Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

Giosuè 24:1-33

24  E Giosuè raccoglieva a Sichem* tutte le tribù d’Israele+ e chiamava gli anziani d’Israele+ e i suoi capi e i suoi giudici e i suoi ufficiali, e si ponevano dinanzi al [vero] Dio.+  E Giosuè diceva a tutto il popolo: “Geova l’Iddio d’Israele ha detto questo: ‘I vostri antenati,+ Tera padre di Abraamo e padre di Nahor,+ dimorarono molto tempo fa dall’altra parte del Fiume*+ e servivano* altri dèi.*  “‘A suo tempo io presi il vostro antenato Abraamo+ dall’altra parte del Fiume+ e lo feci camminare per tutto il paese di Canaan e resi numeroso il suo seme.*+ Così gli diedi Isacco.+  A Isacco diedi quindi Giacobbe ed Esaù.+ In seguito diedi a Esaù il monte Seir perché ne prendesse possesso;+ e Giacobbe e i suoi figli scesero in Egitto.+  Più tardi mandai Mosè e Aaronne,+ e piagavo l’Egitto con ciò che* feci in mezzo ad esso;+ e poi vi feci uscire.+  Quando facevo uscire i vostri padri dall’Egitto+ e giungeste al mare, gli egiziani inseguivano+ quindi i vostri padri con carri da guerra e cavalieri fino al Mar Rosso.  Ed essi gridavano a Geova.+ Egli pose dunque le tenebre fra voi e gli egiziani+ e fece venire sopra di loro il mare e li coprì,+ e i vostri occhi videro ciò che io feci in Egitto;+ e prendeste a dimorare per molti giorni nel deserto.+  “‘Infine vi condussi nel paese degli amorrei che dimoravano dall’altra parte del Giordano, ed essi combattevano contro di voi.+ Allora ve li diedi in mano affinché prendeste possesso del loro paese, e li annientai d’innanzi a voi.+  Quindi Balac figlio di Zippor,+ re di Moab, si levò e andò a combattere contro Israele.+ Mandò dunque a chiamare Balaam figlio di Beor per invocare il male su di voi.+ 10  E io non volli ascoltare Balaam.+ Di conseguenza egli vi benedisse ripetutamente.+ Così vi liberai dalla sua mano.+ 11  “‘Passaste quindi il Giordano+ e giungeste a Gerico.+ E i proprietari di terre* di Gerico, gli amorrei e i ferezei e i cananei e gli ittiti e i ghirgasei, gli ivvei e i gebusei combattevano contro di voi; ma io ve li diedi in mano.+ 12  Mandai dunque davanti a voi il senso di abbattimento,* ed esso li cacciò gradualmente d’innanzi a voi+ — due re degli amorrei — non con la vostra spada e non col vostro arco.+ 13  Così vi diedi un paese per cui non avevate faticato e città che non avevate edificato,+ e prendeste a dimorarvi. Voi mangiate delle vigne e degli oliveti che non avete piantato’.+ 14  “E ora temete Geova+ e servitelo senza difetto e in verità,+ ed eliminate gli dèi che i vostri antenati servirono dall’altra parte del Fiume e in Egitto,+ e servite Geova. 15  Ora se è male agli occhi vostri servire Geova, sceglietevi oggi chi volete servire,+ se gli dèi che servirono i vostri antenati che erano dall’altra parte del Fiume*+ o gli dèi degli amorrei nel cui paese dimorate.+ Ma in quanto a me e alla mia casa, serviremo Geova”.+ 16  A ciò il popolo rispose e disse: “È impensabile, da parte nostra, lasciare Geova per servire altri dèi. 17  Poiché Geova nostro Dio fece salire noi e i nostri padri dal paese d’Egitto,+ dalla casa degli schiavi,+ e compì questi grandi segni davanti ai nostri occhi+ e continuò a custodirci per tutta la via per la quale camminammo e fra tutti i popoli in mezzo ai quali passammo.+ 18  E Geova cacciava d’innanzi a noi tutti i popoli,+ anche gli amorrei, che dimoravano nel paese. In quanto a noi, anche noi serviremo Geova, perché egli è il nostro Dio”.+ 19  Giosuè disse quindi al popolo: “Voi non potete servire Geova, perché egli è un Dio santo;*+ è un Dio* che esige esclusiva devozione.+ Egli non perdonerà le vostre rivolte e i vostri peccati.+ 20  Nel caso che abbandoniate Geova+ e davvero serviate dèi stranieri,*+ anch’egli certamente si volgerà e vi farà danno e vi sterminerà dopo avervi fatto del bene”.+ 21  A sua volta il popolo disse a Giosuè: “No, ma serviremo Geova!”+ 22  A ciò Giosuè disse al popolo: “Voi siete testimoni contro voi stessi+ che di vostro proprio consenso avete scelto Geova, per servirlo”.+ A ciò dissero: “Siamo testimoni”. 23  “E ora eliminate gli dèi stranieri che sono in mezzo a voi,+ e inclinate il vostro cuore a Geova l’Iddio d’Israele”. 24  A sua volta il popolo disse a Giosuè: “Serviremo Geova nostro Dio e ascolteremo la sua voce!”+ 25  E quel giorno Giosuè concludeva col popolo un patto e costituiva per loro a Sichem* un regolamento e una decisione giudiziaria.+ 26  Giosuè scrisse quindi queste parole nel libro della legge+ di Dio e prese una grossa pietra+ e la eresse lì sotto l’albero massiccio+ che è accanto al santuario di Geova. 27  E Giosuè diceva a tutto il popolo: “Ecco, questa pietra è ciò che servirà da testimone contro di noi,+ poiché essa stessa ha udito tutti i detti di Geova che egli ci ha pronunciato, e deve servire da testimone contro di voi affinché non rinneghiate il vostro Dio”. 28  Allora Giosuè mandò via il popolo, ciascuno alla sua eredità.+ 29  E avvenne che dopo queste cose Giosuè figlio di Nun, servitore di Geova, infine morì all’età di centodieci anni.+ 30  Lo seppellirono dunque nel territorio della sua eredità a Timnat-Sera,+ che è nella regione montagnosa di Efraim, a nord del monte Gaas. 31  E Israele continuò a servire Geova per tutti i giorni di Giosuè e per tutti i giorni degli anziani che prolungarono i loro giorni dopo Giosuè+ e che avevano conosciuto tutta l’opera di Geova che egli aveva fatto per Israele.+ 32  E le ossa di Giuseppe,+ che i figli d’Israele avevano portato dall’Egitto, le seppellirono a Sichem nel tratto del campo che Giacobbe aveva acquistato dai figli di Emor,+ padre di Sichem, per cento pezzi di denaro;*+ e appartenne* in eredità ai figli di Giuseppe.+ 33  Inoltre, Eleazaro figlio di Aaronne morì.+ Lo seppellirono dunque sul Colle di Fineas* suo figlio,+ che egli gli aveva dato nella regione montagnosa di Efraim.

