Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

1 Samuele 2:1-36

2  E Anna pregava+ e diceva: “Sì, il mio cuore esulta in Geova,+ Il mio corno è realmente esaltato in Geova.*+ La mia bocca si allarga contro i miei nemici, Poiché davvero mi rallegro nella salvezza da te.+   Nessuno è santo come Geova, poiché non c’è nessuno eccetto te;+ E non c’è roccia simile al nostro Dio.*+   Non parlate tanto con eccessiva superbia, Non esca nulla di sfrenato dalla vostra bocca,+ Poiché Geova è un Dio* di conoscenza,+ E da lui* le opere sono stimate con giustezza.+   I potenti uomini dell’arco sono pieni* di terrore,+ Ma quelli che inciampano* si cingono in effetti di energia vitale.+   I sazi devono farsi assumere a salario per il pane,+ Ma gli affamati cessano realmente [d’aver fame].+ Anche* la sterile [ne] ha partoriti sette,+ Ma colei che aveva abbondanza di figli è deperita.+   Geova è Colui che uccide e Colui che conserva in vita,*+ Colui che fa scendere allo Sceol,*+ ed Egli fa salire.+   Geova è Colui che fa impoverire+ e Colui che fa arricchire,+ Colui che abbassa, anche Colui che esalta,+   Colui che leva il misero dalla polvere;+ Innalza il povero dalla fossa della cenere,+ Per farli sedere con i nobili;+ e dà loro in possesso un trono di gloria.+ Poiché a Geova appartengono i sostegni della terra,+ E su di essi pone il paese produttivo.*   Egli custodisce i piedi dei suoi leali;*+ In quanto ai malvagi, sono ridotti al silenzio nelle tenebre,+ Poiché non mediante la potenza l’uomo* si mostra superiore.+ 10  In quanto a Geova, quelli che contendono con lui saranno atterriti;+ Contro di loro* egli tuonerà nei cieli.+ Geova stesso giudicherà le estremità della terra,+ Per dare forza al suo re,+ Per esaltare il corno del suo unto”.*+ 11  Quindi Elcana andò a Rama a casa sua;* e in quanto al ragazzo divenne ministro*+ di Geova davanti a Eli il sacerdote. 12  Ora i figli di Eli erano uomini buoni a nulla;*+ non riconoscevano Geova.+ 13  In quanto al diritto dovuto ai sacerdoti dal* popolo,+ ogni qualvolta un uomo offriva un sacrificio, un servitore del sacerdote veniva col forchettone a tre denti in mano, proprio quando la carne bolliva,+ 14  e lo ficcava nel bacino o nella pentola a due manici o nella caldaia o nella pentola a un manico. Qualunque cosa il forchettone tirasse su il sacerdote se la prendeva per sé.* Facevano in questo modo in Silo a tutti gli israeliti che vi andavano.*+ 15  Inoltre, prima ancora che potessero far fumare il grasso,+ un servitore del sacerdote veniva e diceva all’uomo che offriva il sacrificio: “Dà la carne da arrostire per il sacerdote affinché egli riceva da te non carne cotta, ma cruda”.+ 16  Quando l’uomo gli diceva: “Si lasci prima fumare il grasso.+ Quindi prenditi qualunque cosa la tua anima brami”,+ egli effettivamente diceva: “No,* ma lo devi dare ora; e, se no, lo dovrò prendere con la forza!”+ 17  E il peccato dei servitori* divenne molto grande dinanzi a Geova;+ poiché gli uomini trattavano l’offerta di Geova senza rispetto.+ 18  E Samuele da ragazzo serviva+ dinanzi a Geova, cinto di un efod di lino.+ 19  Inoltre, sua madre gli faceva un piccolo manto senza maniche, e glielo portava di anno in anno quando saliva con suo marito a sacrificare il sacrificio annuale.+ 20  Ed Eli benedisse+ Elcana e sua moglie e disse: “Geova ti assegni una progenie da questa moglie in luogo della cosa prestata, che è stata prestata a Geova”.