Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

1 Samuele 17:1-58

17  E i filistei+ raccoglievano i loro accampamenti per la guerra. Quando si furono raccolti a Soco,+ che appartiene a Giuda, si accampavano fra Soco e Azeca,+ a Efes-Dammim.+  In quanto a Saul e agli uomini d’Israele, si raccolsero e si accampavano nel bassopiano di Ela,+ e si schieravano in formazione di battaglia per incontrare i filistei.  E i filistei stavano sul monte da una parte, e gli israeliti stavano sul monte dall’altra, con la valle fra di loro.  E un campione usciva dagli accampamenti dei filistei, e il suo nome era Golia,+ da Gat,+ e la sua altezza era di sei cubiti e una spanna.*+  E sulla sua testa c’era un elmo di rame, e indossava una cotta di maglia, a scaglie sovrapposte, e il peso della cotta di maglia+ era di cinquemila sicli* di rame.  E al di sopra dei suoi piedi c’erano schinieri di rame e fra le sue spalle un giavellotto+ di rame.  E l’asta di legno della sua lancia era simile al subbio dei lavoratori al telaio,+ e la lama della sua lancia era di seicento sicli* di ferro; e colui che gli portava il grande scudo gli marciava davanti.  Quindi stette fermo e chiamava le linee di battaglia d’Israele+ e diceva loro: “Perché uscite a schierarvi in formazione di battaglia? Non sono io il filisteo e voi servitori+ appartenenti a Saul? Sceglietevi un uomo e fatelo scendere a me.  Se egli può combattere con me e in effetti mi abbatte, noi dovremo divenire quindi vostri servitori. Ma se io stesso gli tengo testa e in effetti lo abbatto, voi dovrete quindi divenire nostri servitori, e ci dovrete servire”.+ 10  E il filisteo proseguì, dicendo: “Io stesso in effetti biasimo+ in questo giorno le linee di battaglia d’Israele. Datemi un uomo, e combattiamo insieme!”+ 11  Quando Saul+ e tutto Israele ebbero udito queste parole del filisteo, furono atterriti ed ebbero grande timore.+ 12*  Ora Davide era figlio di questo efrateo+ da Betleem di Giuda il cui nome era Iesse. Ed egli aveva otto figli.+ E ai giorni di Saul l’uomo era già vecchio fra gli uomini.* 13  E i tre figli maggiori di Iesse se ne andavano. Andarono dietro a Saul alla guerra,+ e i nomi dei suoi tre figli che andarono in guerra erano Eliab+ il primogenito, e il suo secondo figlio Abinadab+ e il terzo Samma.+ 14  E Davide era il più giovane,+ e i tre maggiori stessi andarono dietro a Saul. 15  E Davide se ne andava e da Saul tornava a badare alle pecore+ di suo padre a Betleem. 16  E il filisteo veniva avanti la mattina di buon’ora e la sera e si presentava per quaranta giorni. 17  Iesse disse quindi a Davide suo figlio: “Suvvia, porta ai tuoi fratelli quest’efa* di grano arrostito+ e questi dieci pani, e portali presto al campo ai tuoi fratelli. 18  E queste dieci porzioni di latte* devi portarle al capo dei mille;+ inoltre, devi vedere se i tuoi propri fratelli stanno bene,+ e devi prendere da loro un segno”. 19  Intanto Saul ed essi e tutti gli altri uomini d’Israele erano nel bassopiano di Ela,+ a combattere contro i filistei.+ 20  Pertanto Davide si alzò la mattina di buon’ora e lasciò le pecore alla cura del guardiano e prese [il suo carico] e andò proprio come Iesse gli aveva comandato.+ Quando giunse al recinto del campo,+ le forze militari uscivano verso la linea di battaglia,+ ed emisero un urlo per la battaglia. 21  E Israele e i filistei schieravano linea di battaglia contro linea di battaglia. 22  Davide lasciò immediatamente il bagaglio+ che aveva addosso alla cura del guardiano del bagaglio+ e corse alla linea di battaglia. Quando giunse, chiedeva se i suoi fratelli stavano bene.+ 23  Mentre parlava con loro, ebbene, ecco che il campione, il cui nome era Golia+ il filisteo da Gat,+ saliva dalle linee di battaglia dei filistei, e pronunciava le stesse parole di prima,+ e Davide le ascoltava. 