Vai direttamente al contenuto

24 OTTOBRE 2016
STATI UNITI

I Testimoni coordinano vaste operazioni di soccorso in seguito all’uragano Matthew

I Testimoni coordinano vaste operazioni di soccorso in seguito all’uragano Matthew

I Testimoni di Geova provvedono assistenza ai loro compagni di fede e ad altre vittime dell’uragano Matthew, che ha colpito le Bahama, i Caraibi e la zona sud-orientale degli Stati Uniti all’inizio di ottobre 2016.

Circa metà dei 1.400 testimoni di Geova delle Bahama ha risentito del passaggio dell’uragano. Per provvedere ai loro bisogni immediati sono stati spediti cibo, acqua e altri beni di prima necessità in due differenti località.

A Cuba sono state danneggiate gravemente 124 abitazioni di Testimoni e 31 sono andate completamente distrutte.

Ad Haiti più di 700 Testimoni sono stati evacuati a causa dell’uragano. In totale 73 abitazioni di Testimoni e 4 loro luoghi di culto sono andati distrutti. Inoltre 274 case e 15 luoghi di culto hanno riportato dei danni. Sono stati provveduti cibo e medicinali alle vittime, e sono state acquistate tende per alloggiare temporaneamente gli sfollati.

Negli Stati Uniti il passaggio dell’uragano ha danneggiato 125 abitazioni di Testimoni. I rapporti indicano che il pericolo maggiore è stato l’allagamento a seguito dell’esondazione dei fiumi.

Il Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova sta coordinando dalla sede mondiale le operazioni di soccorso, rese possibili dalle donazioni fatte per sostenere l’opera mondiale dei Testimoni. Il portavoce dei Testimoni di Geova, David A. Semonian, riferisce: “Anche se nessun Testimone ha perso la vita, ci sentiamo vicini a chi invece ha perso dei cari a causa di questa catastrofe”.

Contatti per i media:

Internazionale: David A. Semonian, Office of Public Information, +1 718 560 50 00

Bahama: Maxwell Dean, +1 242 422 64 72

Haiti: Daniel Lainé, +509 28 13 15 60