Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Deuteronomio 10:1-22

10  “In quel particolare tempo Geova mi disse: ‘Tagliati due tavolette di pietra come le prime,+ e sali a me sul monte, e ti devi fare un’arca di legno.+  E scriverò sulle tavolette le parole che erano sulle prime tavolette, che spezzasti, e le devi mettere nell’arca’.  Feci dunque un’arca di legno di acacia e tagliai due tavolette di pietra come le prime+ e salii sul monte, e le due tavolette erano nella mia mano.  Quindi egli scrisse sulle tavolette la stessa iscrizione di prima,+ le Dieci Parole,*+ che Geova vi aveva pronunciato sul monte di mezzo al fuoco+ nel giorno della congregazione;+ dopo di che Geova me le diede.  Quindi mi voltai e scesi dal monte+ e posi le tavolette nell’arca che avevo fatto, affinché vi rimanessero, proprio come Geova mi aveva comandato.+  “E i figli d’Israele partirono da Beerot Bene-Iaacan+ per Mosera. Là Aaronne morì e vi fu sepolto;+ e suo figlio Eleazaro cominciò a fare da sacerdote invece di lui.+  Di là partirono per Gudgoda, e da Gudgoda per Iotbata,+ paese di valli di torrenti d’acqua.  “In quel particolare tempo Geova separò la tribù di Levi+ perché portasse l’arca del patto di Geova,+ perché stesse dinanzi a Geova per servirlo+ e per benedire nel suo nome fino a questo giorno.+  Perciò Levi non ha avuto parte né eredità+ con i suoi fratelli. Geova è la sua eredità, proprio come Geova tuo Dio gli aveva detto.+ 10  E io, io stetti* sul monte come i primi giorni, per quaranta giorni e quaranta notti,+ e Geova mi ascoltava anche in quella occasione.+ Geova non vi volle ridurre in rovina.+ 11  Quindi Geova mi disse: ‘Levati, va davanti al popolo per la partenza, perché entrino e prendano possesso del paese che ho giurato ai loro padri di dar loro’.+ 12  “Ed ora, o Israele, che cosa ti chiede Geova tuo Dio+ se non di temere+ Geova tuo Dio, in modo da camminare in tutte le sue vie+ e amarlo+ e servire Geova tuo Dio con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima,+ 13  di osservare i comandamenti di Geova e i suoi statuti+ che io oggi ti comando, per il tuo bene?+ 14  Ecco, a Geova tuo Dio appartengono i cieli,+ sì, i cieli dei cieli, la terra+ e tutto ciò che è in essa. 15  Solo ai tuoi antenati Geova mostrò attaccamento in modo da amarli, così che scelse la loro progenie dopo di loro,+ sì, voi, fra tutti i popoli, come in questo giorno. 16  E dovete circoncidere il prepuzio del vostro cuore+ e non indurire* più il vostro collo.+ 17  Poiché Geova vostro Dio è l’Iddio degli dèi*+ e il Signore dei signori,*+ l’Iddio* grande, potente e tremendo,+ che non tratta nessuno con parzialità+ né accetta regalo,*+ 18  eseguendo il giudizio per l’orfano di padre e per la vedova+ ed amando il residente forestiero+ in modo da dargli pane e mantello. 19  Anche voi dovete amare il residente forestiero,+ poiché diveniste residenti forestieri nel paese d’Egitto.+ 20  “Geova tuo Dio devi temere.+ Lui devi servire,+ e a lui devi tenerti stretto,+ e nel suo nome devi fare dichiarazioni giurate.+ 21  Egli è Colui che devi lodare,*+ ed egli è il tuo Dio, che ha fatto con te queste cose grandi e tremende che i tuoi occhi hanno visto.+ 22  Con settanta anime i tuoi antenati scesero in Egitto,+ ed ora Geova tuo Dio ti ha costituito come le stelle dei cieli per moltitudine.+

Note in calce

“Le Dieci Parole”, cioè parole di comando, comandamenti. Ebr. ʽasèreth haddevarìm; gr. dèka lògous, “Decalogo”; lat. verba decem. Vedi nt. a 4:13; nt. a Eso 34:28, “Parole”.
O, “rimasi”. Cfr. nt. a Eso 9:16, “esistenza”.
O, “irrigidire”.
“L’Iddio degli dèi”: MSam(ebr.), ʼElohèh haʼelohìm; gr. Theòs ton theòn; lat. Deus deorum.
“E il Signore dei signori”: ebr. waʼAdhonèh (pl. di maestà) haʼadhonìm; gr. Kỳrios ton kyrìon; lat. Dominus dominantium, “Signore di quelli che dominano”.
O, “il [vero] Dio”. MSam(ebr.), haʼÈl; gr. ho Theòs; lat. Deus. Vedi App. 1G.
O, “dono offerto allo scopo di corrompere”.
Lett. “Egli è la tua lode”.