La risposta della Bibbia

Gli sforzi dell’uomo per portare la pace nel mondo sono falliti e continueranno a fallire per varie ragioni:

  • Non appartiene all’uomo che cammina nemmeno di dirigere il suo passo” (Geremia 10:23). Gli uomini non sono stati creati né con la capacità né con il diritto di autogovernarsi, quindi non riusciranno a raggiungere una pace duratura.

  • Non contate su gente influente: sono uomini, non possono salvarvi; muoiono, ritornano alla terra, ogni progetto vien sepolto con loro” (Salmo 146:3, 4, Parola del Signore). I leader umani, anche quelli mossi dalle migliori intenzioni, non possono trovare soluzioni durevoli alla causa di fondo delle guerre.

  • Negli ultimi giorni ci saranno tempi difficili. Poiché gli uomini saranno [...] fieri, senza amore per la bontà, traditori, testardi, gonfi d’orgoglio” (2 Timoteo 3:1-4). Viviamo negli “ultimi giorni” dell’attuale mondo malvagio, un periodo in cui sono assai comuni atteggiamenti che rendono difficile la pace.

  • Guai alla terra e al mare, perché il Diavolo è sceso a voi, avendo grande ira, sapendo che ha un breve periodo di tempo” (Rivelazione [Apocalisse] 12:12). Il Diavolo, nemico di Dio, è stato confinato nelle vicinanze della terra e spinge la gente ad adeguarsi al suo spirito malvagio. Fintanto che sarà “il governante di questo mondo”, sarà impossibile vivere in pace (Giovanni 12:31).

  • Il Regno di Dio “stritolerà tutti questi regni [che si oppongono a Dio] e porrà loro fine, ed esso stesso sussisterà a tempi indefiniti” (Daniele 2:44). Sarà il Regno di Dio, non un governo umano, ad appagare il nostro desiderio di pace permanente nel mondo (Salmo 145:16).