Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

2 Timoteo 1:1-18

1  Paolo, apostolo di Cristo Gesù per volontà di Dio+ secondo la promessa della vita+ che è in unione con Cristo Gesù,+  a Timoteo, diletto figlio:+ Immeritata benignità, misericordia, pace da Dio Padre e da Cristo Gesù nostro Signore.+  Sono grato a Dio, al quale rendo sacro servizio*+ come fecero i miei antenati+ e con coscienza pura,+ che non smetto di ricordarti nelle mie supplicazioni,+ notte e giorno  desiderando ardentemente vederti,+ mentre ricordo le tue lacrime, affinché io sia pieno di gioia.  Poiché rammento la fede+ che è in te senza ipocrisia,+ e che dimorò prima in tua nonna Loide e in tua madre Eunice, ma che confido sia anche in te.  Per questa stessa ragione ti ricordo di ravvivare come un fuoco+ il dono+ di Dio che è in te mediante l’imposizione delle mie mani.+  Poiché Dio non ci diede uno spirito di codardia,+ ma di potenza+ e di amore e di sanità di mente.+  Perciò non ti vergognare della testimonianza* intorno al nostro Signore,+ né di me prigioniero per amor suo,*+ ma accetta la tua parte nel soffrire+ il male per la buona notizia secondo la potenza di Dio.+  Egli ci ha salvati+ e ci ha chiamati con una santa chiamata,+ non a motivo delle nostre opere,+ ma a motivo del suo proprio proposito e della sua propria immeritata benignità. Questa ci è stata data riguardo a Cristo Gesù prima di tempi di lunga durata,*+ 10  ma ora è stata resa chiaramente evidente per mezzo della manifestazione+ del nostro Salvatore, Cristo Gesù, che ha abolito* la morte,+ ma ha fatto luce+ sulla vita+ e sull’incorruzione+ per mezzo della buona notizia,+ 11  per la quale sono stato costituito predicatore e apostolo e maestro.+ 12  Per questa stessa ragione soffro+ anche queste cose, ma non mi vergogno.+ Poiché conosco colui nel quale ho creduto, e ho fiducia* che egli può custodire+ ciò che ho messo in deposito presso di lui fino a quel giorno.+ 13  Continua a tenere il modello di sane+ parole che hai udito da me con la fede e l’amore riguardo a Cristo Gesù.+ 14  Custodisci questo eccellente deposito+ per mezzo dello spirito santo che dimora in noi.+ 15  Tu sai questo, che tutti gli uomini che sono nel* [distretto del]l’Asia+ mi hanno abbandonato.+ Figello ed Ermogene sono fra quelli. 16  Il Signore* conceda misericordia alla casa di Onesiforo,+ perché mi ha spesso recato ristoro+ e non si è vergognato delle mie catene.+ 17  Al contrario, quando era a Roma, mi cercò diligentemente e mi trovò.+ 18  Il Signore* gli conceda di trovare misericordia+ presso Geova* in quel giorno.+ E tutti i servizi che egli rese a Efeso li conosci abbastanza bene.*

Note in calce

“Rendo sacro servizio”: gr. latrèuo; J17(ebr.), ʼanì ʽovèdh, “io servo (adoro)”. Vedi nt. a Eso 3:12.
“Testimonianza”: gr. martỳrion; lat. testimonium.
O, “di me suo prigioniero”.
O, “tempi eterni”.
Lett. “avendo reso inefficace”.
Lett. “sono stato persuaso”.
“Che sono nel”: o, “del”.
“Il Signore”, אAVg; J7,8,13,14,16, “Geova”.
“Il Signore”, אAVg; J7,8,13,14,16, “Geova”.
Vedi App. 1D.
O, “li conosci meglio di me”.