Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Deuteronomio 21:1-23

21  “Nel caso che qualcuno sia trovato ucciso sul suolo che Geova* tuo Dio ti dà per prenderne possesso, caduto sul campo, e non sia noto chi l’ha colpito a morte,+  i tuoi anziani e i tuoi giudici+ devono allora uscire e misurare fino alle città che sono tutt’intorno all’ucciso;  e deve risultare la città più vicina all’ucciso. E gli anziani di quella città devono prendere una giovenca della mandria con la quale non si è lavorato,* che non ha tirato al giogo;  e gli anziani di quella città devono far scendere la giovenca alla valle di un torrente dove scorre acqua, nella quale di solito non si lavora né si semina, e devono rompere il collo della giovenca là nella valle del torrente.+  “E devono accostarsi i sacerdoti figli di Levi, perché essi sono quelli che Geova tuo Dio ha scelto affinché lo servano+ e affinché benedicano+ nel nome di Geova e per la cui bocca si deve porre fine a ogni disputa su ogni azione violenta.*+  Quindi tutti gli anziani di quella città che sono i più vicini all’ucciso si devono lavare le mani+ sulla giovenca, il cui collo è stato rotto nella valle del torrente;  e devono rispondere e dire: ‘Le nostre mani non hanno sparso questo sangue, né i nostri occhi [l’]hanno visto [spargere].+  Non lo mettere in conto al tuo popolo Israele, che hai redento,+ o Geova,* e non mettere la colpa del sangue innocente+ in mezzo al tuo popolo Israele’. E la colpa di sangue non dev’essere messa loro in conto.  E tu, tu toglierai la colpa del sangue innocente di mezzo a te,+ perché farai ciò che è retto agli occhi di Geova.+ 10  “Nel caso che tu esca in battaglia contro i tuoi nemici e Geova tuo Dio te li abbia dati in mano+ e tu li abbia portati via prigionieri,+ 11  e tu abbia visto fra i prigionieri una donna bella di forme, e abbia provato attaccamento per lei+ e l’abbia presa in moglie, 12  la devi quindi condurre in mezzo alla tua casa. Essa deve ora radersi la testa+ e farsi le unghie, 13  e togliersi di dosso il mantello della sua prigionia e dimorare nella tua casa e piangere suo padre e sua madre per un mese lunare intero;*+ e dopo ciò devi avere relazione con lei, e devi prenderne possesso come tua sposa, ed essa deve divenire tua moglie. 14  E deve avvenire che se non hai provato diletto in lei, la devi quindi mandare via,+ a gradimento della sua propria anima;* ma non la devi in nessun modo vendere per denaro. Non la devi trattare da tiranno+ dopo averla umiliata. 15  “Nel caso che un uomo abbia due mogli, una amata e l’altra odiata, ed esse, l’amata e l’odiata, gli abbiano partorito figli, e il figlio primogenito sia dell’odiata,+ 16  deve quindi avvenire che nel giorno in cui egli dà in eredità ai suoi figli ciò che possiede, non gli sarà permesso di costituire suo primogenito il figlio dell’amata a spese del figlio dell’odiata, il primogenito.+ 17  Poiché deve riconoscere come primogenito il figlio dell’odiata dandogli due parti di tutto ciò che possiede,+ perché quello è il principio del suo potere generativo.+ Il diritto della posizione di primogenito appartiene a lui.+ 18  “Nel caso che un uomo abbia un figlio ostinato e ribelle,+ il quale non ascolta la voce di suo padre né la voce di sua madre,+ ed essi l’abbiano corretto ma egli non li ascolti,+ 19  suo padre e sua madre devono quindi afferrarlo e condurlo dagli anziani della sua città e alla porta del suo luogo,+ 20  e devono dire agli anziani della sua città: ‘Questo nostro figlio è ostinato e ribelle; non ascolta la nostra voce,+ essendo un ghiottone*+ e un ubriacone’.+ 21  Quindi tutti gli uomini della sua città lo devono colpire con pietre ed egli deve morire. Devi togliere così ciò che è male di mezzo a te, e tutto Israele udrà e realmente avrà timore.+ 22  “E nel caso che in un uomo ci sia un peccato che meriti la sentenza di morte, ed egli sia stato messo a morte,+ e tu l’abbia appeso a un palo,*+ 23  il suo corpo morto non dovrebbe restare sul palo per tutta la notte;+ ma lo devi senz’altro seppellire quel giorno, perché colui che è appeso è qualcosa di maledetto da Dio;*+ e non devi contaminare il tuo suolo, che Geova tuo Dio ti dà in eredità.+

Note in calce

Vedi App. 1C (1).
Forse, “che non è stata incrociata (accoppiata; fecondata)”, secondo una correzione. Vedi VT, vol. II, 1952, p. 356.
Lett. “a ogni disputa e a ogni azione violenta”. Esempio di endiadi. Cfr. nt. a Ge 3:16.
Vedi App. 1C (1).
Lett. “un mese lunare di giorni”.
“A gradimento della sua propria anima”, M(ebr. lenafshàh)SamSy. O, “a gradimento di (per) se stessa; dove desidera”. LXXVg, “libera”.
O, “essendo prodigo (sperperatore)”.
Lett. “albero”; o, “legno”.
Lett. “è una maledizione [in senso concreto] di Dio”.