Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Aggeo 2:1-23

2  Nel settimo+ [mese], il ventunesimo [giorno] del mese, la parola di Geova fu rivolta per mezzo di Aggeo+ il profeta, dicendo:  “Di’, suvvia, a Zorobabele+ figlio di Sealtiel,+ governatore di Giuda,+ e a Giosuè+ figlio di Iozadac,+ sommo sacerdote, e ai rimanenti del popolo, dicendo:  ‘Chi rimane fra voi che vide questa casa nella sua gloria precedente?+ E come la vedete ora? Non è, in paragone con quella, come nulla ai vostri occhi?’+  “‘Ma ora sii forte, o Zorobabele’, è l’espressione di Geova, ‘e sii forte,+ o Giosuè figlio di Iozadac, sommo sacerdote’. “‘E sii forte, popolo tutto del paese’,* è l’espressione di Geova, ‘e lavorate’.+ “‘Poiché io sono con voi’,+ è l’espressione di Geova degli eserciti.  ‘[Ricordate] la cosa* che conclusi* con voi quando usciste dall’Egitto,+ e [quando] il mio spirito+ stava fra voi. Non abbiate timore’”.+  “Poiché Geova degli eserciti ha detto questo: ‘Ancora una volta — fra poco+ — e scrollerò i cieli e la terra e il mare e il suolo asciutto’.+  “‘E certamente scrollerò* tutte le nazioni, e le cose desiderabili* di tutte le nazioni dovranno venire;*+ e certamente riempirò questa casa di gloria’,+ ha detto Geova degli eserciti.  “‘L’argento è mio, e mio è l’oro’,+ è l’espressione di Geova degli eserciti.  “‘La gloria di quest’ultima casa diverrà più grande di [quella della casa] precedente’,+ ha detto Geova degli eserciti. “‘E in questo luogo darò pace’,+ è l’espressione di Geova degli eserciti”. 10  Nel ventiquattresimo [giorno] del nono [mese], nel secondo anno di Dario, la parola di Geova fu rivolta ad Aggeo+ il profeta, dicendo: 11  “Geova degli eserciti ha detto questo: ‘Interroga, suvvia, i sacerdoti in quanto alla legge,+ dicendo: 12  “Se un uomo* porta carne santa nel lembo della sua veste, e realmente col suo lembo tocca il pane o la minestra o il vino o l’olio o qualunque sorta di cibo, diverrà esso santo?”’”+ E i sacerdoti rispondevano e dicevano: “No!” 13  E Aggeo diceva: “Se qualcuno impuro per un’anima deceduta* tocca una qualsiasi di queste cose, diverrà essa impura?”+ A loro volta i sacerdoti risposero e dissero: “Diverrà impura”. 14  Pertanto Aggeo rispose e disse: “‘Così è questo popolo, e così è questa nazione dinanzi a me’,+ è l’espressione di Geova, ‘e così è tutta l’opera delle loro mani, e qualunque cosa presentino là. È impura’.+ 15  “‘Ma ora, suvvia, ponete [a ciò] il cuore+ da questo giorno in poi: prima che si mettesse pietra sopra pietra nel tempio* di Geova,+ 16  da che avvennero quelle cose, uno venne a un mucchio di venti [misure], ed erano dieci; uno venne al tino per attingere cinquanta [misure] dalla vasca del vino, ed erano venti;+ 17  io vi colpii con l’arsura+ e con la ruggine+ e con la grandine,+ sì, tutta l’opera delle vostre mani,+ e non ci fu nessuno di voi che [tornasse] a me’,+ è l’espressione di Geova, 18  “‘Suvvia, ponete [a ciò] il cuore,+ da questo giorno in poi, dal ventiquattresimo [giorno] del nono [mese], dal giorno che sono state gettate le fondamenta del tempio di Geova;+ ponete [a ciò] il cuore: 19  C’è ancora il seme nella fossa del grano?*+ E ancora, la vite e il fico e il melograno e l’olivo, non ha prodotto, vero? Da questo giorno concederò la benedizione’”.+ 20  E la parola di Geova era rivolta una seconda volta ad Aggeo+ il ventiquattresimo [giorno] del mese,+ dicendo: 21  “Di’ a Zorobabele il governatore di Giuda:+ ‘Scrollo i cieli e la terra.+ 22  E certamente rovescerò il trono dei regni e annienterò la forza dei regni delle nazioni;+ e certamente rovescerò [il] carro e quelli che vi montano, e [i] cavalli e i loro cavalieri certamente cadranno,+ ciascuno mediante la spada del suo fratello’”.+ 23  “‘In quel giorno’, è l’espressione di Geova degli eserciti, ‘ti prenderò, o Zorobabele+ figlio di Sealtiel,+ mio servitore’, è l’espressione di Geova; ‘e certamente ti porrò come un anello con sigillo,+ perché tu sei colui che ho scelto’,+ è l’espressione di Geova degli eserciti”.+

Note in calce

Popolo . . . del paese”: ebr. ʽam haʼàrets. In seguito usato in senso dispregiativo. Cfr. Gv 7:47-49.
Lett. “parola”.
Lett. “tagliai”.
O, “scuoterò”.
“Cose desiderabili”, con un cambiamento nella puntazione vocalica; M, “cosa desiderabile (preziosa)”, sing. ma evidentemente in senso collettivo, poiché la parola è accompagnata da un verbo al pl.
O, “ed esse, le cose desiderabili di tutte le nazioni, dovranno venire”.
“Un uomo”: ebr. ʼish.
Lett. “un’anima”, cioè un’anima morta. Ebr. nèfesh; gr. psychèi; lat. anima. Vedi ntt. a Le 21:11 e Nu 6:6; App. 4A.
“Nel tempio di”: ebr. behehkhàl; gr. naòi; lat. templo. Vedi nt. a Mt 23:16.
O, “nel magazzino”.