24  In quanto a tutti gli uomini d’Israele, visto l’uomo, ebbene, fuggivano a causa di lui e avevano molto timore.+ 25  E gli uomini d’Israele dicevano: “Avete visto quest’uomo che sale? Poiché sale per biasimare+ Israele. E deve avvenire che, l’uomo che lo abbatte, il re lo arricchirà con grandi ricchezze, e gli darà la sua propria figlia+ e renderà libera in Israele la casa di suo padre”.+ 26  E Davide diceva agli uomini che gli stavano accanto: “Che si farà all’uomo che abbatterà quel filisteo+ laggiù e in effetti toglierà il biasimo da Israele?+ Poiché chi è questo incirconciso+ filisteo che debba biasimare+ le linee di battaglia dell’Iddio vivente?”*+ 27  Quindi il popolo gli disse le stesse parole di prima, dicendo: “Così si farà all’uomo che l’avrà abbattuto”. 28  Ed Eliab+ suo fratello maggiore udì mentre parlava agli uomini, e l’ira di Eliab si accese contro Davide,+ tanto che disse: “Perché sei sceso? E alla cura di chi hai lasciato quelle poche pecore nel deserto?+ Io stesso conosco bene la tua presunzione e la cattiveria del tuo cuore,+ perché sei sceso allo scopo di vedere la battaglia”.+ 29  A ciò Davide disse: “Che ho fatto ora? Non è stata solo una parola?”+ 30  Allora da vicino a lui si voltò verso qualcun altro e disse la stessa parola di prima,+ e, a sua volta, il popolo gli diede la stessa risposta della volta precedente.+ 31  Così le parole che Davide aveva pronunciato furono udite, e andarono a riferirle davanti a Saul. Perciò lo fece venire a sé.* 32  E Davide diceva a Saul: “Non cada il cuore di nessun uomo* dentro di lui.+ Il tuo servitore stesso andrà e in effetti combatterà con questo filisteo”.+ 33  Ma Saul disse a Davide: “Tu non puoi andare contro questo filisteo per combattere con lui,+ poiché non sei che un ragazzo,+ e lui è un uomo di guerra dalla sua giovinezza”. 34  E Davide diceva a Saul: “Il tuo servitore divenne pastore di suo padre fra il gregge, e venne un leone,*+ e anche un orso, e [ciascuno] portò via una pecora dal branco. 35  E io gli uscii dietro e lo abbattei+ e gliela strappai dalla bocca. Quando si levava contro di me, lo afferrai per la barba e lo abbattei e lo misi a morte. 36  Il tuo servitore abbatté sia il leone che l’orso; e questo incirconciso filisteo+ deve divenire come uno di essi, poiché ha biasimato+ le linee di battaglia+ dell’Iddio vivente”.*+ 37  Quindi Davide aggiunse:* “Geova, che mi liberò dalla zampa* del leone e dalla zampa dell’orso, mi libererà dalla mano di questo filisteo”.+ A ciò Saul disse a Davide: “Va, e Geova stesso mostri d’essere con te”.+ 38  Saul vestì ora Davide con le proprie vesti, e gli mise sulla testa un elmo di rame, dopo di che lo vestì con una cotta di maglia. 39  Quindi Davide cinse la sua spada sulle sue vesti e cercò di andare [ma non poté], perché non le aveva provate.* Infine Davide disse a Saul: “Non posso andare con queste cose, poiché non le ho provate”. Davide se le tolse dunque di dosso.+ 40  E prendeva in mano il suo bastone e si sceglieva le cinque pietre più lisce dalla valle del torrente e le metteva nella sua borsa da pastore che gli serviva da bisaccia, e in mano aveva la sua fionda.+ E cominciò ad accostarsi al filisteo. 41  E il filisteo veniva, avvicinandosi sempre più a Davide, e l’uomo che portava il grande scudo era davanti a lui. 42  Or quando il filisteo guardò e vide Davide, lo disprezzava+ perché era un ragazzo+ e di colorito roseo,+ di bell’aspetto.+ 43  Il filisteo disse dunque a Davide: “Sono io un cane,+ così che vieni a me con bastoni?” Allora il filisteo invocò il male su Davide per i suoi dèi.*+ 44  E il filisteo diceva a Davide: “Solo vieni a me, e certamente darò la tua carne ai volatili dei cieli e alle bestie del campo”.