Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

2 Corinti 10:1-18

10  Ora io stesso, Paolo, vi supplico per la mitezza+ e per la benignità*+ del Cristo, io che sono modesto d’aspetto+ fra voi, ma che quando sono assente sono ardito verso di voi.+  In realtà imploro che, quando sarò presente, io non debba ardire con quella fiducia con la quale conto di prendere ardite misure+ contro alcuni che ci stimano come se camminassimo secondo [ciò che siamo nella] carne.  Poiché benché camminiamo nella carne,+ non facciamo guerra* secondo [ciò che siamo nella] carne.+  Poiché le armi della nostra guerra non sono carnali,+ ma potenti mediante Dio+ per rovesciare cose fortemente trincerate.  Poiché noi rovesciamo i ragionamenti e ogni cosa alta innalzata contro la conoscenza di Dio;+ e conduciamo prigioniero ogni pensiero per renderlo ubbidiente al Cristo;  e ci teniamo pronti a infliggere punizione per ogni disubbidienza,+ appena la vostra ubbidienza si sia pienamente compiuta.+  Voi guardate le cose secondo il loro valore apparente.+ Se qualcuno confida in se stesso di appartenere a Cristo, prenda di nuovo in considerazione per se stesso questo fatto, che come lui appartiene a Cristo, così anche noi.+  Poiché anche se mi vantassi+ un po’ di più dell’autorità che ci diede il Signore per edificarvi e non per abbattervi,+ non sarei svergognato,  affinché non sembri che voglia atterrirvi con le [mie] lettere. 10  Poiché dicono: “Le [sue] lettere sono gravi e vigorose, ma la [sua] presenza* personale è debole+ e la [sua] parola spregevole”.+ 11  Un tal uomo prenda questo in considerazione, che ciò che siamo a parole mediante lettere quando siamo assenti, tali saremo anche nell’azione quando saremo presenti.+ 12  Poiché noi non osiamo classificarci fra alcuni o paragonarci con alcuni che raccomandano se stessi.+ Certo, misurando se stessi da se stessi e paragonando se stessi con se stessi, non hanno intendimento.+ 13  Da parte nostra, non ci vanteremo fuori dei limiti a noi assegnati,+ ma secondo il limite del territorio che Dio ci ha ripartito con misura, facendolo giungere fino a voi.+ 14  Realmente non ci estendiamo più del dovuto come se non giungessimo fino a voi, poiché noi fummo i primi a venire fino a voi nel dichiarare la buona notizia intorno al Cristo.+ 15  No, non ci vantiamo fuori dei limiti a noi assegnati delle fatiche di qualcun altro,+ ma nutriamo la speranza che, mentre la vostra fede va aumentando,+ siamo resi grandi fra voi in quanto al nostro territorio.+ Quindi abbonderemo ancora di più, 16  per dichiarare la buona notizia nei paesi al di là di voi,+ in modo da non vantarci nel territorio di qualcun altro dove le cose siano già preparate. 17  “Ma chi si vanta, si vanti in Geova”.*+ 18  Poiché è approvato non l’uomo che raccomanda se stesso,+ ma l’uomo che Geova*+ raccomanda.+

Note in calce

O, “ragionevolezza”. Lett. “arrendevolezza”. Gr. epieikìas; lat. modestiam.
“Non facciamo guerra”: lett. “non facciamo servizio militare”. Gr. ou . . . strateuòmetha; lat. non . . . militamus.
Vedi App. 5B.
Vedi App. 1D.
Vedi App. 1D.