Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Testimoni di Geova

Italiano

8 DICEMBRE 2015
AZERBAIGIAN

All’Azerbaigian è stato richiesto di concedere gli arresti domiciliari a Irina Zakarčenko

All’Azerbaigian è stato richiesto di concedere gli arresti domiciliari a Irina Zakarčenko

Il 3 dicembre 2015 il Comitato per i Diritti Umani dell’ONU ha accolto un’istanza urgente a favore di Irina Zakarčenko e ha chiesto al governo dell’Azerbaigian di convertire immediatamente la detenzione in “arresti domiciliari o altro provvedimento adeguato”. Tale urgente richiesta è motivata dalla preoccupazione per il peggioramento delle condizioni di salute della donna.

Irina Zakarčenko e un’altra Testimone, Valida Žabrajilova, sono state detenute in custodia cautelare per 10 mesi. Il 10 dicembre 2015, presso la Corte Distrettuale di Pirallahi a Baku, si terrà una prima udienza del caso delle due donne, che sono accusate di presunta violazione del codice penale per aver distribuito pubblicazioni religiose e aver parlato delle proprie convinzioni “senza autorizzazione”.