Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Testimoni di Geova

Italiano

Informativa sulla protezione dei dati

Informativa sulla protezione dei dati

L’organizzazione dei Testimoni di Geova rispetta il diritto delle persone alla privacy sulla base dei princìpi enunciati nella Bibbia. L’organizzazione riconosce la necessità di una comunicazione aperta e franca e di raccogliere dati personali e sensibili per gestire le esigenze dei Testimoni di Geova e compiere la propria attività religiosa e filantropica, come pure la corrispondente necessità di mantenere la riservatezza e assicurare un’adeguata protezione delle informazioni (Proverbi 15:22; 25:9). Per l’organizzazione dei Testimoni di Geova la riservatezza è molto importante (Proverbi 20:19).

Vari paesi si sono dotati di una legislazione sulla protezione dei dati per tutelare il diritto delle persone alla privacy. L’organizzazione dei Testimoni di Geova è nota da molto tempo per il suo rispetto della privacy e la riservatezza delle informazioni confidenziali, e questo sin da prima dell’entrata in vigore delle leggi sulla protezione dei dati. L’organizzazione continuerà a proteggere le informazioni che le vengono comunicate in armonia con la prassi già seguita e che ora è esposta in queste policy.

Ambito di applicazione

Queste policy si applicano all’intera organizzazione dei Testimoni di Geova, rappresentata dalle filiali situate in tutto il mondo.

Protezione dei dati

L’organizzazione dei Testimoni di Geova gestisce tutti i dati personali in conformità ai seguenti princìpi:

  1. Dei dati personali si farà un uso corretto e legale.

  2. I dati personali saranno raccolti, trattati e utilizzati esclusivamente nella misura necessaria al conseguimento delle finalità religiose e filantropiche dei Testimoni di Geova.

  3. I dati personali saranno accurati e verranno tenuti aggiornati. Qualsiasi errore sarà corretto al più presto possibile una volta che l’organizzazione ne sarà venuta a conoscenza.

  4. I dati personali non saranno conservati per un periodo superiore a quello necessario per la/le legittime finalità dell’organizzazione.

  5. Si presterà la dovuta attenzione al rispetto dei diritti delle persone alle quali i dati si riferiscono.

  6. Saranno adottate adeguate misure tecniche e organizzative per evitare la divulgazione non autorizzata o illecita dei dati personali. Tutti i dati personali in formato elettronico sono conservati in computer protetti da password nota solo agli utenti autorizzati. Dopo le ore d’ufficio, gli uffici sono chiusi a chiave e solo il personale autorizzato può accedervi.

  7. I dati personali non saranno trasferiti da una filiale a un’altra a meno che ciò non sia necessario per il conseguimento delle finalità religiose o filantropiche dell’organizzazione dei Testimoni di Geova, a cui tutti i Testimoni di Geova hanno dato il proprio consenso in virtù della loro libera e spontanea decisione di diventare Testimoni di Geova e di identificarsi come tali.

Diritti delle persone a cui i dati si riferiscono

  1. Il diritto della persona alla protezione dei dati personali e sensibili che la riguardano e alla rettifica o alla cancellazione dei dati personali e sensibili va concesso in armonia con la prassi dei Testimoni di Geova qui esposta.

  2. Chiunque presenti una delle richieste contemplate in questa sezione deve fornire una prova sufficiente della propria identità.

  3. Se una persona chiede di avere accesso ai dati personali o sensibili che la riguardano, o ne chiede la rettifica o la cancellazione, l’organizzazione prenderà in considerazione tale richiesta in modo equo, bilanciando gli interessi della persona ad avere accesso a tali dati, o alla loro rettifica o cancellazione, con i legittimi interessi religiosi dell’organizzazione, valutando anche se l’accoglimento della richiesta possa mettere in pericolo il diritto dell’organizzazione alla libertà e alla pratica religiosa.

  4. L’organizzazione ha interesse a conservare permanentemente i dati relativi allo status di testimone di Geova della persona. L’eliminazione di tali informazioni sarebbe indebitamente lesiva delle credenze e delle pratiche religiose dell’organizzazione.

Diritto di contestazione

Se una persona ritiene che i suoi diritti siano stati violati, può scrivere una lettera personale al Comitato di Filiale per contestare l’accaduto. La lettera deve essere inviata entro due settimane dall’azione che costituisce l’oggetto della contestazione.