Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Testimoni di Geova

Italiano

TURKMENISTAN

Panoramica sul Turkmenistan

Panoramica sul Turkmenistan

I Testimoni di Geova sono presenti in Turkmenistan dalla fine degli anni ’80. Poco dopo aver ottenuto l’indipendenza dall’Unione Sovietica nell’ottobre 1991, il governo iniziò a limitare fortemente la libertà di religione.

I Testimoni di Geova non hanno ottenuto il riconoscimento giuridico in Turkmenistan. Alcuni Testimoni sono stati vittime di brutali percosse, detenzioni arbitrarie, perquisizioni nelle loro case e imprigionamenti, e hanno ricevuto multe per aver manifestato le proprie convinzioni religiose. In alcuni casi, sono stati imprigionati sulla base di false accuse mosse contro di loro dalla polizia. Dato che in Turkmenistan non è previsto il servizio civile alternativo, i giovani Testimoni di sesso maschile vengono perseguiti e puniti per la loro obiezione di coscienza al servizio militare. I Testimoni di Geova hanno presentato istanze presso il Comitato per i Diritti Umani dell’ONU e altre organizzazioni internazionali.

Nell’ottobre 2014 il Presidente del Turkmenistan ha concesso l’amnistia a otto Testimoni che erano stati ingiustamente imprigionati. I Testimoni hanno espresso pubblicamente la loro gratitudine nei confronti del governo per questi sviluppi positivi. Sperano che il governo faccia ulteriori passi avanti per proteggere la libertà di religione.