Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE (EDIZIONE 1987) Vedi la revisione del 2017

2 Cronache 7:1-22

7  Ora appena Salomone ebbe finito di pregare,+ il fuoco stesso scese dai cieli+ e consumava l’olocausto+ e i sacrifici, e la gloria stessa di Geova+ riempì la casa.  E i sacerdoti non potevano entrare nella casa di Geova+ perché la gloria di Geova aveva riempito la casa di Geova.  E tutti i figli d’Israele furono spettatori quando il fuoco scese e la gloria di Geova fu sulla casa, e immediatamente si inchinarono+ con le facce a terra sul lastricato e si prostrarono+ e ringraziarono Geova, “poiché egli è buono,+ poiché la sua amorevole benignità è a tempo indefinito”.+  E il re e tutto il popolo offrivano sacrificio dinanzi a Geova.+  E il re Salomone offriva il sacrificio di ventiduemila bovini e centoventimila pecore.+ Così il re e tutto il popolo inaugurarono+ la casa del [vero] Dio.  E i sacerdoti+ stavano ai loro posti di servizio, e i leviti+ con gli strumenti per il canto+ a Geova che Davide+ il re aveva fatto per ringraziare Geova, “poiché la sua amorevole benignità è a tempo indefinito”, quando Davide rendeva lode per mano loro; e i sacerdoti suonavano forte le trombe+ di fronte a loro, mentre tutti gli israeliti stavano in piedi.  Quindi Salomone santificò+ il mezzo del cortile che era davanti alla casa di Geova, perché lì offrì gli olocausti+ e i pezzi grassi dei sacrifici di comunione, poiché l’altare di rame+ che Salomone aveva fatto non poteva esso stesso contenere l’olocausto e l’offerta di cereali+ e i pezzi grassi.+  E Salomone teneva in quel tempo la festa+ per sette giorni, e tutto Israele con lui,+ una grandissima congregazione,*+ dall’entrata di Amat+ fino alla valle del torrente d’Egitto.+  Ma l’ottavo giorno tennero un’assemblea solenne,+ perché avevano tenuto l’inaugurazione dell’altare per sette giorni e la festa per sette giorni. 10  E il ventitreesimo giorno del settimo mese mandò il popolo alle sue case, gioioso+ e lieto di cuore per la bontà+ che Geova aveva usato verso Davide e verso Salomone e verso Israele suo popolo.+ 11  Così Salomone finì la casa di Geova+ e la casa del re;+ ed ebbe successo in ogni cosa che a Salomone era venuto in cuore di fare riguardo alla casa di Geova e alla sua propria casa. 12  Geova apparve+ ora a Salomone durante la notte e gli disse: “Ho udito la tua preghiera,+ e mi sono scelto+ questo luogo come casa di sacrificio.+ 13  Quando chiudo i cieli perché non cada pioggia+ e quando comando alle cavallette di divorare il paese+ e se mando la pestilenza fra il mio popolo,+ 14  e il mio popolo+ su cui è stato invocato il mio nome+ si umilia+ e prega+ e cerca la mia faccia+ e si volge dalle sue cattive vie,+ allora io stesso udrò dai cieli+ e perdonerò il suo peccato,+ e sanerò il suo paese.+ 15  Ora i miei propri occhi+ saranno aperti e i miei orecchi+ attenti alla preghiera in questo luogo. 16  E ora scelgo+ e santifico in effetti questa casa perché vi sia il mio nome+ a tempo indefinito,+ e i miei occhi e il mio cuore certamente mostreranno d’essere sempre lì.+ 17  “E se tu stesso camminerai dinanzi a me, proprio come camminò Davide+ tuo padre, facendo anche secondo tutto ciò che ti ho comandato,+ e osserverai i miei regolamenti+ e le mie decisioni giudiziarie,+ 18  allora io stabilirò certamente il trono del tuo regno,+ proprio secondo il patto che feci con Davide tuo padre,+ dicendo: ‘Non ti sarà stroncato un uomo dal dominare su Israele’.+ 19  Ma se voi stessi vi volgete+ e realmente lasciate i miei statuti+ e i miei comandamenti+ che vi ho posto davanti, e in effetti andate a servire altri dèi+ e a inchinarvi davanti a loro,+ 20  allora io certamente li sradicherò dal mio suolo che ho dato loro;+ e questa casa che ho santificato+ al mio nome, la getterò via d’innanzi alla mia faccia,+ e ne farò un’espressione proverbiale+ e uno scherno fra tutti i popoli.+ 21  In quanto a questa casa che sarà divenuta mucchi di rovine,*+ chiunque vi passerà accanto rimarrà stupito+ e certamente dirà: ‘Per quale ragione Geova ha fatto così a questo paese e a questa casa?’+ 22  E dovranno dire: ‘Per la ragione che lasciarono Geova+ l’Iddio dei loro antenati che li aveva fatti uscire dal paese d’Egitto,+ e si afferravano ad altri dèi+ e si inchinavano davanti a loro e li servivano.+ Perciò ha fatto venire su di loro tutta questa calamità’”.+

Note in calce

“Congregazione”: ebr. qahàl; gr. ekklesìa; lat. ecclesia.
Vedi nt. a 1Re 9:8.