Vai direttamente al contenuto

Cosa dice la Bibbia dell’omosessualità?

La risposta della Bibbia

Dio ha creato gli esseri umani perché abbiano rapporti sessuali solo nell’ambito del matrimonio fra un uomo e una donna (Genesi 1:27, 28; Levitico 18:22; Proverbi 5:18, 19). La Bibbia condanna le attività sessuali che non avvengono tra marito e moglie, siano esse omosessuali o eterosessuali (1 Corinti 6:18). Tali attività includono i rapporti sessuali, l’accarezzamento dei genitali dell’altra persona e il sesso orale e anale.

Per quanto condanni gli atti omosessuali, la Bibbia non incoraggia affatto l’omofobia, ovvero l’odio per gli omosessuali. Anzi, dice ai cristiani: “Rispettate tutti” (1 Pietro 2:17, Parola del Signore).

Si nasce omosessuali?

La Bibbia non parla dei desideri omosessuali dal punto di vista biologico, anche se riconosce che tutti nasciamo con la tendenza ad andare contro i comandi di Dio (Romani 7:21-25). Invece di concentrarsi sulla causa dei desideri omosessuali, comunque, la Bibbia vieta gli atti omosessuali.

Come piacere a Dio pur essendo attratti da persone dello stesso sesso.

La Bibbia dice: “Non fatevi controllare dal vostro corpo. Reprimete qualsiasi desiderio verso le pratiche sessuali sbagliate” (Colossesi 3:5, Contemporary English Version). Per reprimere i desideri sbagliati, che portano ad azioni sbagliate, devi controllare i tuoi pensieri. Se nutri regolarmente la tua mente di pensieri sani, sarai in grado di scacciare più prontamente i desideri sbagliati (Filippesi 4:8; Giacomo 1:14, 15). Anche se all’inizio potresti fare molta fatica, è probabile che col tempo diventi tutto più facile. Dio promette di aiutarti a ‘essere rinnovato nella forza che fa operare la tua mente’ (Efesini 4:22-24).

Anche milioni di persone che hanno desideri eterosessuali lottano per conformarsi alle norme della Bibbia. Ad esempio i single che non riescono a trovare un coniuge scelgono di controllare i propri impulsi sessuali nonostante le tentazioni che possono presentarsi loro; lo stesso vale per chi è sposato con qualcuno che non è in grado di avere rapporti sessuali. Questo non impedisce a tali persone di vivere una vita felice; lo stesso dicasi di coloro che sono attratti da persone del proprio sesso, se vogliono veramente piacere a Dio (Deuteronomio 30:19).