Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Atti 9:1-43

9  Ma Saulo, spirando ancora minaccia e assassinio+ contro i discepoli+ del Signore, andò dal sommo sacerdote  e gli chiese lettere per le sinagoghe di Damasco, affinché se avesse trovato degli appartenenti alla Via,*+ sia uomini che donne, li potesse condurre legati a Gerusalemme.  Or mentre viaggiava si avvicinò a Damasco, e una luce dal cielo gli sfolgorò improvvisamente intorno,+  e, caduto a terra, udì una voce dirgli: “Saulo, Saulo, perché mi perseguiti?”+  Egli disse: “Chi sei, Signore?” Disse: “Sono Gesù, che tu perseguiti.+  Tuttavia, alzati+ ed entra nella città, e ti sarà detto ciò che dovrai fare”.  Ora gli uomini che viaggiavano con lui+ stavano fermi, senza parola,+ udendo, in realtà, il suono di una voce,+ ma non vedendo nessuno.  Ma Saulo si alzò da terra, e benché i suoi occhi fossero aperti non vedeva nulla.+ E lo condussero per mano e lo accompagnarono a Damasco.  E per tre giorni non vide nulla,+ e non mangiò né bevve. 10  A Damasco c’era un certo discepolo di nome Anania,+ e il Signore gli disse in una visione: “Anania!” Egli disse: “Eccomi, Signore”. 11  Il Signore gli disse: “Alzati, va sulla strada chiamata Diritta, e nella casa di Giuda cerca un uomo di nome Saulo, di Tarso.+ Poiché, ecco, sta pregando, 12  e in una visione* ha visto un uomo di nome Anania entrare e porre su di lui le mani, affinché ricuperi la vista”.+ 13  Ma Anania rispose: “Signore, ho udito da molti circa quest’uomo, quante cose dannose ha fatto ai tuoi santi in Gerusalemme. 14  E qui ha autorità dai capi sacerdoti di mettere in legami tutti quelli che invocano il tuo nome”.+ 15  Ma il Signore gli disse: “Va, perché quest’uomo è per me un vaso eletto+ per portare il mio nome alle nazioni+ e anche ai re+ e ai figli d’Israele. 16  Poiché gli mostrerò chiaramente quante cose debba soffrire per il mio nome”.+ 17  E Anania andò ed entrò nella casa, e poste su di lui le mani, disse: “Saulo, fratello, il Signore, il Gesù che ti apparve sulla strada per cui venivi, mi ha mandato, affinché tu ricuperi la vista e sia pieno di spirito santo”.+ 18  E immediatamente gli caddero dagli occhi come delle scaglie, e ricuperò la vista; e si alzò e fu battezzato, 19  e prese del cibo e acquistò forza.+ E per alcuni giorni fu con i discepoli a Damasco,+ 20  e immediatamente predicava nelle sinagoghe Gesù,+ che Questi è il Figlio di Dio. 21  Ma tutti quelli che lo udivano si stupivano e dicevano: “Non è costui l’uomo che faceva strage+ di quelli che a Gerusalemme invocano questo nome, e che era venuto qui proprio per questo scopo, per condurli legati ai capi sacerdoti?”+ 22  Ma Saulo acquistava sempre più potenza e confondeva i giudei che dimoravano a Damasco, provando logicamente che questi è il Cristo.+ 23  Or quando si compivano molti giorni, i giudei tennero consiglio per sopprimerlo.+ 24  Comunque, il loro complotto contro di lui divenne noto a Saulo. Ma giorno e notte vigilavano attentamente anche alle porte, per sopprimerlo.+ 25  E i suoi discepoli lo presero e lo fecero scendere di notte da un’apertura del muro, calandolo in un cesto.+ 26  Arrivato a Gerusalemme,+ fece degli sforzi per unirsi ai discepoli; ma avevano tutti timore di lui, perché non credevano che fosse un discepolo. 27  E Barnaba venne in suo aiuto+ e lo condusse dagli apostoli, e narrò loro nei particolari come per la strada aveva visto il Signore+ e che gli aveva parlato,+ e come a Damasco+ aveva parlato intrepidamente nel nome di Gesù. 28  Ed egli restò con loro, entrando e uscendo* a Gerusalemme, parlando intrepidamente nel nome del Signore;+ 29  e parlava e disputava con i giudei di lingua greca.* Ma questi fecero dei tentativi per sopprimerlo.+ 30  Quando i fratelli lo ebbero saputo, lo condussero a Cesarea e lo mandarono a Tarso.+ 31  Quindi, in realtà, in tutta la Giudea e la Galilea e la Samaria la congregazione+ entrò in un periodo di pace, essendo edificata; e mentre camminava nel timore di Geova*+ e nel conforto dello spirito santo,+ si moltiplicava. 32  Or mentre Pietro andava per ogni [parte], scese anche dai santi che dimoravano a Lidda.+ 33  Là trovò un certo uomo di nome Enea, che giaceva disteso su una branda da otto anni, poiché era paralizzato. 34  E Pietro gli disse:+ “Enea, Gesù Cristo ti sana.+ Alzati e rifà il tuo letto”. E immediatamente si alzò. 35  E tutti quelli che abitavano a Lidda e nella [pianura di] Saron*+ lo videro, e si volsero al Signore.+ 36  Ma a Ioppe+ c’era una certa discepola di nome Tabita, che, tradotto, significa Gazzella.* Essa abbondava in buone opere+ e faceva doni di misericordia. 37  Ma accadde che in quei giorni si ammalò e morì. E lavatala, la posero in una camera superiore. 38  Ora poiché Lidda era vicino a Ioppe,+ i discepoli, avendo udito che Pietro era in quella città, gli inviarono due uomini per supplicar[lo]: “Ti preghiamo, non esitare* a venire fino a noi”. 39  Allora Pietro si alzò e andò con loro. E quando fu arrivato, lo condussero nella camera superiore; e tutte le vedove gli si presentarono, piangendo e mostrando molte vesti e mantelli+ che Gazzella faceva mentre era con loro.+ 40  Ma Pietro mandò tutti fuori+ e, piegando le ginocchia, pregò, e, voltandosi verso il corpo, disse: “Tabita,* alzati!” Essa aprì gli occhi e, scorto Pietro, si mise a sedere.+ 41  Datale la mano, egli la fece alzare+ e, chiamati i santi e le vedove, la presentò vivente.+ 42  Questo fu noto in tutta Ioppe e molti divennero credenti nel Signore.+ 43  Per parecchi giorni egli rimase a Ioppe+ con un certo Simone conciatore.+

Note in calce

‘La Via’: gr. tes hodoù.
“In una visione”, BCSyh,pArm; P74אAVg omettono.
O, “svolgendo la sua vita quotidiana”.
Lett. “gli ellenisti”. J17, “i giudei greci”.
Vedi App. 1D.
אAB, “Saron”; J17,18,22, “Sharon”.
O, “Dorcas” (gr.), che corrisponde a “Tabita” (aram.); entrambi i nomi significano “Gazzella”.
O, “non tardare”.
Vedi nt. al v. 36.