Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

1 Samuele 18:1-30

18  E avvenne che, appena egli ebbe finito di parlare a Saul, la medesima anima di Gionatan*+ si legava+ all’anima di Davide, e Gionatan lo amava come la sua propria anima.+  Quindi Saul lo trattenne quel giorno, e non gli permise di tornare alla casa di suo padre.+  E Gionatan e Davide concludevano un patto,+ perché lo amava come la sua propria anima.+  Inoltre, Gionatan si spogliò del manto senza maniche che aveva addosso e lo diede a Davide, e anche le sue vesti, e perfino la sua spada e il suo arco e la sua cintura.  E Davide usciva. Dovunque Saul lo mandasse agiva con prudenza,+ tanto che Saul lo pose sugli uomini di guerra;+ e sembrò bene agli occhi di tutto il popolo e anche agli occhi dei servitori di Saul.  E avvenne che al loro entrare, quando Davide tornò dall’aver abbattuto i filistei,* le donne uscivano da tutte le città d’Israele con canto+ e danze incontro a Saul il re, con tamburelli,+ con allegrezza+ e con liuti.  E le donne che celebravano rispondevano e dicevano: “Saul ha abbattuto le sue migliaia, E Davide le sue decine di migliaia”.+  E Saul si adirava grandemente,+ e questo detto fu cattivo dal suo punto di vista,* tanto che disse: “Hanno dato a Davide decine di migliaia, ma a me hanno dato le migliaia, e c’è ancora da dargli solo il regno!”+  E da quel giorno in poi Saul guardava di continuo Davide con sospetto.+ 10  E avvenne il giorno dopo+ che lo spirito cattivo di Dio divenne operante su Saul,+ così che si comportò da profeta+ dentro la casa, mentre Davide suonava musica con la sua mano,+ come nei giorni precedenti; e la lancia era nella mano di Saul.+ 11  E Saul scagliava la lancia+ e diceva: “Certamente inchioderò Davide proprio al muro!”+ ma Davide si scostò d’innanzi a lui, due volte.+ 12  E Saul ebbe timore+ di Davide perché Geova mostrò d’essere con lui,+ ma da Saul si era ritirato.+ 13  Di conseguenza Saul lo allontanò dalla sua compagnia+ e lo nominò capo di mille per lui; ed egli usciva ed entrava regolarmente davanti al popolo.+ 14  E Davide agiva di continuo con prudenza+ in tutte le sue vie e Geova era con lui.+ 15  E Saul continuò a vedere che agiva con molta prudenza,+ così che ne aveva paura. 16  E tutto Israele e Giuda amavano Davide, perché usciva ed entrava davanti a loro. 17  Infine Saul disse a Davide: “Ecco la mia figlia maggiore Merab.+ Essa è colei che ti darò in moglie.+ Solo mostrati per me persona valorosa e combatti le guerre* di Geova”.+ Ma in quanto a Saul, si disse: “Non venga la mia mano su di lui, ma venga su di lui la mano dei filistei”.+ 18  A ciò Davide disse a Saul: “Chi sono io e chi sono i miei parenti, la famiglia di mio padre, in Israele, così che io debba divenire genero del re?”+ 19  Comunque, avvenne che al tempo di dare Merab, figlia di Saul, a Davide, essa stessa era già stata data in moglie ad Adriel+ il meolatita.+ 20  Ora Mical,+ figlia di Saul, si era innamorata di Davide, e lo riferivano a Saul, e la cosa gli piacque.* 21  Saul dunque disse: “Gliela darò perché gli serva di laccio,+ e perché la mano dei filistei venga su di lui”. Pertanto Saul disse a Davide: “Mediante [una del]le due donne* farai oggi un’alleanza matrimoniale con me”. 22  Inoltre, Saul comandò ai suoi servitori: “Parlate segretamente a Davide, dicendo: ‘Ecco, il re ha provato diletto in te, e tutti i suoi servitori stessi ti amano. Or dunque fa un’alleanza matrimoniale col re’”. 23  E i servitori di Saul pronunciavano queste parole agli orecchi di Davide, ma Davide disse: “È cosa facile ai vostri occhi fare un’alleanza matrimoniale col re, quando io sono un uomo di scarsi mezzi+ e poco stimato?”+ 24  Quindi i servitori di Saul gli riferirono, dicendo: “Con parole come queste ha parlato Davide”. 25  Allora Saul disse: “Direte questo a Davide: ‘Il re non si diletta del denaro matrimoniale,+ ma di cento prepuzi+ dei filistei, per vendicarsi+ dei nemici del re’”. Ma in quanto a Saul, egli aveva tramato di far cadere Davide per mano dei filistei. 26  I suoi servitori riferirono dunque queste parole a Davide, e la cosa piacque a Davide,* di fare un’alleanza matrimoniale+ col re, e i giorni non erano ancora trascorsi. 27  Davide dunque si levò ed egli e i suoi uomini andarono ad abbattere+ tra i filistei duecento* uomini, e Davide venne a portare i loro prepuzi+ e ne diede il numero completo al re, per fare un’alleanza matrimoniale col re. A sua volta Saul gli diede in moglie Mical sua figlia.+ 28  E Saul vide e seppe che Geova era con Davide.+ In quanto a Mical, figlia di Saul, essa lo amava.*+ 29  E di nuovo Saul ebbe ancor più timore a causa di Davide, e Saul divenne per sempre nemico di Davide.+ 30  E i principi+ dei filistei uscivano, e avveniva che ogni volta che uscivano Davide agiva più prudentemente+ di tutti i servitori di Saul; e il suo nome divenne molto prezioso.+

Note in calce

Lett. “Iehonathan”. Vedi nt. a 19:1.
Lett. “il filisteo”, ma in senso collettivo. I LXXB omettono da 17:55 fin qui.
Lett. “cattivo ai suoi occhi”.
O, “battaglie”.
Lett. “fu retta ai suoi occhi”.
“Mediante una delle due donne”, T; M, “Mediante due”, cioè una seconda volta.
Lett. “fu retta agli occhi di Davide”.
“Duecento”, MSyVg; LXX, “cento”.
“Con Davide, e tutto Israele lo amava”, LXX.