Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Atti 18:1-28

18  Dopo queste cose partì da Atene e giunse a Corinto.  E trovò un certo giudeo di nome Aquila,+ nativo del Ponto, che era di recente venuto dall’Italia,+ e Priscilla sua moglie, per il fatto che Claudio+ aveva ordinato che tutti i giudei partissero da Roma. E andò da loro  e siccome era dello stesso mestiere restò nella loro casa, e lavoravano,+ poiché erano di mestiere fabbricanti di tende.  Comunque, ogni sabato pronunciava un discorso nella sinagoga+ e persuadeva giudei e greci.*  Or quando Sila+ e Timoteo+ scesero dalla Macedonia, Paolo si occupava intensamente della parola, testimoniando ai giudei per provare che Gesù è il Cristo.+  Ma poiché essi si opponevano e parlavano ingiuriosamente,+ scosse le sue vesti+ e disse loro: “Il vostro sangue+ ricada sulle vostre proprie teste. Io [ne] sono puro.+ Da ora in poi andrò alle persone delle nazioni”.+  Quindi si trasferì di là ed entrò nella casa di un uomo di nome Tizio Giusto, adoratore di Dio, la cui casa era adiacente alla sinagoga.  Ma Crispo,+ presidente della sinagoga, divenne credente nel Signore, e così tutta la sua casa. E molti dei corinti che udirono credevano ed erano battezzati.  Inoltre, di notte il Signore disse a Paolo+ per mezzo di una visione: “Non aver timore, ma continua a parlare e non tacere, 10  perché io sono con te+ e nessuno ti assalirà per farti del male; poiché ho un gran popolo in questa città”. 11  E vi stette un anno e sei mesi, insegnando fra loro la parola di Dio. 12  Or mentre Gallione era proconsole*+ dell’Acaia,* i giudei sorsero di comune accordo contro Paolo e lo condussero in tribunale,+ 13  dicendo: “Contro la legge costui persuade+ gli uomini ad adorare Dio in un altro modo”. 14  Ma mentre Paolo stava per aprire la bocca, Gallione disse ai giudei: “Se si trattasse, in realtà, di qualche torto o malvagio atto di furfanteria, o giudei, a ragione vi sopporterei pazientemente. 15  Ma se si tratta di controversie su parole e nomi+ e sulla legge+ fra voi, ve la dovete vedere voi. Io non desidero essere giudice di queste cose”. 16  Allora li mandò via dal tribunale. 17  E tutti afferrarono Sostene,+ presidente della sinagoga, e lo percuotevano davanti al tribunale. Ma Gallione non si dava affatto pensiero di queste cose. 18  Comunque, dopo essere rimasto ancora per parecchi giorni, Paolo si accomiatò dai fratelli e salpò per la Siria, e con lui Priscilla e Aquila, dopo essersi fatto radere il capo+ a Cencrea,*+ poiché aveva fatto un voto. 19  E arrivarono a Efeso, e là li lasciò; ma egli entrò nella sinagoga+ e ragionò con i giudei. 20  Benché lo pregassero di rimanere più a lungo, non acconsentì, 21  ma si accomiatò+ da loro e disse: “Tornerò da voi di nuovo, se Geova* vuole”.+ E salpò da Efeso 22  e scese a Cesarea. E salì* e salutò la congregazione, e scese ad Antiochia. 23  E quando vi ebbe trascorso qualche tempo partì e andò di luogo in luogo attraverso il paese della Galazia+ e della Frigia,+ rafforzando+ tutti i discepoli. 24  Ora un certo giudeo di nome Apollo,+ nativo di Alessandria, uomo eloquente, arrivò a Efeso; ed era ben versato nelle Scritture.+ 25  Quest’[uomo] era stato istruito oralmente nella via di Geova* e, siccome era fervente nello spirito,+ parlava e insegnava con correttezza le cose intorno a Gesù, ma conoscendo solo il battesimo+ di Giovanni. 26  E quest’[uomo] cominciò a parlare intrepidamente nella sinagoga. Dopo averlo udito, Priscilla e Aquila+ lo presero con sé e gli spiegarono più correttamente la via di Dio. 27  Inoltre, giacché desiderava passare in Acaia, i fratelli scrissero ai discepoli, esortandoli a riceverlo benignamente. E quando fu giunto, aiutò+ grandemente quelli che avevano creduto a motivo dell’immeritata benignità [di Dio];+ 28  poiché con intensità provava completamente in pubblico che i giudei avevano torto, mentre dimostrava con le Scritture+ che Gesù era il Cristo.+

Note in calce

Lett. “elleni”. Gr. Hèllenas.
Governatore di una provincia per conto del Senato romano.
La provincia romana della Grecia meridionale con capitale Corinto.
Porto di Corinto per i paesi a oriente.
Vedi App. 1D.
Pare a Gerusalemme.
Vedi App. 1D.