Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Italiano

La Bibbia online | TRADUZIONE DEL NUOVO MONDO DELLE SACRE SCRITTURE

1 Corinti 6:1-20

6  Osa qualcuno di voi che ha una causa+ contro un altro andare in tribunale davanti a uomini ingiusti,+ e non davanti ai santi?+  O non sapete che i santi giudicheranno+ il mondo?+ E se il mondo dev’essere giudicato da voi, non siete voi in grado di giudicare cose di minima importanza?+  Non sapete che noi giudicheremo gli angeli?+ Perché, dunque, non cose di questa vita?  Se dunque avete da giudicare+ cose di questa vita, ponete come giudici gli uomini che sono disprezzati nella congregazione?+  Parlo per farvi provare vergogna.+ È vero che non c’è fra voi un uomo saggio+ che possa giudicare tra i suoi fratelli,  ma un fratello va in tribunale con un fratello, e ciò davanti agli increduli?+  Realmente, dunque, significa una completa sconfitta per voi che abbiate processi+ gli uni con gli altri. Perché non vi lasciate piuttosto fare un torto?+ Perché non vi lasciate piuttosto defraudare?+  Al contrario, voi fate torto e defraudate, e questo ai vostri fratelli.+  Che cosa! Non sapete che gli ingiusti non erediteranno il regno di Dio?+ Non siate sviati. Né fornicatori,+ né idolatri,+ né adulteri,+ né uomini tenuti per scopi non naturali,+ né uomini che giacciono con uomini,*+ 10  né ladri, né avidi,+ né ubriaconi,+ né oltraggiatori, né rapaci erediteranno il regno di Dio.+ 11  E questo eravate alcuni di voi.+ Ma siete stati lavati,+ ma siete stati santificati,*+ ma siete stati dichiarati giusti+ nel nome del nostro* Signore Gesù Cristo+ e con lo spirito del nostro Dio.+ 12  Ogni cosa mi è lecita; ma non ogni cosa è vantaggiosa.+ Ogni cosa mi è lecita;+ ma non mi farò porre sotto autorità da alcuna cosa.+ 13  I cibi sono per il ventre, e il ventre per i cibi;+ ma Dio ridurrà a nulla questi e quello.+ Ora il corpo non è per la fornicazione, ma per il Signore;+ e il Signore è per il corpo.+ 14  Ma come Dio destò il Signore+ così desterà anche noi da [morte]+ per mezzo della sua potenza.+ 15  Non sapete voi che i vostri corpi sono membra+ di Cristo?+ Toglierò dunque io le membra del Cristo e ne farò le membra di una meretrice?*+ Non sia mai! 16  Che cosa! Non sapete voi che chi si unisce ad una meretrice è un solo corpo? Poiché “i due”, egli* dice, “saranno una sola carne”.+ 17  Ma chi si unisce al Signore è un solo+ spirito.+ 18  Fuggite la fornicazione.+ Ogni altro peccato che l’uomo commetta è fuori del suo* corpo, ma chi pratica la fornicazione pecca contro il proprio corpo.+ 19  Che cosa! Non sapete che il corpo di voi è il tempio*+ dello spirito santo che è in voi,+ il quale avete da Dio? E voi non appartenete a voi stessi,+ 20  poiché siete stati comprati a prezzo.+ A tutti i costi, glorificate Dio+ nel vostro corpo.+

Note in calce

O, “né sodomiti”. Lett. “né quelli che giacciono con maschi”. Gr. oùte arsenokòitai; lat. neque masculorum concubitores.
O, “siete stati ritenuti sacri (trattati come santi)”. Gr. hegiàsthete; lat. sanctificati estis; J17,22(ebr.), quddashtèm.
“Nostro”, BVgSypArm; P46אAD omettono.
O, “fornicatrice; prostituta”. Gr. pòrnes.
O, “essa”, cioè la scrittura.
“Del suo”: lett. “del”.
O, “abitazione (dimora) divina”. Gr. naòs; lat. templum; J17,22(ebr.), hehkhàl, “palazzo; tempio”.