Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Deuteronomio 25:1-19

25  “Nel caso che fra uomini sorga una disputa,+ ed essi si siano presentati per il giudizio,+ li devono anche giudicare e dichiarare giusto il giusto e dichiarare malvagio il malvagio.+  E deve accadere che se il malvagio merita di essere battuto,*+ il giudice lo deve anche far prostrare e gli deve far dare in sua presenza un numero di colpi+ corrispondente alla sua azione malvagia.  Lo può battere con quaranta colpi. Non ne deve aggiungere nessuno, affinché egli non continui a batterlo con molti colpi in aggiunta a questi+ e il tuo fratello sia realmente svergognato ai tuoi occhi.  “Non devi mettere la museruola al toro mentre trebbia.+  “Nel caso che dei fratelli dimorino insieme e uno di loro sia morto senza avere figli, la moglie del morto non deve divenire di un uomo estraneo di fuori. Suo cognato vada da lei, e la deve prendere in moglie e compiere con lei il matrimonio del cognato.*+  E deve avvenire che il primogenito che essa partorisce deve succedere al nome del suo fratello morto+ perché il suo nome non sia cancellato da Israele.+  “Ora se l’uomo non prova alcun diletto nel prendere la vedova di suo fratello, la vedova di suo fratello deve quindi salire alla porta dagli anziani+ e dire: ‘Il fratello di mio marito si è rifiutato di conservare in Israele il nome di suo fratello. Non ha acconsentito a compiere con me il matrimonio del cognato’.  E gli anziani della sua città devono chiamarlo e parlargli, ed egli deve presentarsi e dire: ‘Non ho provato diletto nel prenderla’.+  Allora la vedova di suo fratello gli si deve accostare davanti agli occhi degli anziani e gli deve togliere il sandalo dal piede+ e gli deve sputare in faccia+ e deve rispondere e dire: ‘In questo modo si deve fare all’uomo che non edifica la casa di suo fratello’.+ 10  E in Israele gli si deve dar nome ‘La casa di colui al quale fu tolto il sandalo’. 11  “Nel caso che degli uomini lottino insieme l’uno con l’altro, e la moglie dell’uno si sia avvicinata per liberare suo marito dalla mano di colui che lo colpisce, ed essa abbia teso la mano e l’abbia afferrato per i genitali,+ 12  devi quindi amputarle la mano.* Il tuo occhio non deve provare commiserazione.+ 13  “Non devi avere nella tua borsa due sorte di pesi,*+ uno grande e uno piccolo. 14  Non devi avere nella tua casa due sorte di efa,*+ una grande e una piccola. 15  Devi continuare ad avere un peso accurato e giusto. Devi continuare ad avere un’efa accurata e giusta, affinché i tuoi giorni siano prolungati sul suolo che Geova* tuo Dio ti dà.+ 16  Poiché chiunque fa queste cose, ogni operatore d’ingiustizia, è qualcosa di detestabile a Geova* tuo Dio.+ 17  “Si deve ricordare* ciò che Amalec ti fece per la via quando uscivate dall’Egitto,+ 18  come ti venne incontro nella via e colpiva dietro di te tutti quelli che ti si trascinavano dietro, mentre tu eri esausto e affaticato; e non temette Dio.+ 19  E deve avvenire che quando Geova tuo Dio ti ha dato riposo da tutti i tuoi nemici all’intorno nel paese che Geova tuo Dio ti dà in eredità per prenderne possesso,+ devi cancellare la menzione di Amalec di sotto i cieli.+ Non devi dimenticare.

Note in calce

Lett. “è un figlio di battitura”.
“E compiere con lei il matrimonio del cognato (il levirato)”: ebr. weyibbemàh.
Lett. “la palma”.
Lett. “nella tua borsa un peso e un peso”.
Lett. “nella tua casa un’efa e un’efa”.
Vedi App. 1C (1).
Vedi App. 1C (1).
Vedi nt. a 24:9, “ricordare”.