*+ Ed essi se ne andarono al loro luogo.* 21  Pertanto Geova rivolse la sua attenzione ad Anna,+ così che rimase incinta e partorì* tre figli e due figlie.+ E il ragazzo Samuele continuava a crescere presso Geova.+ 22  Ed Eli era molto vecchio, e aveva udito+ di tutto ciò che i suoi figli facevano+ a tutto Israele e come giacevano con le donne+ che servivano* all’ingresso della tenda di adunanza.*+ 23  E diceva loro:+ “Perché continuate a fare cose come queste?+ Poiché le cose che odo intorno a voi da tutto il popolo sono cattive.*+ 24  No,+ figli miei, perché non è buona la notizia che odo, che il popolo di Geova fa circolare.+ 25  Se un uomo pecca contro un uomo,+ Dio farà da arbitro per lui;+ ma se un uomo pecca contro Geova,+ chi pregherà per lui?”+ Ma non ascoltavano la voce del loro padre,+ perché Geova si compiaceva ora di metterli a morte.+ 26  Frattanto il ragazzo Samuele andava crescendo e facendosi sempre più gradito* sia dal punto di vista di Geova che da quello degli uomini.+ 27  E un uomo di Dio*+ veniva da Eli e gli diceva: “Geova ha detto questo: ‘Non mi rivelai in effetti io alla casa del tuo antenato mentre si trovavano in Egitto come schiavi* della casa di Faraone?+ 28  E lo si scelse* per me da tutte le tribù d’Israele,+ perché facesse da sacerdote* e salisse sul mio altare+ per far ascendere fumo di sacrificio,* perché portasse dinanzi a me un efod, affinché io dessi alla casa del tuo antenato tutte le offerte fatte dai figli d’Israele mediante il fuoco.+ 29  Perché continuate voi a dar calci al mio sacrificio+ e alla mia offerta che io ho comandato [nella mia] dimora,*+ e tu continui a onorare i tuoi figli più di me ingrassandovi*+ del meglio di ogni offerta di Israele mio popolo?*+ 30  “‘Perciò ecco l’espressione di Geova, l’Iddio d’Israele: “In realtà io dissi: In quanto alla tua casa e alla casa del tuo antenato, cammineranno dinanzi a me a tempo indefinito”.+ Ma ora ecco l’espressione di Geova: “È impensabile, da parte mia, perché onorerò+ quelli che mi onorano,+ e quelli che mi disprezzano saranno di poco conto”.+ 31  Ecco, vengono i giorni in cui certamente reciderò il tuo braccio e il braccio della casa del tuo antenato, così che non ci sarà vecchio nella tua casa.+ 32  E guarderai realmente un avversario [nella mia] dimora in mezzo a tutto il bene che è fatto a Israele;+ e nella tua casa non ci sarà mai un vecchio. 33  Eppure c’è un uomo dei tuoi che non stroncherò dall’essere presso il mio altare in modo da far venire meno i tuoi* occhi e da far languire la tua* anima; ma la maggior parte [di quelli] della tua casa moriranno tutti mediante la spada degli uomini.*+ 34  E questo è per te il segno che verrà ai tuoi due figli, Ofni e Fineas:+ In un solo giorno moriranno entrambi.+ 35  E certamente susciterò per me un sacerdote fedele.+ Egli farà secondo quanto è nel mio cuore e nella mia anima; e certamente gli edificherò una casa durevole,* e certamente camminerà sempre* dinanzi al mio unto.*+ 36  E deve avvenire che chiunque resti+ della tua casa verrà e si inchinerà davanti a lui per pagare il denaro e un pane rotondo, e certamente dirà: “Ammettimi, ti prego, a uno degli uffici sacerdotali per mangiare un pezzo di pane”’”.+

Note in calce

“In Geova”, MVg; LXX e 27 mss. ebr., “nel mio Dio”.
