Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

1 Samuele 11:1-15

11  E Naas l’ammonita+ saliva e si accampava contro Iabes+ di Galaad.* Allora tutti gli uomini di Iabes dissero a Naas: “Concludi un patto con noi affinché ti serviamo”.+  Quindi Naas l’ammonita disse loro: “Lo concluderò con voi a questa condizione, alla condizione di cavare+ a ognuno di voi l’occhio destro, e lo devo mettere come un biasimo su tutto Israele”.+  A loro volta gli anziani di Iabes gli dissero: “Dacci sette giorni di tempo, e certamente manderemo messaggeri in tutto il territorio d’Israele e, se non ci sarà per noi salvatore,+ dovremo quindi uscire a te”.  A suo tempo i messaggeri giunsero a Ghibea+ di Saul e pronunciarono le parole agli orecchi del popolo, e tutto il popolo alzava la voce e piangeva.+  Ma ecco, Saul veniva dietro la mandria dal campo, e Saul diceva: “Cos’ha il popolo, che piange?” Ed essi gli narravano le parole degli uomini di Iabes.  E lo spirito+ di Dio* divenne operante su Saul quando udì queste parole, e la sua ira si accese grandemente.+  Prese dunque un paio di tori e li tagliò a pezzi e mandò questi in tutto il territorio d’Israele+ per mano dei messaggeri, dicendo: “Chiunque di noi non uscirà come seguace di Saul e di Samuele, in questo modo si farà ai suoi bovini!”+ E il terrore+ di Geova+ cadeva sul popolo così che uscirono come un sol uomo.+  Quindi ne fece la somma+ a Bezec, e i figli d’Israele ammontarono a trecentomila, e gli uomini di Giuda a trentamila.  Ora dissero* ai messaggeri che erano venuti: “Direte questo agli uomini di Iabes di Galaad: ‘Domani avrà luogo per voi la salvezza quando il sole si farà caldo’”.+ Allora i messaggeri andarono e [lo] riferirono agli uomini di Iabes, ed essi si abbandonarono all’allegrezza. 10  Pertanto gli uomini di Iabes dissero: “Domani usciremo a voi, e voi ci dovrete fare secondo tutto ciò che è bene ai vostri occhi”.+ 11  E il giorno dopo avvenne che Saul+ disponeva il popolo in tre schiere;+ e penetrarono in mezzo al campo durante la veglia del mattino*+ e abbattevano gli ammoniti*+ finché il giorno si fece caldo. Essendo risultato che ne restavano alcuni, furono quindi dispersi e fra loro non ne restarono due insieme.+ 12  E il popolo diceva a Samuele: “Chi è che dice: ‘Saul, deve egli regnare* su di noi?’+ Consegnate gli uomini, affinché li mettiamo a morte”.+ 13  Comunque, Saul* disse: “Nessun uomo dev’essere messo a morte in questo giorno,+ perché oggi Geova ha operato la salvezza in Israele”.+ 14  In seguito Samuele disse al popolo: “Venite e andiamo a Ghilgal+ per confermare là il potere reale”.+ 15  Tutto il popolo andò dunque a Ghilgal, e vi facevano re Saul* dinanzi a Geova a Ghilgal. Quindi offrirono là sacrifici di comunione dinanzi a Geova,+ e là Saul e tutti gli uomini d’Israele continuarono a rallegrarsi grandemente.+

Note in calce

O, “Iabes-Galaad”.
“Spirito di Dio”: ebr. ruach-ʼElohìm; TLXX e due mss. ebr., “spirito di Geova”; Vg, “spirito del Signore [Geova]”.
“Dissero”, MVg; LXXSy, “disse”.
Vedi nt. a Eso 14:24.
“Ammon”, MVg; TLXXSy e tre mss. ebr., “i figli di Ammon”.
“Saul, deve egli regnare?” MVgc; LXXSy, “Saul, egli non deve regnare”.
“Saul”, MSyVg; LXXB e altri mss. gr., “Samuele”.
“E là Samuele unse Saul come re”, LXX.