Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Testimoni di Geova

Italiano

Cosa indica la cronologia biblica a proposito del 1914?

La risposta della Bibbia

La cronologia biblica indica che il Regno di Dio è stato stabilito in cielo nel 1914. Questo è dimostrato da una profezia riportata nel capitolo 4 del libro biblico di Daniele.

Panoramica della profezia. Nabucodonosor, re di Babilonia, fece un sogno profetico mandatogli da Dio relativo a un albero immenso che veniva abbattuto. La ricrescita del ceppo fu impedita per un periodo di “sette tempi”, dopodiché l’albero sarebbe cresciuto di nuovo (Daniele 4:1, 10-16).

Il primo adempimento della profezia. Il grande albero rappresentava il re Nabucodonosor stesso (Daniele 4:20-22). Egli fu simbolicamente ‘tagliato’ quando perse la ragione e il regno per un periodo di sette anni (Daniele 4:25). Quando Dio gli fece riacquistare l’uso della ragione, Nabucodonosor fu ristabilito sul trono e riconobbe la sovranità di Dio (Daniele 4:34-36).

Prove di un adempimento maggiore della profezia. Lo scopo dell’intera profezia è “che i viventi conoscano che l’Altissimo domina sul regno del genere umano e che lo dà a chi vuole, e stabilisce su di esso persino l’infimo del genere umano” (Daniele 4:17). L’orgoglioso Nabucodonosor era forse colui al quale Dio desiderava infine dare quel regno? No, perché anteriormente Dio gli aveva mandato un altro sogno profetico da cui era evidente che né lui né nessun altro governante politico avrebbero potuto assolvere questo ruolo. Sarebbe invece stato Dio stesso a stabilire “un regno che non sarà mai ridotto in rovina” (Daniele 2:31-44).

In precedenza Dio aveva stabilito un regno per rappresentare il suo dominio sulla terra: l’antica nazione di Israele. Dio permise che quel regno diventasse “una rovina” perché i re non si erano dimostrati fedeli; tuttavia predisse che a suo tempo avrebbe dato il regno a “colui che ha il diritto legale” (Ezechiele 21:25-27). La Bibbia mostra che Gesù Cristo è l’unico ad avere diritto a ricevere questo regno eterno (Luca 1:30-33). Contrariamente a Nabucodonosor, Gesù è “modesto di cuore”, proprio come era stato profetizzato (Matteo 11:29).

Cosa rappresenta l’albero di Daniele capitolo 4? Nella Bibbia gli alberi a volte rappresentano il dominio (Ezechiele 17:22-24; 31:2-5). Nell’adempimento maggiore di Daniele capitolo 4 l’immenso albero simboleggia il dominio di Dio.

Qual è il significato dell’albero abbattuto? L’abbattimento dell’albero rappresentava un’interruzione del regno di Nabucodonosor, e anche un’interruzione del dominio di Dio sulla terra. Questo si verificò quando Nabucodonosor distrusse Gerusalemme, la città dove i re d’Israele sedevano “sul trono di Geova” (1 Cronache 29:23).

Cosa rappresentano i “sette tempi”? I “sette tempi” corrispondono al periodo in cui Dio ha permesso alle nazioni di governare la terra senza interferenze da parte di un regno da lui stabilito. I “sette tempi” ebbero inizio nell’ottobre del 607 a.E.V. (ovvero a.C.) quando, secondo la cronologia biblica, Gerusalemme fu distrutta dai babilonesi (2 Re 25:1, 8-10). *

Quanto durano i “sette tempi”? Non può trattarsi di sette anni letterali, come nel caso di Nabucodonosor. Gesù indicò la risposta quando disse: “Gerusalemme [un simbolo del dominio di Dio] sarà calpestata dalle nazioni, finché i tempi fissati delle nazioni non siano compiuti” (Luca 21:24). “I tempi fissati delle nazioni”, il periodo in cui Dio ha permesso che il suo dominio fosse ‘calpestato dalle nazioni’, corrispondono ai “sette tempi” di Daniele capitolo 4. Questo significa che i “sette tempi” erano ancora in corso anche quando Gesù era sulla terra.

La Bibbia ci consente di determinare la durata di quei “sette tempi” profetici. Ci dice che tre “tempi” e mezzo equivalgono a 1.260 giorni; perciò “sette tempi” equivalgono al doppio di 1.260, ovvero 2.520 giorni (Rivelazione [Apocalisse] 12:6, 14). Applicando la regola profetica “un giorno per un anno”, i 2.520 giorni rappresentano 2.520 anni. Pertanto, i “sette tempi”, o 2.520 anni, sarebbero finiti nell’ottobre del 1914 (Numeri 14:34; Ezechiele 4:6).

^ par. 10 Per una trattazione approfondita sulla data del 607 a.E.V., vedi gli articoli “Quando fu distrutta l’antica Gerusalemme? Parte I”, pagine 26-31 della Torre di Guardia del 1° ottobre 2011, e “Quando fu distrutta l’antica Gerusalemme? Parte II”, pagine 22-28 della Torre di Guardia del 1° novembre 2011.

Per saperne di più

COSA INSEGNA REALMENTE LA BIBBIA?

Siamo negli “ultimi giorni”?

Nota come le azioni e il comportamento delle persone dimostrano che stiamo vivendo negli “ultimi giorni” predetti nella Bibbia.