Gli ingegneri che lavorano nel campo della robotica stanno sviluppando delle attrezzature che permettano ai medici di operare, utilizzando tecniche di chirurgia mininvasiva, in cavità molto strette del corpo. Il tentacolo straordinariamente flessibile del polpo sta ispirando un’innovazione in questo campo.

Riflettete. Con i suoi otto tentacoli estensibili e flessibili, il polpo può afferrare e stringere oggetti anche in spazi molto ridotti. Il polpo non solo può piegare i suoi tentacoli in ogni direzione ma, se necessario, può anche irrigidirne alcune parti.

I ricercatori ritengono che un braccio robotico così morbido e flessibile sarebbe estremamente prezioso per eseguire interventi chirurgici mininvasivi. Un dispositivo simile permetterebbe di operare pazienti che altrimenti dovrebbero sottoporsi a procedure chirurgiche più complesse.

Guarda i flessibili tentacoli del polpo in azione

Un braccio robotico di questo tipo è già stato realizzato e viene usato in interventi chirurgici simulati. Una parte di questo braccio lungo 135 millimetri può sollevare e tenere fermi organi interni senza danneggiarli, mentre un’altra parte esegue l’intervento chirurgico vero e proprio. Il dottor Tommaso Ranzani, un membro del team che ha progettato il dispositivo, ha affermato: “Crediamo che questo sistema sarà seguito da nuove versioni con caratteristiche più avanzate”.

Un braccio robotico morbido e flessibile sarebbe estremamente prezioso in chirurgia

Che ne dite? Il tentacolo del polpo è un prodotto dell’evoluzione? O è frutto di un progetto?