Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Testimoni di Geova

Italiano

6 APRILE 2016
UNGHERIA

Il Centro per il Memoriale dell’Olocausto in Ungheria dedica una targa ad alcuni Testimoni giustiziati dai nazisti

Il Centro per il Memoriale dell’Olocausto in Ungheria dedica una targa ad alcuni Testimoni giustiziati dai nazisti

BUDAPEST (Ungheria). Il Centro per il Memoriale dell’Olocausto a Budapest ha dedicato una targa commemorativa a quattro testimoni di Geova che hanno resistito alla persecuzione sotto il nazismo. La cerimonia ha avuto luogo l’11 dicembre 2015.

Targa in ricordo di quattro testimoni di Geova giustiziati dai nazisti durante la seconda guerra mondiale.

Nel marzo del 1945, nelle città di Körmend e di Sárvár, i quattro uomini, Lajos Deli, Antal Hönisch, Bertalan Szabό e János Zsondor furono giustiziati pubblicamente dal partito nazista ungherese delle Croci Frecciate a motivo del loro rifiuto di svolgere il servizio militare durante la seconda guerra mondiale. La targa commemorativa riporta i loro nomi nonché il passo biblico di Atti 5:29: “Dobbiamo ubbidire a Dio come governante anziché agli uomini”.

Csaba Latorcai, sottosegretario di Stato ungherese per gli affari sociali prioritari, pronuncia un discorso alla cerimonia commemorativa.

Nel suo discorso di apertura, Csaba, Latorcai, sottosegretario di Stato per gli affari sociali prioritari, ha affermato: “La targa ricorda i quattro giovani testimoni di Geova [...] essi, in quanto testimoni di Geova, aderirono al comando di ‘non uccidere’ e ascoltarono la propria coscienza non imbracciando le armi né contro i propri compagni di fede né contro altri esseri umani”.

In un altro intervento, Szabolcs Szita, direttore del Centro per il Memoriale dell’Olocausto, ha detto: “Scoprire questa targa è una vittoria, poiché tra coloro che soffrirono sotto il regime nazista i Testimoni di Geova sono stati per decenni un gruppo dimenticato. I quattro giovani giustiziati avevano una fede così forte da permettere loro di rimanere integri perfino di fronte alla morte. Ancora oggi, ognuno di loro è un buon esempio per noi”.

Szabolcs Szita, direttore del Centro per il Memoriale dell’Olocausto a Budapest, mentre scopre la targa.

Contatti per i media:

Internazionale: David A. Semonian, Office of Public Information, tel. +1 718 560 5000

Ungheria: András Simon, tel. +36 1 401 1118