“Simile al nostro Dio”: ebr. kEʼlohèhnu; gr. Theòs; lat. Deus.
“Dio di”: ebr. ʼEl; gr. Theòs; lat. Deus.
“Da lui”, MmargineVg e molti mss. ebr.
Lett. “L’arco di uomini potenti è pieno”.
O, “che stanno per inciampare”.
Lett. “cessano realmente. Anche”. Con un lieve emendamento del M, “cessano di servire (di fare gli schiavi)”.
“E Colui che conserva in vita”: o, “e Colui che ravviva”. Ebr. umechaiyèh; lat. vivificat.
La comune tomba del genere umano. Gr. hàidou; sir. lashiul; lat. infernum. Vedi App. 4B.
“Il paese produttivo”, MSy; lat. orbem, “il circolo”, cioè quello della terra.
O, “dei suoi uomini di amore leale”.
“Uomo”: ebr. ʼish; gr. anèr; lat. vir.
“Loro”, SyVg; M, “lui”, cioè ciascun componente del gruppo che contende contro di lui.
“Suo unto (messia)”: ebr. meshichòh; gr. christoù; sir. damshicheh; lat. christi.
“Quindi . . . sua”, MVg; LXXB, “Ed essa lo lasciò lì dinanzi a Geova e se ne andò ad Armataim”.
O, “servitore”. Ebr. mesharèth; gr. leitourgòn, “servitore pubblico”; lat. minister.
Lett. “figli di belial (inutilità)”.
“Dal”, TLXXSy e alcuni mss. ebr.; M, “col”. Vedi De 18:3.
“Se la prendeva per sé”, LXXSyVg; M, “la prendeva con esso”.
“Vi andavano”, MSy; LXX, “andavano a sacrificare a Geova”.
“No”, MmargineLXX e 20 mss. ebr.; M, “a lui”; SyVg, “a lui. No”.
O, “giovani”.
O, “che Geova ha chiesto (preso in prestito)”, omettendo la preposizione ebr. “a”; il M è vocalizzato in modo da leggere: “che egli ha chiesto (preso in prestito) per Geova”.
“Al loro luogo”, Sy e 12 mss. ebr.; M, “al suo luogo”.
“Così che partorì ancora”, LXX.
“Che servivano”: ebr. hatstsoveʼòhth. Questo è un verbo usato per indicare il servizio militare, il che fa pensare che queste donne prestassero servizio organizzato in gruppi.
“E come giacevano . . . tenda di adunanza”, M; i LXX omettono.
Il M aggiunge: “anche queste [parole]”, ma pare si tratti di una dittografia.
O, “e divenendo migliore”.
“Un uomo di Dio”: ebr. ʼish-ʼElohìm.
“Come schiavi”, LXX; MSyVg omettono.
“Lo si scelse”: qui in ebr. il verbo è all’infinito assoluto, indefinito in quanto al tempo e impersonale.
“Perché facesse da sacerdote”, LXX; MSyVg, “come sacerdote”.
O, “per far fumare incenso”.
“[Nella mia] dimora”: il M usa qui “dimora” in senso assoluto, senza alcun termine che lo modifichi.
“Ingrassandovi”, M; T, “ingrassandoli”.
“Mio popolo”: forse, con un emendamento, “in piena vista di me”, in armonia con i LXX.
“Tuoi”, MSyVg; LXX, “suoi”.
“Tua”, MSyVg; LXX, “sua”. Evidentemente i LXX si riferiscono ad Abiatar, discendente di Eli.
“Mediante la spada degli uomini”, LXX; MSy, “come uomini”.
O, “fedele; fermamente stabilita”.
Lett. “tutti i giorni”.
“Mio unto”: ebr. meshichì; gr. christoù; sir. meshichai; lat. christo.