Note in calce

“Sichem”, MSyVg; LXX, “Silo”.
Cioè l’Eufrate.
“E servivano (adoravano)”: ebr. waiyaʽavdhù; gr. elàtreusan, “rendevano sacro servizio”. Vedi nt. a Eso 3:12.
“Altri dèi”: ebr. ʼelohìm ʼacherìm, entrambi pl.
O, “progenie”.
“Con ciò che”, LXXB; LXXA, “con i segni che”; M, “proprio come”.
“I proprietari di terre di”: ebr. baʽalèh; LXX, “gli abitanti”.
L’espressione ‘mandare il senso di abbattimento’ si trova anche in Eso 23:28 e De 7:20. Vedi nt. a Eso 23:28.
Cioè a est del fiume Eufrate.
Lett. “Un Dio santo egli [è]”. Ebr. ʼElohìm qedhoshìm huʼ. Benché modificato da un aggettivo pl., il pronome sing. huʼ mostra che ʼElohìm è un pl. di maestà ed eccellenza, e ha quindi significato sing. Gr. Theòs; lat. Deus.
“Dio”: ebr. ʼEl. Vedi nt. a 22:22, “Geova”.
“Dèi stranieri”: lett. “dèi di (un paese) straniero”.
“Sichem”, MSyVg; LXX, “Silo”.
“Pezzi di denaro”: ebr. qesitàh, unità monetaria di valore sconosciuto.
“Appartenne”, SyVg; M, “appartennero”.
O, “a Ghibea di Fineas”, secondo LXXVg.