Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Testimoni di Geova

Italiano

RUANDA

Panoramica sul Ruanda

Panoramica sul Ruanda

I Testimoni di Geova sono attivi in Ruanda dal 1970. Nel 1992 hanno ottenuto il riconoscimento giuridico, confermato dal governo nel 2002. I Testimoni sono ben conosciuti per la loro neutralità politica e in generale sono liberi di professare le loro convinzioni religiose. Non hanno preso parte alle atrocità durante il genocidio del 1994 e hanno rischiato perfino la vita per salvare altri. Tuttavia alcuni discriminano i Testimoni per il fatto che si attengono ancora oggi alla stessa posizione di neutralità in ambito politico.

Alcune autorità scolastiche espellono alunni Testimoni a motivo del loro rifiuto di partecipare alle cerimonie patriottiche e religiose che si tengono a scuola. * Inoltre il governo richiede agli insegnanti di partecipare a seminari dove si riceve addestramento militare e si canta l’inno nazionale. Pertanto centinaia di insegnanti Testimoni hanno perso il lavoro. Nel 2010 il governo del Ruanda ha richiesto che tutti i funzionari della pubblica amministrazione partecipassero a una cerimonia di giuramento che aveva relazione con la bandiera nazionale. Di conseguenza molti Testimoni impiegati nella pubblica amministrazione hanno perso il lavoro.

Nonostante queste difficoltà, i Testimoni di Geova in Ruanda sono grati della libertà religiosa di cui godono. Sperano che col tempo le autorità ruandesi riconoscano che la loro posizione di neutralità in ambito politico non costituisce una minaccia per il governo.

^ par. 3 I Testimoni di Geova considerano la partecipazione a cerimonie patriottiche come un atto religioso e una violazione del comando di Dio di adorarlo in modo esclusivo. Anche se non prendono parte a tali cerimonie, rispettano il diritto degli altri di parteciparvi.