Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Testimoni di Geova

Italiano

18 NOVEMBRE 2013
MONDO

Ricordiamo quelli che sono in prigione

“Il diritto alla libertà di pensiero, di coscienza e di religione” è un fondamentale diritto umano, come dichiara l’articolo 18 del Patto internazionale sui diritti civili e politici. * In alcuni paesi, per i Testimoni di Geova l’esercizio di questo basilare diritto umano porta all’imprigionamento e perfino a crudeli maltrattamenti. I detenuti sono in prevalenza giovani obiettori di coscienza al servizio militare. Altri sono imprigionati solo perché professano la propria fede.

Maltrattamenti e prevaricazioni non fanno desistere i Testimoni di Geova dal professare la propria fede. Piuttosto, tali misure macchiano la reputazione dei governi che non rispettano i diritti umani. La tabella che segue indica i paesi in cui le autorità imprigionano i Testimoni di Geova e il numero di Testimoni detenuti in ciascun paese.

DOVE?

NUMERO DI DETENUTI

 Eritrea

52

 Corea del Sud

599

 Nagorno-Karabakh

1

 Singapore

18

 Turkmenistan

9

Totale

679

Elenco dei detenuti al 12 novembre 2013

 ERITREA

Secondo l’ultimo rapporto ricevuto, 52 testimoni di Geova, uomini e donne, si trovano in carcere in condizioni estremamente dure. Pur non essendo stata mossa contro di loro alcuna accusa e non avendo subìto alcun processo, sono detenuti per obiezione di coscienza, attività religiosa o per ragioni ignote. Tre uomini, Paulos Eyassu, Isaac Mogos e Negede Teklemariam, sono in carcere da quasi 20 anni — dal 24 settembre 1994 — perché obiettori di coscienza al servizio militare. Misghina Gebretinsae e Yohannes Haile, due testimoni di Geova che avevano più di 60 anni, sono morti durante la detenzione. Dall’indipendenza, nel 1993, l’Eritrea ha sempre imprigionato, torturato e maltrattato i Testimoni di Geova.

 COREA DEL SUD

Attualmente 599 giovani Testimoni stanno scontando una pena detentiva di 18 mesi perché obiettori di coscienza. Dalla guerra di Corea a oggi, la Corea del Sud ha perseguito implacabilmente i giovani Testimoni che si rifiutano di prestare servizio militare e non ha disposto alternative per risolvere la questione. In tutti questi anni il paese ha condannato 17.549 Testimoni a un totale di 34.100 anni di carcere per il loro rifiuto di svolgere il servizio militare. La Corea del Sud non ha adempiuto gli obblighi derivanti dal trattato internazionale e si è rifiutata di riconoscere i diritti fondamentali degli obiettori di coscienza. Per ulteriori informazioni, vedi Ingiustizie in Corea del Sud: reazioni internazionali.

 NAGORNO-KARABAKH

Un Testimone di 20 anni è in carcere quale obiettore di coscienza perché il Nagorno-Karabakh non prevede un servizio civile alternativo. Il 30 dicembre 2011 il giovane è stato condannato a 30 mesi di detenzione e il 29 gennaio 2013 la sua richiesta di scarcerazione non è stata accolta. Un’ulteriore richiesta di scarcerazione per motivi di salute è stata respinta dall’amministrazione penitenziaria.

 SINGAPORE

Il governo di Singapore impone il servizio militare obbligatorio e non riconosce i diritti degli obiettori di coscienza. Decisi a non violare la propria coscienza educata secondo i dettami della Bibbia, 18 giovani testimoni di Geova stanno scontando ciascuno una pena detentiva di 39 mesi nelle caserme di detenzione delle Forze Armate di Singapore. Un altro Testimone è stato rilasciato nell’agosto 2013 dopo un anno di carcere per il suo rifiuto di svolgere il servizio di leva.

 TURKMENISTAN

Nove Testimoni sono attualmente detenuti in Turkmenistan: otto quali obiettori di coscienza e uno a seguito di false accuse. Stanno scontando pene che vanno dai 12 ai 24 mesi e devono spesso sopportare crudeli maltrattamenti da agenti penitenziari e soldati. Dopo il rilascio, alcuni sono stati perseguiti di nuovo in quanto “recidivi” e poi detenuti con un regime carcerario ancora più duro.

^ par. 2 Vedi anche l’articolo 18 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo e l’articolo 9 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo.