Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

1 Samuele 22:1-23

22  Davide se ne andava dunque di là+ e scampava+ nella caverna+ di Adullam;+ e i suoi fratelli e l’intera casa di suo padre lo udirono e scesero da lui.  E tutti gli uomini in strettezze+ e tutti gli uomini che avevano un creditore+ e tutti gli uomini con l’anima amareggiata+ si radunavano presso di lui,+ ed egli divenne il loro capo;*+ e ci furono con lui circa quattrocento uomini.  In seguito Davide andò di là a Mizpe di Moab e disse al re di Moab:+ “Dimorino mio padre e mia madre+ con voi,* ti prego, finché io sappia che cosa Dio mi farà”.  Pertanto li stabilì davanti al re di Moab, e continuarono a dimorare con lui per tutti i giorni che Davide si trovò nel luogo inaccessibile.*+  A suo tempo il profeta Gad+ disse a Davide: “Non devi continuare a dimorare nel luogo inaccessibile. Va via, e tu stesso devi entrare nel paese di Giuda”.+ Perciò Davide andò via e giunse nella foresta di Eret.  E Saul udiva che Davide e gli uomini che erano con lui erano stati scoperti, mentre Saul sedeva a Ghibea sotto il tamarisco+ sull’alto luogo* con la lancia+ in mano e tutti i suoi servitori gli stavano accanto.  Quindi Saul disse ai suoi servitori che gli stavano accanto: “Ascoltate, suvvia, beniaminiti. Darà il figlio di Iesse+ anche a tutti voi campi e vigne?+ Nominerà tutti voi capi di migliaia+ e capi di centinaia?  Poiché avete cospirato, voi tutti, contro di me; e non c’è nessuno che lo riveli al mio orecchio+ quando il mio proprio figlio conclude* [un patto]+ col figlio di Iesse, e nessuno di voi ha compassione di me* e rivela al mio orecchio che il mio proprio figlio ha levato il mio proprio servitore contro di me come uno che tende un agguato,* come avviene in questo giorno”.  A ciò Doeg+ l’edomita, posto com’era sui* servitori di Saul, rispose e disse: “Ho visto il figlio di Iesse venire a Nob da Ahimelec+ figlio di Ahitub.+ 10  Ed egli interrogava+ Geova* per lui; e gli diede provviste,+ e gli diede la spada+ di Golia il filisteo”. 11  Subito il re mandò a chiamare Ahimelec figlio di Ahitub il sacerdote e tutta la casa di suo padre, i sacerdoti che erano a Nob.+ Vennero dunque tutti dal re. 12  Saul ora disse: “Ascolta, ti prego, figlio di Ahitub!” al che egli disse: “Eccomi, mio signore”. 13  E Saul gli diceva: “Perché avete cospirato contro di me,+ tu e il figlio di Iesse, dandogli pane e una spada, e interrogando* Dio per lui, per levarsi contro di me come uno che tende un agguato, come avviene in questo giorno?”+ 14  A ciò Ahimelec rispose al re e disse: “E chi fra tutti i tuoi servitori è come Davide,+ fedele,+ e genero+ del re e capo della tua guardia del corpo e onorato nella tua casa?+ 15  È da oggi che ho cominciato a interrogare+ Dio per lui? È impensabile da parte mia! Non ponga il re nessuna cosa contro il suo servitore [e] contro l’intera casa di mio padre, poiché in tutto questo il tuo servitore non ha saputo alcuna cosa, né piccola né grande”.+ 16  Ma il re disse: “Positivamente morirai,+ Ahimelec, tu con tutta la casa di tuo padre”.+ 17  Allora il re disse ai corrieri+ che gli stavano accanto: “Voltatevi e mettete a morte i sacerdoti di Geova, perché anche la loro mano è con Davide e perché sapevano che fuggiva e non l’hanno rivelato al mio orecchio!”+ E i servitori del re non vollero stendere la mano per assalire i sacerdoti di Geova.+ 18  Infine il re disse a Doeg:+ “Voltati e assali i sacerdoti!” Immediatamente Doeg l’edomita+ si voltò e assalì lui stesso i sacerdoti e mise a morte+ quel giorno ottantacinque uomini che portavano l’efod+ di lino.* 19  Egli colpì col taglio della spada perfino Nob+ la città dei sacerdoti, sia uomo che donna, sia fanciullo che lattante e toro e asino e pecora col taglio della spada. 20  Comunque, un figlio di Ahimelec figlio di Ahitub, il cui nome era Abiatar,+ riuscì a scampare e fuggiva per seguire Davide. 21  Quindi Abiatar riferì a Davide: “Saul ha ucciso i sacerdoti di Geova”. 22  A ciò Davide disse ad Abiatar: “Ben sapevo quel giorno,+ perché c’era Doeg l’edomita, che immancabilmente lo avrebbe riferito a Saul.+ Da parte mia, ho fatto torto a* ogni anima della casa di tuo padre. 23  Dimora con me. Non aver timore, poiché chiunque cerca la mia anima cerca la tua anima, poiché tu hai bisogno di protezione con me”.+

Note in calce

“Il . . . capo”: lett. “come un principe”. Ebr. lesàr. Vedi nt. a Ge 40:2.
Lett. “Escano mio padre e mia madre [per stare] con voi”.
O, “nella fortezza”. Sy, “a Mizpa”.
“Sull’alto luogo”: o, “a Rama”. Ebr. baramàh; LXXB,L, “a Bama”.
Lett. “taglia”. Vedi nt. a Ge 15:18.
“Ha compassione di me”: o, “è dispiaciuto per me”.
“Uno che tende un agguato”, MVg; LXX, “un nemico”.
O, “accanto ai”.
“Geova”, M; Vg, “il Signore [Geova]”; LXXSy, “Dio”.
“Interrogando”: in ebr. questo verbo è all’infinito assoluto, indefinito in quanto al tempo e impersonale.
“Di lino”, MSyVg; i LXX omettono.
Lett. “Io mi sono volto contro”, M; SyVg, “Io sono colpevole rispetto a”; LXX, “Io sono responsabile di”.