NEW YORK. Si è concluso il terzo giorno di udienza davanti alla Corte Suprema russa, e la Corte ha sospeso il dibattimento fino a mercoledì 12 aprile 2017 alle ore 10:00. Oggi durante il processo la Corte ha ascoltato la deposizione di quattro testimoni di Geova, i quali hanno esposto argomentazioni chiave contro la richiesta del Ministero della Giustizia di far chiudere il Centro Amministrativo dei Testimoni di Geova e di vietare le loro attività.

Il giudice ha rivolto una serie di domande al Ministero della Giustizia, chiedendo di produrre prove a sostegno dell’accusa secondo cui i Testimoni sono estremisti e distribuiscono pubblicazioni estremiste. Il Ministero della Giustizia non è stato in grado di produrle. Rivolgendosi alla Corte, Vasilij Kalin, membro del comitato direttivo del Centro Amministrativo dei Testimoni di Geova in Russia, si è espresso così: “Vorrei ricordare al Ministero della Giustizia che la richiesta di proscrivere i Testimoni di Geova danneggerebbe proprio quelle persone che desiderano che abbiate una vita pacifica e felice”.

Contatti per i media:

Internazionale: David A. Semonian, Office of Public Information, +1 845 524 3000

Russia: Jaroslav Sivul’skij, +7 911 087 8009