+ 45  A sua volta Davide disse al filisteo: “Tu vieni a me con una spada e con una lancia e con un giavellotto,+ ma io vengo a te nel nome di Geova degli eserciti,+ l’Iddio delle linee di battaglia d’Israele, che tu hai biasimato.+ 46  In questo giorno Geova ti cederà nella mia mano,+ e io certamente ti abbatterò e ti staccherò la testa; e in questo giorno certamente darò i cadaveri del campo dei filistei* ai volatili dei cieli e alle bestie selvagge della terra;+ e la gente di tutta la terra* saprà che esiste un Dio che appartiene a Israele.*+ 47  E tutta questa congregazione saprà che né con la spada né con la lancia Geova salva,+ perché la battaglia appartiene a Geova,+ ed egli vi deve dare nella nostra mano”.+ 48  E accadde che il filisteo si levò e si veniva avvicinando sempre più incontro a Davide, e Davide si affrettava e correva verso la linea di battaglia incontro al filisteo.+ 49  Quindi Davide mise la mano nella sua borsa e ne prese una pietra e la frombolò, così che colpì+ il filisteo in fronte e la pietra gli affondò nella fronte,* ed egli cadde con la faccia a terra.+ 50  Davide, con una fionda e una pietra, si mostrò dunque più forte del filisteo e abbatté il filisteo e lo mise a morte; e non c’era spada nella mano di Davide.+ 51  E Davide continuò a correre e si pose sopra il filisteo. Quindi gli prese la spada+ e gliela trasse dal fodero e lo mise decisamente a morte quando con essa gli stroncò la testa.+ E i filistei vedevano che il loro potente era morto, e si diedero alla fuga.+ 52  Allora gli uomini d’Israele e di Giuda si levarono e presero a urlare e si misero a inseguire+ i filistei fino a[lla] valle*+ e fino alle porte di Ecron,+ e i filistei feriti a morte cadevano per la via da Saaraim,*+ sia fino a Gat che fino a Ecron. 53  Poi i figli d’Israele tornarono dall’inseguire accanitamente i filistei e saccheggiavano+ i loro accampamenti. 54  Davide prese quindi la testa+ del filisteo e la portò a Gerusalemme, e le sue armi le mise nella propria tenda.+ 55*  Ora nel momento in cui Saul vide Davide uscire incontro al filisteo, disse ad Abner+ capo dell’esercito: “Di chi+ è figlio il ragazzo,+ Abner?” A ciò Abner disse: “Per la vita della tua anima, o re, non lo so affatto!” 56  E il re disse: “Domanda di chi è figlio il ragazzo”. 57  Pertanto, appena Davide tornò dall’aver abbattuto il filisteo, Abner lo prendeva e lo conduceva davanti a Saul con la testa+ del filisteo nella sua mano. 58  Saul ora gli disse: “Di chi sei figlio, ragazzo?” al che Davide disse: “[Sono] figlio del tuo servitore Iesse+ il betleemita”.+

Note in calce

Circa 2,9 m.
Circa 57 kg.
Circa 6,84 kg.
I LXXB omettono i vv. 12-31.
“Era divenuto vecchio ed era avanzato negli anni”, Sy; LXXL, “era vecchio, molto avanti negli anni”; Vg, “era vecchio e di molta età fra gli uomini”.
Circa 22 l.
“Latte”, M; Vg, “formaggio”.
“Iddio vivente”: ebr. ʼElohìm, seguito dall’aggettivo chaiyìm, “vivente”, entrambi pl. per denotare maestà ed eccellenza. In LXXASyVg, “vivente” è sing. Vedi nt. a De 5:26.
I LXXB omettono i vv. 12-31.
“Di nessun uomo”, MSy; LXX, “del mio signore”.
Lett. “il leone”. Ebr. haʼarì, il leone africano.
Vedi nt. al v. 26.
“Quindi Davide aggiunse”, MSyVg; i LXX omettono.
O, “mano”.
“E si stancò camminando attorno una volta e due”, LXX.
O, “per il suo dio”. Cfr. nt. a 5:7.
Secondo MSyVg; LXX, “i tuoi arti e gli arti del campo dei filistei”.
“La gente di tutta la terra”: lett. “tutta la terra”, ma accompagnato da un verbo al pl. Cfr. nt. a Ge 41:57.
“Un Dio che appartiene a Israele”: ebr. ʼElohìm leYisraʼèl; TLXXSyVg e 15 mss. ebr., “un Dio in Israele”.
“Gli affondò nella fronte”, MSyVg; LXX, “penetrò attraverso l’elmo nella fronte”.
“Valle”: ebr. ghaiʼ; LXX, “Gat”.
O, “la via delle due porte”.
I LXXB omettono dal v. 55 fino a “filistei” in 18:6a.