Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

2 Cronache 24:1-27

24  Ioas* aveva sette anni quando cominciò a regnare,+ e regnò quarant’anni a Gerusalemme.+ E il nome di sua madre era Sibia di Beer-Seba.+  E Ioas+ faceva ciò che era retto agli occhi di Geova+ per tutti i giorni di Ieoiada il sacerdote.+  E Ieoiada gli prendeva due mogli, ed egli generò figli e figlie.+  Ora avvenne in seguito che Ioas ebbe a cuore di rinnovare la casa di Geova.+  Radunò pertanto i sacerdoti+ e i leviti e disse loro: “Uscite alle città di Giuda e radunate denaro da tutto Israele per riparare+ la casa del vostro Dio di anno in anno;+ e voi, da parte vostra, dovete agire prontamente nella faccenda”. E i leviti non agirono prontamente.+  E il re chiamò dunque Ieoiada il capo e gli disse:+ “Perché non hai chiesto conto ai leviti in quanto a portare da Giuda e da Gerusalemme la tassa sacra ordinata da Mosè+ servitore di Geova, sì, quella della congregazione d’Israele, per la tenda della Testimonianza?+  Poiché riguardo ad Atalia la donna malvagia, gli stessi figli di lei+ avevano forzato la casa del [vero] Dio,+ e avevano offerto ai Baal+ perfino tutte le cose sante+ della casa di Geova”.  Quindi il re disse [la parola], e così fecero una cassa+ e la misero fuori della porta della casa di Geova.  Dopo ciò emanarono un bando per tutto Giuda e Gerusalemme perché si portasse a Geova la tassa+ sacra che Mosè servitore del [vero] Dio* aveva ordinato+ a Israele nel deserto. 10  E tutti i principi+ e tutto il popolo si rallegravano,+ e la portavano e la gettavano nella cassa+ finché tutti ebbero dato. 11  E avveniva al tempo debito che egli portava la cassa alla cura del re per mano dei leviti,+ e, appena vedevano che c’era molto denaro,+ il segretario+ del re e il commissario del capo sacerdote venivano e vuotavano quindi la cassa e la sollevavano e la rimettevano al suo posto. In questo modo facevano di giorno in giorno, così che raccolsero denaro in abbondanza. 12  Quindi il re e Ieoiada lo davano a quelli che facevano+ il lavoro del servizio della casa di Geova,+ ed essi assumevano i tagliapietre+ e gli artefici+ per rinnovare la casa di Geova,+ e anche i lavoratori del ferro e del rame per riparare la casa di Geova.+ 13  E quelli che facevano il lavoro cominciarono le operazioni,+ e il lavoro di riparazione progrediva per mano loro, e infine riportarono la casa del [vero] Dio allo stato in cui strutturalmente doveva essere e la resero forte. 14  E appena ebbero finito portarono davanti al re e a Ieoiada il resto del denaro, e facevano utensili per la casa di Geova, utensili per il ministero+ e per fare offerte e coppe+ e utensili d’oro+ e d’argento; e fecero offerte di sacrifici bruciati+ nella casa di Geova di continuo, per tutti i giorni di Ieoiada. 15  E Ieoiada divenne vecchio e sazio di anni+ e gradualmente morì, avendo alla sua morte centotrent’anni. 16  Lo seppellirono dunque nella Città di Davide insieme ai re,+ perché aveva fatto del bene in Israele+ e verso il [vero] Dio e la Sua casa. 17  E dopo la morte di Ieoiada i principi+ di Giuda vennero e si inchinavano davanti al re. In quel tempo il re li ascoltò.+ 18  E gradualmente lasciarono la casa di Geova l’Iddio dei loro antenati e servivano i pali sacri+ e gli idoli,+ tanto che ci fu indignazione contro Giuda e Gerusalemme a causa di questa loro colpa.+ 19  Ed egli mandava profeti+ fra loro per ricondurli a Geova; e questi rendevano testimonianza* contro di loro, ma essi non prestavano orecchio.+ 20  E lo spirito di Dio+ avvolse*+ Zaccaria+ figlio di Ieoiada+ il sacerdote, così che stette in piedi al di sopra del popolo e disse loro: “Il [vero] Dio ha detto questo: ‘Perché trasgredite i comandamenti di Geova, così che non potete avere successo?+ Poiché avete lasciato Geova, egli, a sua volta, lascerà voi’”.+ 21  Infine cospirarono contro di lui+ e lo colpirono con pietre+ per comandamento del re nel cortile della casa di Geova. 22  E Ioas il re non si ricordò dell’amorevole benignità che Ieoiada suo padre aveva esercitato verso di lui,+ tanto che uccise suo figlio, il quale, quando stava per morire, disse: “Geova [lo] veda e [ne] chieda [conto]”.+ 23  E avvenne al volgere+ dell’anno che forze militari della Siria+ salirono contro di lui,+ e invadevano Giuda e Gerusalemme. Quindi ridussero in rovina di fra il popolo tutti i principi+ del popolo, e mandarono tutte le loro spoglie al re di Damasco.+ 24  Poiché le forze militari dei siri fecero l’invasione con un piccolo numero di uomini,+ e Geova stesso diede loro in mano forze militari in grandissimo numero,+ perché avevano lasciato Geova l’Iddio dei loro antenati; ed eseguirono su Ioas atti di giudizio.+ 25  E quando se ne furono andati da lui (poiché lo lasciarono con molte infermità),+ i suoi propri servitori cospirarono+ contro di lui a causa del sangue+ dei figli* di Ieoiada+ il sacerdote; e lo uccisero sul suo proprio letto, così che morì.+ Lo seppellirono quindi nella Città di Davide,+ ma non lo seppellirono nei luoghi di sepoltura dei re.+ 26  E questi furono i cospiratori contro di lui: Zabad+ figlio di Simeat la ammonita e Iozabad figlio di Simrit la moabita. 27  In quanto ai suoi figli e all’abbondanza della dichiarazione solenne contro di lui+ e alla fondazione+ della casa del [vero] Dio, ecco, sono scritti nell’esposizione* del Libro+ dei Re. E Amazia+ suo figlio regnava in luogo di lui.

Note in calce

“Ioas”: altrove l’ebr. ha “Ieoas”. Vedi nt. a 2Re 11:21.
Servitore del [vero] Dio”: ebr. ʽevedh-haʼElohìm; Sy, “servitore di Geova”. Vedi App. 1F.
“Rendevano testimonianza”: lat. protestantes.
O, “rivestì”.
“Dei figli”, MSy; LXXVg, “del figlio”. Forse qui il M usa il pl. per indicare l’eccellenza e il valore di Zaccaria figlio di Ieoiada quale sacerdote-profeta.
O, “midrash”. Ebr. midhràsh. L’unica altra volta che questa parola ebr. ricorre nel M è in 13:22; vedi la relativa nt.