Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

2 Cronache 14:1-15

14  Infine Abia giacque con i suoi antenati,+ e lo seppellirono nella Città di Davide;+ e Asa+ suo figlio regnava in luogo di lui. Ai suoi giorni il paese non fu disturbato+ per dieci anni.*  E Asa faceva ciò che era bene e retto agli occhi di Geova suo Dio.  Eliminò dunque gli altari stranieri*+ e gli alti luoghi+ e spezzò le colonne sacre+ e tagliò i pali sacri.*+  Inoltre, disse a Giuda di ricercare+ Geova l’Iddio dei loro antenati e di mettere in pratica la legge+ e il comandamento.+  Pertanto eliminò da tutte le città di Giuda gli alti luoghi e i banchi dell’incenso;+ e il regno restò senza disturbo+ davanti a lui.  Ed egli continuò a edificare città fortificate in Giuda,+ poiché il paese non era disturbato; e durante quegli anni non ci fu guerra contro di lui, poiché Geova gli diede riposo.+  Disse dunque a Giuda: “Edifichiamo queste città e facciamo mura+ di cinta e torri,+ doppie porte e sbarre.+ Il paese è ancora a nostra disposizione, perché abbiamo ricercato Geova nostro Dio.+ L’abbiamo ricercato, ed egli ci dà riposo tutt’intorno”.+ Ed edificavano e avevano successo.+  E Asa ebbe forze militari che portavano lo scudo grande+ e la lancia,+ trecentomila da Giuda.+ E da Beniamino quelli che portavano lo scudo piccolo e tendevano l’arco+ furono duecentottantamila.+ Tutti questi furono uomini potenti e valorosi.  Zera l’etiope*+ uscì poi contro di loro con forze militari di un milione* di uomini+ e trecento carri, e giunse fino a Maresa.+ 10  Quindi Asa uscì contro di lui* e si schierarono in formazione di battaglia nella valle di Zefata a Maresa. 11  E Asa invocava Geova suo Dio+ e diceva: “O Geova, in quanto ad aiutare, a te non importa se ci sono molti o [gente senza] nessun potere.+ Aiutaci, o Geova nostro Dio, poiché veramente ci appoggiamo a te+ e nel tuo nome+ siamo venuti contro questa folla. O Geova, tu sei il nostro Dio.+ Non ritenga forza l’uomo mortale* contro di te”.+ 12  Allora Geova sconfisse+ gli etiopi davanti ad Asa e davanti a Giuda, e gli etiopi si diedero alla fuga. 13  E Asa e il popolo che era con lui li inseguivano fino a Gherar,+ e quelli degli etiopi continuarono a cadere finché non ce ne fu uno vivo; poiché furono fatti a pezzi davanti a Geova+ e davanti al suo accampamento.+ In seguito portarono via una grandissima quantità di spoglie.+ 14  Inoltre, colpirono tutte le città intorno a Gherar, poiché il terrore+ di Geova era venuto su di loro; e predavano tutte le città, poiché in esse c’era molto da predare.+ 15  E colpirono perfino le tende+ col bestiame così che catturarono+ greggi in gran numero e cammelli,+ dopo di che tornarono a Gerusalemme.

Note in calce

MLXX fanno terminare qui il capitolo 13.
Lett. “gli altari del (paese) straniero”.
O, “gli Asherìm”.
“L’etiope”, LXXVg; M, “il cusita”.
Lett. “mille migliaia”.
Lett. “di fronte a lui”, M; gr. eis synàntesin autòi; Vgc(lat.), obviam ei. Cfr. nt. a Ge 10:9, “opposizione a”.
“Uomo mortale”: ebr. ʼenòhsh; gr. ànthropos; lat. homo.