Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

1 Samuele 28:1-25

28  E avvenne in quei giorni che i filistei radunavano i loro campi per l’esercito per fare guerra contro Israele.+ Achis disse dunque a Davide: “Senza dubbio sai che devi uscire in campo con me, tu e i tuoi uomini”.+  Davide disse dunque ad Achis: “Per questo tu stesso* sai ciò che il tuo servitore deve fare”. Allora Achis disse a Davide: “Per questo ti nominerò per sempre guardia della mia testa”.+  Ora Samuele stesso era morto, e tutto Israele aveva fatto lamento per lui e l’aveva seppellito a Rama sua propria città.+ In quanto a Saul, aveva eliminato dal paese i medium spiritici* e quelli che per mestiere predicevano gli avvenimenti.+  In seguito i filistei si radunarono e vennero a porre il campo a Sunem.+ Saul radunò dunque tutto Israele e posero il campo sul Ghilboa.+  Quando Saul vide il campo dei filistei ebbe timore, e il suo cuore tremava moltissimo.+  Benché Saul interrogasse Geova,+ Geova non gli rispondeva mai,+ né mediante sogni+ né mediante gli Urim+ né mediante i profeti.+  Infine Saul disse ai suoi servitori: “Cercatemi una donna che possieda uno spirito medianico,+ e certamente andrò da lei e la consulterò”. Quindi i suoi servitori gli dissero: “Ecco, c’è una donna che possiede uno spirito medianico a En-Dor”.+  Saul si travestì+ dunque e indossò altre vesti e andò, lui e due uomini con lui; e giunsero dalla donna di notte.+ Egli ora disse: “Usa la divinazione+ per me, ti prego, mediante lo spirito medianico e fammi salire colui che ti designerò”.  Comunque, la donna gli disse: “Ecco, tu stesso sai bene ciò che Saul fece, come stroncò dal paese i medium spiritici e quelli che per mestiere predicevano gli avvenimenti.+ Perché, quindi, agisci come uno che tende trappole contro la mia anima per farmi mettere a morte?”+ 10  Immediatamente Saul le giurò per Geova, dicendo: “Come Geova vive,+ la colpa per l’errore non ricadrà su di te in questa faccenda!” 11  A ciò la donna disse: “Chi devo farti salire?” A ciò egli disse: “Fammi salire Samuele”.+ 12  Quando la donna vide “Samuele”,+ gridava con quanto fiato aveva;* e la donna diceva a Saul: “Perché mi hai imbrogliata, quando tu stesso sei Saul?” 13  Ma il re le disse: “Non aver timore, ma che cosa hai visto?” E la donna proseguì, dicendo a Saul: “Ho visto salire dalla terra un dio”.*+ 14  Subito le disse: “Qual è la sua forma?” al che essa disse: “Sale un uomo vecchio,* ed è avvolto in un manto senza maniche”.+ Allora Saul riconobbe che era “Samuele”,+ e si inchinava con la faccia a terra e si prostrava. 15  E “Samuele” diceva a Saul: “Perché mi hai disturbato facendomi salire?”+ A ciò Saul disse: “Sono in gravissima angustia,+ perché i filistei combattono contro di me, e Dio* stesso si è ritirato+ da me e non mi ha più risposto, né mediante i profeti né mediante sogni;+ così che ti chiamo perché tu mi faccia sapere che cosa devo fare”.+ 16  E “Samuele” proseguì, dicendo: “Perché, dunque, interroghi me, quando Geova stesso si è ritirato da te+ e mostra d’essere tuo avversario?*+ 17  E Geova farà per sé* proprio come parlò per mezzo mio, e Geova strapperà il regno dalla tua mano+ e lo darà al tuo prossimo, a Davide.+ 18  Giacché non hai ubbidito alla voce di Geova,+ e non hai eseguito la sua ira ardente contro Amalec,+ perciò questa è la cosa che Geova certamente ti farà in questo giorno. 19  E Geova inoltre darà Israele con te in mano ai filistei,+ e domani tu+ e i tuoi figli+ sarete con me.* Perfino il campo d’Israele Geova darà in mano ai filistei”.+ 20  Allora Saul cadde subito a terra quanto era lungo ed ebbe moltissimo timore a causa delle parole di “Samuele”. Inoltre, in lui non c’era potenza, perché non aveva mangiato cibo tutto il giorno e tutta la notte. 21  La donna venne ora da Saul e vide che si era grandemente turbato. Così gli disse: “Ecco, la tua serva ha ubbidito alla tua voce, e mettevo la mia anima nella palma della mia mano+ e ubbidivo alle parole che mi hai pronunciato. 22  E ora, ti prego, tu, a tua volta, ubbidisci alla voce della tua serva; e lascia che ti metta davanti un pezzo di pane, e mangia, affinché ci sia in te potenza, poiché andrai per la tua via”. 23  Ma egli rifiutò e disse: “Non mangerò”. Comunque, i suoi servitori e anche la donna continuarono a sollecitarlo. Infine ubbidì alla loro voce e si levò da terra e sedette sul letto. 24  Ora la donna aveva nella casa un vitello ingrassato.+ Subito dunque lo sacrificò*+ e prese della farina e intrise la pasta e la cosse in pani non fermentati. 25  Quindi li servì a Saul e ai suoi servitori, ed essi mangiarono. Dopo ciò si levarono e andarono via durante quella notte.+

Note in calce

“Tu stesso”, MSy; LXXVg, “ora”.
“Medium spiritici”: persone usate come tramite da un demonio di divinazione. LXX, “ventriloqui”; lat. magos, “astrologi”. Vedi At 16:16.
Lett. “a gran voce”.
“Un dio”: ebr. ʼelohìm, pl., evidentemente di eccellenza, e riferito a un singolo individuo anche se il verbo “salire” è pl., poiché la donna vide salire solo la figura di un vecchio. Vedi nt. a 5:7.
“Vecchio”, MSyVg; LXXItLegionensis(margine), “eretto”.
“E Dio”: ebr. wEʼlohìm, pl. di maestà o eccellenza, col verbo al sing. “si è ritirato”.
“Tuo avversario”, MVg; LXXSy, “col tuo simile (prossimo)”.
“Per sé”, M; LXXVg e cinque mss. ebr., “a te”.
Secondo MSyVg; LXX, “domani tu e i tuoi figli con te cadrete”.
“Sacrificò”, MLXX.