Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

1 Samuele 10:1-27

10  Samuele prese quindi l’ampolla+ dell’olio e glielo versò sulla testa e lo baciò+ e disse: “Non è perché Geova* ti ha unto come condottiero+ sulla sua eredità?+  Andando via da me oggi troverai certamente due uomini presso la tomba di Rachele+ nel territorio di Beniamino a Zelza, e certamente ti diranno: ‘Le asine che sei andato a cercare sono state trovate, ma ora tuo padre ha messo da parte la faccenda delle asine+ ed è divenuto ansioso per voi, dicendo: “Che farò riguardo a mio figlio?”’+  E di là devi passare oltre e andare fino al grosso albero di Tabor, e là ti devono venire incontro tre uomini che saliranno al [vero] Dio a Betel,+ uno che porterà tre capretti+ e uno che porterà tre pani rotondi+ e uno che porterà una grossa giara di vino.+  E certamente si informeranno della tua salute+ e ti daranno due pani, e tu li dovrai accettare dalla loro mano.  Dopo ciò andrai al colle del [vero] Dio,+ dove c’è una guarnigione+ dei filistei. E deve avvenire che al tempo in cui giungerai lì in città, certamente ti imbatterai in un gruppo di profeti+ che scenderanno dall’alto luogo,+ e davanti a loro uno strumento a corda+ e tamburello+ e flauto+ e arpa,+ mentre parleranno da profeti.  E lo spirito+ di Geova diverrà certamente operante su di te, e certamente parlerai da profeta+ insieme a loro e sarai cambiato in un altro uomo.  E deve succedere che quando questi segni+ ti sono avvenuti, fa per te stesso ciò che la tua mano trova possibile,+ perché il [vero] Dio è con te.+  E devi scendere davanti a me a Ghilgal;+ ed ecco, io scenderò da te per offrire sacrifici bruciati, per fare sacrifici di comunione.+ Devi continuare ad aspettare sette+ giorni finché verrò da te, e certamente ti farò sapere ciò che devi fare”.  E avvenne che appena egli voltò le spalle per andarsene via da Samuele, Dio gli cambiava il cuore in un altro;+ e tutti questi segni+ si avveravano in quel giorno. 10  Di là andarono dunque al colle, ed ecco, c’era un gruppo di profeti che gli veniva incontro; subito lo spirito di Dio divenne operante su di lui,+ ed egli parlava da profeta+ in mezzo a loro. 11  E avvenne che quando tutti quelli che in precedenza lo conoscevano lo videro, ecco, era con i profeti che profetizzava. Di conseguenza la gente si disse l’un l’altro: “Che cos’è questo che è accaduto al figlio di Chis? Anche Saul è tra i profeti?”+ 12  Quindi un uomo di là rispose e disse: “Ma chi è il loro padre?” Perciò è divenuta un’espressione proverbiale:+ “Anche Saul è tra i profeti?” 13  Infine egli terminò di parlare da profeta e andò all’alto luogo. 14  Più tardi il fratello del padre di Saul disse a lui e al suo servitore: “Dove siete andati?” A ciò egli disse: “A cercare le asine,+ e abbiamo continuato ad andare a vedere, ma non erano [là]. Siamo dunque andati da Samuele”. 15  A ciò lo zio di Saul disse: “Dichiarami, sì, ti prego: Che cosa vi ha detto Samuele?” 16  A sua volta Saul disse a suo zio: “Ci ha indubbiamente dichiarato che le asine erano state trovate”. E la faccenda del regno di cui Samuele aveva parlato, non gliela dichiarò.+ 17  E Samuele adunava il popolo a Geova in Mizpa+ 18  e diceva ai figli d’Israele: “Geova, l’Iddio d’Israele, ha detto questo:+ ‘Fui io a far salire Israele dall’Egitto e a liberarvi dalla mano dell’Egitto+ e dalla mano di tutti i regni che vi opprimevano.+ 19  Ma voi, voi avete rigettato oggi il vostro Dio+ che vi salvò da tutti i vostri mali e dalle vostre angustie, e avete continuato a dire: “No, ma* su di noi devi mettere un re”. E ora presentatevi dinanzi a Geova secondo le vostre tribù+ e secondo le vostre migliaia’”.* 20  Pertanto Samuele fece avvicinare tutte le tribù d’Israele,+ e fu designata la tribù di Beniamino.+ 21  Quindi fece avvicinare la tribù di Beniamino secondo le sue famiglie, e fu designata la famiglia dei matriti.*+ Infine fu designato Saul figlio di Chis.+ E si misero a cercarlo, e non si trovò. 22  Perciò chiesero+ ancora a Geova: “È già venuto qui l’uomo?” A ciò Geova disse: “Eccolo, nascosto+ fra il bagaglio”. 23  Corsero dunque e lo presero di là. Quando si presentò in mezzo al popolo, era più alto di tutta l’altra gente dalle sue spalle in su.+ 24  Quindi Samuele disse a tutto il popolo: “Avete visto colui che Geova ha scelto,+ che non c’è nessuno come lui fra tutto il popolo?” E tutto il popolo urlava e diceva: “Viva il re!”+ 25  A ciò Samuele parlò al popolo del debito diritto del regno+ e lo scrisse in un libro e lo depositò dinanzi a Geova. Quindi Samuele mandò via tutto il popolo, ciascuno alla sua casa. 26  In quanto a Saul stesso, se ne andò alla sua casa a Ghibea,+ e gli uomini valorosi ai quali Dio aveva toccato il cuore andavano con lui.+ 27  In quanto agli uomini buoni a nulla,+ dissero: “Come ci salverà costui?”+ Pertanto lo disprezzarono,+ e non gli portarono nessun dono.+ Ma egli rimase come uno divenuto senza parola.*+

Note in calce

Qui lo scriba ebr. può aver fatto un’omissione (dovuta a omeoteleuto). I LXX leggono: “Non ti ha unto Geova come condottiero sul suo popolo, su Israele? E tu dominerai sul popolo di Geova, e li salverai dalla mano dei loro nemici all’intorno. E questo sarà per te il segno che Geova”; Vgc è simile.
“Dire: ‘No, ma’”, LXXSyVg e 35 mss. ebr.; M, “dirgli: ‘Ma’”.
O, “suddivisioni tribali”.
I LXX aggiungono: “E fanno avvicinare la famiglia dei matriti, uomo per uomo”.
“Ma egli rimase come uno divenuto senza parola”, M; con un emendamento in armonia con i LXX: “E avvenne approssimativamente un mese dopo”. I LXX fanno iniziare il capitolo 11 con queste parole.