Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Testimoni di Geova

Italiano

I GIOVANI CHIEDONO

Come faccio a spiegare le mie convinzioni sul sesso?

“Cosa?! Sei ancora vergine?!”

Forse vorresti rispondere e dire di sì; ma come puoi farlo senza vergognarti? Questo articolo ti sarà utile.

 Cosa significa essere vergine?

Il termine “vergine” si riferisce a una persona che non ha mai avuto rapporti sessuali.

Va detto, però, che i rapporti sessuali non sono l’unico modo per essere sessualmente attivi. Alcuni si definiscono “tecnicamente vergini” perché non hanno mai avuto rapporti... anche se poi hanno fatto di tutto.

La parola “sesso” può comprendere anche atti come sesso orale, sesso anale e masturbare un’altra persona.

Per tirare le somme: Chi ha fatto sesso — il che include i rapporti orali, anali e il masturbare un’altra persona — non può dire di essere vergine.

 Cosa dice la Bibbia riguardo al sesso?

La Bibbia dice che i rapporti sessuali sono riservati solo a un uomo e una donna uniti in matrimonio (Proverbi 5:18). Perciò chi desidera piacere a Dio non dovrebbe essere sessualmente attivo finché non si sposa (1 Tessalonicesi 4:3-5).

Alcuni considerano il punto di vista biblico antiquato e completamente fuori dalla realtà del mondo moderno. Ricorda però che il mondo moderno è piagato da divorzi, gravidanze indesiderate e malattie trasmesse per via sessuale. Di certo, quindi, la società in cui viviamo non è nella posizione migliore per dispensare consigli sulla moralità! (1 Giovanni 2:15-17).

Se ci rifletti, le norme morali della Bibbia sono sensate. Facciamo un esempio: se qualcuno ti regalasse 1.000 euro in contanti, li butteresti dal balcone per farli raccogliere al primo che capita?

Ti trovi davanti a una decisione simile per quanto riguarda il sesso. “Non voglio buttare via la mia verginità per qualcuno di cui magari tra qualche anno non ricorderei nemmeno il nome”, dice Sierra, che ha 14 anni. Tammy, che di anni ne ha 17, è d’accordo: “Il sesso è un dono troppo prezioso per essere sprecato”, dice.

Per tirare le somme: Secondo la Bibbia, chi non è ancora sposato deve conservare la verginità e mantenere una condotta casta (1 Corinti 6:18; 7:8, 9).

 Tu cosa ne pensi?

  • Pensi che il punto di vista biblico sul sesso sia ragionevole oppure troppo restrittivo?

  • Pensi ci sia qualcosa di male nel sesso fra due persone non sposate che dicono di amarsi davvero?

Dopo aver riflettuto attentamente sulla questione, molti giovani hanno concluso che la verginità e la condotta casta sono la scelta migliore. Non si rammaricano della loro decisione, né si sentono privati di qualcosa. Ecco quello che hanno detto alcuni di loro:

  • “Sono contenta di essere vergine. Non c’è proprio niente di male nell’evitare la sofferenza mentale, fisica ed emotiva che deriva dal fare sesso prima del matrimonio!” (Emily).

  • “Sono contenta di non avere alle spalle una lunga serie di relazioni finite male; mi sento bene sapendo che non c’è alcuna probabilità che abbia contratto una malattia trasmessa per via sessuale” (Elaine).

  • “Ho sentito diverse ragazze della mia età e anche più grandi che si sono pentite di aver fatto sesso e rimpiangono di non aver aspettato. Non voglio fare lo stesso errore” (Vera).

  • “Ho visto tanta gente con cicatrici emotive per aver perso la verginità o per aver avuto molti partner. Che tristezza vivere così!” (Deanne).

Per tirare le somme: Devi avere le idee chiare su quello in cui credi prima che si presentino le pressioni o la tentazione di fare sesso (Giacomo 1:14, 15).

 Come puoi spiegare le tue convinzioni?

Cosa puoi dire se qualcuno ti chiede come la pensi sul sesso? Molto dipende dalle circostanze.

“Se qualcuno mi prendeva in giro solo per il gusto di farlo, non mi limitavo a incassare. Dicevo: ‘Non sono fatti tuoi’, e me ne andavo” (Corinne).

“Purtroppo a scuola ad alcuni piace prendere di mira gli altri solo per divertimento. Se era questo il loro obiettivo quando mi facevano domande, a volte non rispondevo affatto” (David).

Lo sapevi? A volte Gesù “rispondeva” agli schernitori col silenzio (Matteo 26:62, 63).

Che dire però se chi ti fa la domanda è sincero e mostra rispetto? Se pensi che la persona potrebbe rispettare la Bibbia, potresti citarle un brano come 1 Corinti 6:18, secondo cui chi fa sesso prima del matrimonio “pecca contro il proprio corpo”, cioè danneggia se stesso.

Sia che usi subito la Bibbia o meno, è importante che parli con convinzione. Ricorda che hai tutto il diritto di sentirti orgoglioso della tua scelta di rimanere moralmente puro (1 Pietro 3:16).

“Se rispondi con fiducia dimostri che non hai dubbi sulle tue convinzioni e che ti comporti così perché sai che è giusto, non semplicemente perché ti è stato detto” (Jill).

Per tirare le somme: Se sei fermo circa le tue convinzioni sul sesso, riuscirai a spiegarle ad altri. Potresti addirittura rimanere sorpreso della loro reazione. “Le mie colleghe mi ammirano per la mia fermezza”, dice Melinda, che ha 21 anni. “Non vedono il fatto che sono vergine come una cosa strana, ma come un segno di autocontrollo e virtù”.

Un suggerimento: Se hai bisogno di aiuto per sviluppare delle convinzioni sul sesso, scarica la scheda “Come spiegare le proprie convinzioni sul sesso”. Inoltre, consulta il libro I giovani chiedono... Risposte pratiche alle loro domande.

  •  Il capitolo 24 del volume 1 è intitolato “Il sesso può far bene al nostro rapporto?”

  •  Il capitolo 5 del volume 2 è intitolato “Perché restare vergini?”

“Mi piacciono i ragionamenti dei libri I giovani chiedono. Ad esempio, a pagina 187 del volume 1 c’è una figura che mostra che fare sesso prima del matrimonio è come dare via gratis una collana preziosa; equivale a svendersi. A pagina 177 un’altra figura mostra che fare sesso prima del matrimonio è come prendere un bel dipinto e usarlo a mo’ di zerbino. Comunque la mia illustrazione preferita è quella a pagina 54 del volume 2; la didascalia dice: ‘Fare sesso prima del matrimonio è come aprire un regalo prima di averlo ricevuto’. È come rubare qualcosa che appartiene a qualcun altro: il tuo futuro coniuge” (Victoria).

Vedi anche

FILM

Il ritorno del figlio prodigo