Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

1 Re 20:1-43

20*  In quanto a Ben-Adad+ re di Siria, radunò tutte le sue forze militari e anche trentadue re con lui+ e cavalli+ e carri,+ e saliva e poneva l’assedio+ a Samaria+ e combatteva contro di essa.  Mandò quindi messaggeri+ ad Acab re d’Israele in città. E gli diceva: “Ben-Adad ha detto questo:  ‘Il tuo argento e il tuo oro sono miei, e le tue mogli e i tuoi figli, i più belli, sono miei’”.+  A ciò il re d’Israele rispose e disse: “Secondo la tua parola, mio signore il re, io sono tuo con tutto ciò che mi appartiene”.+  Più tardi i messaggeri tornarono e dissero: “Ben-Adad ha detto questo: ‘Ti ho mandato a dire: “Mi darai il tuo argento e il tuo oro e le tue mogli e i tuoi figli.  Ma domani verso quest’ora manderò da te i miei servitori, e dovranno frugare attentamente la tua casa e le case dei tuoi servitori; e dovrà accadere che ogni cosa desiderabile+ ai tuoi occhi se la metteranno in mano, e la dovranno portare via”’”.  Allora il re d’Israele chiamò tutti gli anziani del paese+ e disse: “Notate, vi prego, e vedete che costui cerca la calamità;+ poiché mi ha mandato [a chiedere] le mie mogli e i miei figli e il mio argento e il mio oro, e non li ho trattenuti da lui”.  Quindi tutti gli anziani e tutto il popolo gli dissero: “Non ubbidire, e non devi acconsentire”.  Egli disse dunque ai messaggeri di Ben-Adad: “Dite al mio signore il re: ‘Farò tutto ciò che hai mandato [a dire] al tuo servitore la prima volta; ma questa cosa non la posso fare’”. Allora i messaggeri andarono via e gli riportarono parola. 10  Ben-Adad gli mandò ora a dire: “Così mi facciano gli dèi+ e così vi aggiungano,+ se la polvere di Samaria sarà sufficiente a riempire i pugni di tutto il popolo che mi segue!”*+ 11  A sua volta il re d’Israele rispose e disse: “Parlate[gli]: ‘Non si vanti chi si cinge+ come chi si slaccia’”.+ 12  E avvenne che appena ebbe udito questa parola, mentre lui stesso e i re bevevano+ nelle capanne, immediatamente disse ai suoi servitori: “Disponetevi!” E si disponevano contro la città. 13  Ed ecco, un certo profeta si accostò ad Acab re d’Israele+ e quindi disse: “Geova* ha detto questo:+ ‘Hai visto tutta questa grande folla? Ecco, oggi te la do in mano, e certamente conoscerai che io sono Geova’”.*+ 14  Quindi Acab disse: “Mediante chi?” al che egli disse: “Geova* ha detto questo: ‘Mediante i giovani dei principi dei distretti giurisdizionali’”. Infine disse: “Chi inizierà la battaglia?” al che disse: “Tu!” 15  Ed egli faceva il conto dei giovani dei principi dei distretti giurisdizionali, ed erano duecentotrentadue;+ e dopo di loro fece il conto di tutto il popolo, tutti i figli d’Israele, settemila. 16  E uscivano a mezzogiorno mentre Ben-Adad beveva nelle capanne fino a ubriacarsi,+ lui insieme ai re, i trentadue re che lo aiutavano. 17  Quando i giovani+ dei principi dei distretti giurisdizionali uscirono per primi, Ben-Adad subito mandò [a vedere]; e vennero a riferirgli, dicendo: “Degli uomini sono usciti da Samaria”. 18  Allora disse: “Se sono usciti per la pace, li dovete prendere vivi; o se sono usciti per la battaglia, vivi li dovete prendere”.+ 19  E questi furono quelli che uscirono dalla città, i giovani dei principi dei distretti giurisdizionali e le forze militari che erano dietro di loro. 20  E abbattevano ciascuno il suo uomo; e i siri+ si diedero alla fuga,+ e Israele li inseguiva, ma Ben-Adad re di Siria scampava su un cavallo insieme ai cavalieri. 21  Ma il re d’Israele uscì e continuò ad abbattere i cavalli e i carri,+ e abbatté i siri con una grande strage. 22  Più tardi il profeta+ si accostò al re d’Israele e gli disse: “Va, rafforzati+ e nota e vedi ciò che intendi fare;+ poiché al volgere dell’anno* il re di Siria salirà contro di te”.+ 23  In quanto ai servitori del re di Siria, gli dissero: “Il loro Dio è un Dio dei monti.*+ Perciò si sono mostrati più forti di noi. D’altra parte, combattiamo dunque contro di loro nella pianura [e vedrai] se non ci mostreremo più forti di loro. 24  E fa questa cosa: Rimuovi i re+ ciascuno dal suo posto e metti dei governatori invece d’essi.+ 25  In quanto a te, devi contarti forze militari pari alle forze militari che caddero al tuo fianco, cavallo per cavallo e carro per carro; e combattiamo contro di loro nella pianura [e vedrai] se non ci mostreremo più forti di loro”.