Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Amos 7:1-17

7  Questo è ciò che mi fece vedere il Sovrano Signore Geova, ed ecco, formava uno sciame [di locuste] all’inizio dello spuntare della semina tardiva.*+ Ed ecco, era la semina tardiva dopo l’erba falciata del re.*  E accadde che quando esso ebbe finito di divorare la vegetazione del paese,* io dicevo: “O Sovrano Signore Geova, perdona, ti prego.+ Chi sorgerà di Giacobbe? Poiché egli è piccolo!”+  Geova si rammaricò di questo.+ “Non accadrà”, disse Geova.  Questo è ciò che il Sovrano Signore Geova mi fece vedere, ed ecco, il Sovrano Signore Geova invocava una contesa per mezzo del fuoco;+ ed esso si mise a divorare le vaste acque dell’abisso* e divorò il tratto di paese.  E io dicevo: “O Sovrano Signore Geova, desisti, ti prego.+ Chi sorgerà di Giacobbe? Poiché egli è piccolo!”+  Geova si rammaricò di questo.+ “Anche questo non accadrà”, disse il Sovrano Signore Geova.  Questo è ciò che mi fece vedere, ed ecco, Geova* stava sopra un muro [fatto con] un piombino,+ e c’era un piombino nella sua mano.  Allora Geova mi disse: “Che vedi, Amos?”* Così dissi: “Un piombino”. E Geova* proseguì, dicendo: “Ecco, metto un piombino in mezzo al mio popolo Israele.+ Non lo scuserò più.+  E gli alti luoghi di Isacco*+ saranno certamente resi desolati, e gli stessi santuari+ d’Israele saranno devastati;+ e certamente mi leverò contro la casa di Geroboamo* con una spada”.+ 10  E Amazia il sacerdote di Betel+ mandava a dire a Geroboamo+ re d’Israele: “Amos ha cospirato contro di te proprio dentro la casa d’Israele.+ Il paese* non può sopportare tutte le sue parole.+ 11  Poiché Amos ha detto questo: ‘Geroboamo morirà di spada; e riguardo a Israele, andrà immancabilmente in esilio lontano dal suo proprio suolo’”.+ 12  E Amazia diceva ad Amos: “O visionario,+ va, fuggitene al paese di Giuda, e là mangia pane, e là puoi profetizzare. 13  Ma a Betel non devi più fare alcuna profezia,+ poiché è il santuario di un re+ ed è la casa di un regno”. 14  Quindi Amos rispose e disse ad Amazia: “Io non ero profeta, né ero figlio di profeta;*+ ma ero mandriano+ e pungitore di fichi di sicomori. 15  E Geova mi prendeva dal seguire il gregge, e Geova mi diceva: ‘Va, profetizza al mio popolo Israele’.+ 16  E ora odi la parola di Geova: ‘Dici tu: “Non devi profetizzare contro Israele,+ e non devi far stillare [nessuna parola]+ contro la casa di Isacco”?* 17  Perciò Geova ha detto questo: “Riguardo a tua moglie, nella città diverrà una prostituta.+ E riguardo ai tuoi figli e alle tue figlie, cadranno di spada. E riguardo al tuo suolo, sarà ripartito con la fune per misurare. E riguardo a te stesso, morirai in suolo impuro;+ e riguardo a Israele, immancabilmente andrà in esilio dal suo proprio suolo”’”.+

Note in calce

Cioè durante gennaio e febbraio. Vedi App. 8B.
“Ed ecco, una locusta era Gog il re”, LXX. Cfr. Ez 38:2.
‘Il paese’: o, “la terra”. Ebr. haʼàrets.
“Acque dell’abisso”: o, “ondeggianti acque”. Ebr. tehòhm; LXXVg, “abisso”. Cfr. nt. a Ge 1:2, “abisso”.
Uno dei 134 cambiamenti degli scribi da YHWH in ʼAdhonài. Vedi App. 1B.
Vedi nt. al v. 7.
“Isacco”: ebr. Yischàq, come in Sl 105:9 e Ger 33:26.
Cioè Geroboamo II, figlio di Joas (Ioas); non Geroboamo I, figlio di Nebat. Vedi 1:1.
O, “La terra”. Ebr. haʼàrets.
O, “ero membro della schiera dei profeti”. Vedi GK, § 128 v.
Vedi nt. al v. 9, “Isacco”.