Dopo sei mesi continua il processo di appello dei 16 testimoni di Geova di Taganrog (Russia), cominciato nel gennaio 2015. I Testimoni rischiano multe e pene detentive per il semplice esercizio della loro fede.

Il processo penale era iniziato il 13 maggio 2013, dopo che i Testimoni erano stati accusati di presunte attività estremiste. La corte aveva multato sette di loro e condannato altri quattro a lunghe pene detentive, ma il giudice aveva sospeso le pene. In seguito alla richiesta del pubblico ministero, il 12 dicembre 2014 la corte d’appello ha ordinato un nuovo processo. I Testimoni di Geova aspettano che sia emessa una nuova sentenza entro la fine di giugno.