli di sopra e sulla terra di sotto.+ Non c’è nessun altro.+ 40  E devi osservare i suoi regolamenti+ e i suoi comandamenti che oggi ti comando, perché vada bene a te+ e ai tuoi figli dopo di te, e affinché tu prolunghi i tuoi giorni sul suolo che Geova tuo Dio ti dà,+ sempre”. 41  In quel tempo Mosè metteva da parte tre città dal lato del Giordano verso il levar del sole,+ 42  perché vi fuggisse l’omicida che avesse ucciso il suo prossimo senza saperlo,+ mentre in precedenza non lo odiava;+ e deve fuggire in una di queste città e vivere,+ 43  cioè Bezer+ nel deserto sull’altopiano per i rubeniti, e Ramot+ in Galaad per i gaditi, e Golan+ in Basan per i manassiti.+ 44  Ora questa è la legge+ che Mosè pose davanti ai figli d’Israele. 45  Queste sono le testimonianze*+ e i regolamenti+ e le decisioni giudiziarie+ che Mosè pronunciò ai figli d’Israele alla loro uscita dall’Egitto, 46  nella regione del Giordano nella valle di fronte a Bet-Peor,+ nel paese di Sihon re degli amorrei, che dimorava a Esbon,+ che Mosè e i figli d’Israele sconfissero alla loro uscita dall’Egitto.+ 47  E prendevano possesso del suo paese e del paese di Og+ re di Basan, i due re degli amorrei che erano nella regione del Giordano verso il levar del sole, 48  da Aroer,+ che è sulla sponda della valle del torrente Arnon, fino al monte Sion,* vale a dire l’Ermon,+ 49  e tutta l’Araba+ nella regione del Giordano verso oriente, e fino al mare dell’Araba+ ai piedi delle pendici del Pisga.+

Note in calce

O, “di Baal-Peor”.
“Dèi”: ebr. ʼelohìm, seguito dall’aggettivo pl. qerovìm, “vicini” (la Vg è uguale); LXX, “Dio; un dio”, seguito da un aggettivo sing.
Lett. “ai figli dei tuoi figli”.
I LXX aggiungono: “nel giorno dell’assemblea [gr. ekklesìas]”, la prima volta che questa parola ricorre nei LXX.
‘Congrega’: gr. Ekklesìason; lat. congrega.
Lett. “fino al cuore dei cieli”.
“Le Dieci Parole (Decalogo)”, comunemente chiamate i Dieci Comandamenti. Ebr. ʽasèreth haddevarìm; gr. dèka rhèmata, “Dieci Detti”; lat. decem verba. Vedi nt. a 10:4; nt. a Eso 34:28, “Parole”.
“E li serva (adori)”: ebr. waʽavadhtàm; gr. latrèuseis, “renderai sacro servizio”. Vedi nt. a Eso 3:12.
O, “popolo di eredità”.
“Un Dio che esige esclusiva devozione”: MSam(ebr.), ʼEl qannàʼ; gr. Theòs zelotès.
“Tu generi”, MLXX; SamSyItVg, “voi generiate”.
“Uomo”: ebr. ʼadhàm.
“Di Dio”, MVg; SamLXX, “dell’Iddio vivente”.
“E ciò nonostante continui a vivere, perché”, probabile lezione dell’ebr., in armonia con il v. 33 e 5:26; LXXVg, “Perché”.
“Il loro seme dopo di loro”, SamLXXSyVg; M, “il suo seme dopo di lui”.
O, “devi richiamare alla tua mente”.
O, “rammemoratori; esortazioni”.
“Sion”, MSamLXXVg; Sy, “Sirion”. Vedi nt. a 3:9.