Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Testimoni di Geova

Italiano

3 APRILE 2017
RUSSIA

Esperti si esprimono in merito alla minaccia di proscrizione delle attività dei Testimoni di Geova in Russia: video interviste

Esperti si esprimono in merito alla minaccia di proscrizione delle attività dei Testimoni di Geova in Russia: video interviste

Il 5 aprile 2017 la Corte Suprema della Federazione Russa deciderà se sciogliere tutti gli enti giuridici dei Testimoni di Geova della Russia e vietare le loro attività in tutto il paese. Una decisione a sfavore dei Testimoni renderebbe illegali le loro attività religiose. Molti esperti sui diritti umani provenienti dalla Russia e da altri paesi si sono espressi in merito alle ingiuste azioni intraprese dalle autorità russe e sugli effetti che vietare le attività dei Testimoni di Geova avrebbe, non solo sui Testimoni, ma anche sulla reputazione della Russia a livello internazionale e sulla libertà di religione di tutti i suoi cittadini.

  • Heiner Bielefeldt: “Se i Testimoni di Geova sono estremisti, allora lo siamo tutti”.

    Ex relatore speciale dell’ONU sulla libertà di religione o di credo

  • Richard Clayton(Queen’s Counsel): “È un esempio sconcertante di una pessima legge usata per uno scopo ancora peggiore”.

    Avvocato specializzato in diritti umani internazionali e rappresentante del Regno Unito alla Commissione di Venezia

  • Dott. Massimo Introvigne: “L’unico legame esistente tra i Testimoni di Geova e la violenza è che essi sono stati vittime di violenza”.

    Sociologo ed ex rappresentante dell’OSCE per la lotta contro il razzismo, la xenofobia e la discriminazione

  • Annika Hvithamar: “Se i Testimoni di Geova sono estremisti, allora la maggior parte delle confessioni [...] cristiane potrebbe essere accusata della stessa cosa”.

    Professore associato e direttrice del Dipartimento di studi interculturali e regionali all’Università di Copenhagen

  • Ljudmila Alekseeva: “Non è solo un errore. Io penso che sia un crimine”.

    Presidentessa del Gruppo Helsinki di Mosca e membro del Consiglio presidenziale russo per la società civile e i diritti umani

  • Anatolij Vasil’evič Pčelincev: “Difendiamo i Testimoni di Geova!”

    Redattore capo del periodico Religion and Law (Religione e diritto)

  • Vladimir Vasil’evič Rjachovskij: “Si è sempre partiti dai Testimoni di Geova e poi si è arrivati a tutti gli altri”.

    Membro del Consiglio presidenziale russo per la società civile e i diritti umani

  • Maksim Ševčenko: “Questa richiesta viola i princìpi fondamentali della libertà di coscienza”.

    Presidente del Centro per lo studio strategico delle religioni e della politica del mondo moderno

  • Dott. Hubert Seiwert: “Tutte le accuse contro i Testimoni di Geova presentate nel corso delle varie udienze erano infondate”.

    Professore presso l’Istituto di scienze religiose dell’Università di Lipsia

  • Mercedes Murillo Muñoz: “Lo Stato ha grande fiducia in questa confessione religiosa”.

    Professore di diritto ecclesiastico presso l’Università Re Juan Carlos (Spagna)

  • Consuelo Madrigal: “Non penso affatto che [i Testimoni di Geova] siano pericolosi”.

    Avvocato ed ex procuratore generale della Spagna