+ Egli ascoltò pertanto la loro voce e fece proprio in quel modo. 26  E al volgere dell’anno avvenne che Ben-Adad adunava i siri+ e saliva ad Afec+ per la battaglia contro Israele. 27  In quanto ai figli d’Israele, furono adunati e provvisti di vettovaglie+ e uscivano loro incontro; e i figli d’Israele si accamparono di fronte a loro come due sparuti greggi di capre, mentre i siri, da parte loro, riempivano la terra.+ 28  Quindi l’uomo del [vero] Dio+ si accostò e disse al re d’Israele, sì, continuò a dire: “Geova ha detto questo: ‘Per la ragione che i siri hanno detto: “Geova è un Dio* dei monti, e non è un Dio dei bassopiani”, dovrò dare tutta questa grande folla nella tua mano,+ e certamente conoscerete che io sono Geova’”.+ 29  E continuarono a stare accampati per sette giorni, questi di fronte a quelli.+ E il settimo giorno avvenne che si impegnavano nella battaglia; e i figli d’Israele abbattevano i siri, centomila uomini a piedi in un sol giorno. 30  E quelli che restavano fuggirono ad Afec,+ alla città; e le mura caddero su ventisettemila uomini che erano restati.+ In quanto a Ben-Adad, fuggì+ e infine entrò in città nella camera più interna.+ 31  Così i suoi servitori gli dissero: “Ecco, ora, abbiamo udito che i re della casa d’Israele sono re di amorevole benignità.+ Ti preghiamo, lascia che ci mettiamo sacco+ sui lombi+ e funi sulla testa, e usciamo verso il re d’Israele. Forse conserverà in vita la tua anima”.+ 32  Si cinsero pertanto i lombi di sacco, con funi sulla testa, e vennero dal re d’Israele e dissero: “Il tuo servitore Ben-Adad ha detto: ‘Ti prego, lascia vivere la mia anima’”. A ciò egli disse: “È ancora vivo? È mio fratello”. 33  Gli stessi uomini+ lo presero dunque come un presagio e presto lo presero come una sua propria decisione, e dicevano: “Ben-Adad è tuo fratello”. Allora disse: “Andate, portatelo”. Quindi Ben-Adad uscì verso di lui; ed egli lo fece subito salire sul carro.+ 34  [Ben-Adad] ora gli disse: “Le città+ che mio padre prese a tuo padre le restituirò; e ti assegnerai delle vie a Damasco come mio padre le assegnò a Samaria”. “E in quanto a me, ti manderò via con un patto”.+ Allora concluse un patto con lui e lo mandò via. 35  E un certo uomo dei figli dei profeti*+ disse al suo amico per la parola+ di Geova: “Colpiscimi, ti prego”. Ma l’uomo si rifiutò di colpirlo. 36  Perciò gli disse: “Per la ragione che non hai ascoltato la voce di Geova, ecco, andrai via da me e un leone certamente ti abbatterà”. Dopo ciò egli andò via da vicino a lui, e il leone+ lo trovava e lo abbatteva.+ 37  Ed egli trovava un altro uomo e diceva: “Colpiscimi, ti prego”. L’uomo dunque lo colpì, colpendo e ferendo.* 38  Quindi il profeta andò e si fermò ad [aspettare] il re presso la strada, e si camuffava+ con una benda sugli occhi. 39  E avvenne che mentre il re passava, egli gridò al re e diceva:+ “Il tuo servitore stesso uscì nel folto della battaglia; ed ecco, un uomo si ritraeva dalla linea, e mi conduceva un uomo e quindi disse: ‘Custodisci quest’uomo. Se in alcun modo verrà a mancare, allora la tua anima+ dovrà prendere il posto della sua anima,+ oppure peserai un talento* d’argento’.+ 40  E avvenne che mentre il tuo servitore era attivo qua e là, ebbene, quello stesso se n’era andato”. A ciò il re d’Israele gli disse: “Così è il tuo proprio giudizio. Tu stesso hai deciso”.+ 41  A ciò egli si tolse in fretta la benda di sopra gli occhi, e il re d’Israele lo riconosceva, che era dei profeti.+ 42  Quindi egli gli disse: “Geova ha detto questo: ‘Per la ragione che ti sei lasciato sfuggire di mano l’uomo a me votato per la distruzione,*+ la tua anima deve prendere il posto della sua anima+ e il tuo popolo il posto del suo popolo’”.+ 43  Allora il re d’Israele se ne andò verso la sua casa, accigliato e abbattuto,+ e giunse a Samaria.+

Note in calce

I LXX invertono i capitoli 20 e 21; perciò nei LXX il capitolo 21 comincia qui.
Lett. “che è al mio piede!”
“Geova”: ebr. Yehwàh; AqBurkitt usa il Tetragramma in caratteri ebr. antichi; gr. Kỳrios. Vedi App. 1C (7).
Vedi App. 1C (7).
Vedi App. 1C (7).
“Al volgere dell’anno”, cioè la primavera successiva. Vedi 2Cr 36:10.
O, “I loro dèi sono dèi dei monti”. Vedi nt. al v. 28.
‘Un Dio di’: ebr. ʼElohèh, pl. di ʼElòhah, per indicare eccellenza o maestà.
“Dei figli dei profeti”: ebr. mibbenèh hanneviʼìm; la prima volta che ricorre questa espressione.
“Colpendo e ferendo”: in ebr. questi verbi sono all’infinito assoluto, indefiniti in quanto al tempo e impersonali.
Vedi App. 8A.
Lett. “l’uomo della mia cosa votata”.