Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Testimoni di Geova

Italiano

I GIOVANI CHIEDONO

Come posso smettere di essere triste?

“Quando gli altri sono in crisi, sono sempre pronta ad aiutarli e a tirarli su. Poi però, e questo lo sanno in pochi, torno a casa e piango nella mia stanza” (Kellie)

“Quando mi sento giù tendo a isolarmi. Se mi invitano tiro fuori una scusa per non andare. Sono bravo a nascondere ai miei la tristezza che provo. Loro credono che vada tutto bene” (Rick)

Ti sei mai sentito come Kellie o Rick? Se sì, non concludere frettolosamente che in te c’è qualcosa che non va. La verità è che ogni tanto capita a tutti di sentirsi tristi. È successo perfino a uomini e donne fedeli menzionati nella Bibbia (1 Samuele 1:​6-8; Salmo 35:14).

In alcuni casi conosci il motivo della tua tristezza, in altri no. “Non c’è bisogno di essere in una situazione angosciante per sentirsi tristi”, dice Anna, che ha 19 anni. “Può accadere in qualsiasi momento, anche in un periodo in cui non hai particolari problemi. È strano, ma è così”.

Qualunque sia la causa, o anche se non sembra essercene una, cosa puoi fare quando la tristezza non ti dà tregua? Prova a seguire questi suggerimenti.

  1. Parlane con qualcuno. In preda all’angoscia, Giobbe disse: “Parlerò, sì, nell’amarezza della mia anima!” (Giobbe 10:1).

    Kellie: “Il sollievo che provo dopo averne parlato è sorprendente. Così qualcuno sa cosa sto passando. È come se mi lanciassero una fune e mi tirassero finalmente fuori dalla fossa in cui ero sprofondata”.

  2. Scrivi come ti senti. Quando la tristezza rende cupa la tua visione della vita, potresti provare a scrivere come ti senti. Nei salmi che scrisse sotto ispirazione, Davide a volte espresse profonda tristezza (Salmo 6:6). Esternare i tuoi sentimenti mettendoli per iscritto può aiutarti a ‘salvaguardare la saggezza e la capacità di pensare’ (Proverbi 3:​21).

    Heather: “Scrivere mi aiuta a mettere ordine nel groviglio di pensieri che ho nei momenti di tristezza. Quando si riesce a esprimere i propri sentimenti e a metterli bene a fuoco, la tristezza diventa meno opprimente”.

  3. Prega al riguardo. La Bibbia dice che, se esprimi in preghiera le tue preoccupazioni, ‘la pace di Dio che sorpassa ogni pensiero custodirà il tuo cuore e le tue facoltà mentali’ (Filippesi 4:​6, 7).

    Esther: “Volevo capire perché mi sentivo così giù, ma non ci riuscivo. Chiesi a Geova di aiutarmi a ritrovare la serenità. Ero stanca di essere sempre triste senza motivo. Alla fine ne sono uscita. Non bisogna mai sottovalutare il potere della preghiera”.

    Ricevendo il necessario aiuto e facendo lo sforzo dovuto, puoi uscire dallo stato di tristezza in cui sei sprofondato

    Un suggerimento: Quando preghi Geova puoi ispirarti a Salmo 139:23, 24. Apriti con lui e chiedigli di aiutarti a individuare la causa della tua tristezza.

Oltre ai suggerimenti appena indicati, hai un’altra preziosa risorsa: la Parola di Dio, la Bibbia. Da episodi biblici puoi trarre lezioni edificanti che influiranno positivamente sui tuoi sentimenti (Salmo 1:​1-3).

Quando la tristezza non se ne va

“Certe mattine”, dice Ryan, “preferirei rimanere a letto piuttosto che affrontare un’altra giornata senza senso”. Ryan soffre di depressione, e non è il solo. Secondo alcuni studi, prima di raggiungere l’età adulta un giovane su quattro soffre di qualche forma di depressione.

Come puoi scoprire se soffri di depressione? I sintomi includono sbalzi d’umore, marcati cambiamenti nel comportamento, isolamento sociale, calo di interesse per quasi ogni genere di attività, mutamento nelle abitudini alimentari, disturbi del sonno, forti sentimenti di indegnità e ingiustificati sensi di colpa.

Naturalmente, di tanto in tanto quasi tutti manifestano almeno uno di questi sintomi. Tuttavia, se i sintomi permangono per più di due settimane, potresti decidere con i tuoi genitori di consultare un medico. Potrebbe aiutarti a capire se la tua tristezza è legata a un problema di salute.

Se nel tuo caso il problema è la depressione non hai nulla di cui vergognarti. Grazie alle cure mediche molti hanno cominciato a sentirsi meglio, forse come non si sentivano da tanto tempo. Che la tua tristezza sia causata dalla depressione o no, ricorda le confortanti parole di Salmo 34:18: “Geova è vicino a quelli che hanno il cuore rotto; e salva quelli che sono di spirito affranto”.