Vai direttamente al contenuto

Qual è il segno degli “ultimi giorni”, o “fine dei tempi”?

La risposta della Bibbia

 La Bibbia parla degli avvenimenti, delle situazioni e degli atteggiamenti che avrebbero caratterizzato la “conclusione del [presente] sistema di cose”, o “fine del mondo” (Matteo 24:3; CEI). La Bibbia chiama questo periodo “ultimi giorni” e “tempo stabilito della fine”, o “fine dei tempi” (2 Timoteo 3:1; Daniele 8:19; Parola del Signore).

Cosa dicono alcune profezie bibliche sugli “ultimi giorni”?

 La Bibbia aveva predetto molte cose che si sarebbero verificate contemporaneamente, e queste cose avrebbero fatto parte del “segno” che avrebbe permesso di riconoscere gli ultimi giorni (Luca 21:7). Ecco alcuni esempi.

 Guerre in tutto il mondo. Gesù predisse: “Nazione combatterà contro nazione e regno contro regno” (Matteo 24:7). Inoltre, una profezia riportata in Rivelazione (Apocalisse) 6:4 prediceva che un simbolico cavaliere che rappresentava la guerra avrebbe “[tolto] la pace dalla terra”.

 Carestie. Gesù predisse: “Ci saranno carestie” (Matteo 24:7). Il libro di Rivelazione prediceva che un altro simbolico cavaliere avrebbe causato carestie in grandi proporzioni (Rivelazione 6:5, 6).

 Grandi terremoti. Gesù disse che ci sarebbero stati “terremoti in un luogo dopo l’altro” (Matteo 24:7; Luca 21:11). Questi grandi terremoti si sarebbero verificati in tutto il mondo e avrebbero causato sofferenze e perdite di vite umane senza precedenti.

 Malattie. In base a quello che disse Gesù, ci sarebbero state epidemie (Luca 21:11).

 Criminalità. Anche se da secoli vengono commessi crimini, Gesù predisse che negli ultimi giorni ci sarebbe stato un “aumento della malvagità” (Matteo 24:12).

 Il nostro pianeta in rovina. Rivelazione 11:18 prediceva che gli esseri umani avrebbero distrutto la terra. Lo avrebbero fatto in molti modi, non solo con azioni violente e corrotte, ma anche danneggiando l’ambiente.

 Peggioramento nell’atteggiamento delle persone. Come si legge in 2 Timoteo 3:1-4, la Bibbia prediceva che gli uomini sarebbero stati “ingrati, sleali, [...] non disposti a nessun accordo, calunniatori, senza autocontrollo, spietati, senza amore per la bontà, traditori, testardi, pieni d’orgoglio”. Queste caratteristiche avrebbero raggiunto livelli estremi; ecco perché gli ultimi giorni vengono appropriatamente definiti “tempi difficili”.

 Disgregazione della famiglia. Come si legge in 2 Timoteo 3:2, 3, la Bibbia prediceva che molti sarebbero stati “snaturati”, o senza affetto per i propri familiari, e che i figli sarebbero stati “disubbidienti ai genitori”.

 Diminuzione dell’amore per Dio. Gesù predisse: “L’amore della maggioranza si raffredderà” (Matteo 24:12). Gesù intendeva dire che nella maggioranza delle persone l’amore per Dio si sarebbe affievolito. Inoltre 2 Timoteo 3:4 dice che negli ultimi giorni queste persone sarebbero state “amanti dei piaceri piuttosto che di Dio”.

 Ipocrisia religiosa. Come riporta 2 Timoteo 3:5, la Bibbia prediceva che le persone avrebbero servito Dio solo in apparenza, senza però seguire veramente le sue norme.

 Maggiore comprensione delle profezie bibliche. Il libro di Daniele prediceva che nel “tempo della fine” molti avrebbero avuto più conoscenza delle verità bibliche e quindi avrebbero avuto anche una comprensione più accurata delle profezie (Daniele 12:4).

 Predicazione a livello mondiale. Gesù predisse: “Questa buona notizia del Regno sarà predicata in tutta la terra abitata” (Matteo 24:14).

 Apatia e scherni sempre più diffusi. Gesù predisse che molte persone avrebbero ignorato le chiare prove dell’avvicinarsi della fine (Matteo 24:37-39). Addirittura 2 Pietro 3:3, 4 prediceva che alcuni avrebbero respinto con sarcasmo la validità di queste prove.

 Adempimento di tutte le profezie. Gesù disse che gli ultimi giorni sarebbero stati caratterizzati da un contemporaneo adempimento di tutte queste profezie, non soltanto della maggior parte o di alcune di loro (Matteo 24:33).

Viviamo negli “ultimi giorni”?

 Sì. Le condizioni mondiali, come anche la cronologia biblica, indicano che gli ultimi giorni sono cominciati nel 1914, anno in cui è iniziata la Prima guerra mondiale. Per capire in che modo le condizioni del mondo indicano che viviamo negli ultimi giorni, guarda il seguente video:

 Nel 1914 il Regno di Dio ha cominciato a governare in cielo. Una delle prime azioni che ha compiuto è stata quella di espellere dal cielo Satana e i demòni e di limitare la loro attività alla terra (Rivelazione 12:7-12). Che Satana abbia un’influenza sull’umanità è evidente in molte delle azioni e dei comportamenti malvagi delle persone, e tutto questo rende gli ultimi giorni “tempi difficili” (2 Timoteo 3:1).

 Molti sono angosciati a causa dei tempi difficili in cui viviamo. Sono preoccupati perché la società sta andando di male in peggio. Alcuni hanno anche paura per quello che potrebbe succedere agli esseri umani in futuro.

 Allo stesso tempo ci sono altri che, pur essendo angosciati dalla situazione attuale, hanno una speranza per il futuro. Sono convinti che il Regno di Dio presto interverrà per eliminare i problemi di questo mondo (Daniele 2:44; Rivelazione 21:3, 4). Mentre aspettano con pazienza che Dio adempia le sue promesse, trovano conforto in queste parole di Gesù: “Chi avrà perseverato sino alla fine sarà salvato” (Matteo 24:13; Michea 7:7).