La risposta della Bibbia

La Bibbia insegna che, di tutte le creature sulla terra, solo un numero limitato di esseri umani andrà in cielo (Rivelazione [Apocalisse] 14:1, 3). Questi vanno in cielo per governare in veste di re e sacerdoti insieme a Gesù (Luca 22:28-30; Rivelazione 5:9, 10). La stragrande maggioranza degli esseri umani sarà risuscitata per vivere in un paradiso sulla terra (Salmo 37:11, 29).

Nella Bibbia non si fa menzione di un paradiso degli animali o di un paradiso dei cani, e per validi motivi. Gli animali non possono compiere i passi necessari per diventare idonei a ricevere la “chiamata celeste” (Ebrei 3:1). Questi passi includono conoscere, esercitare fede e ubbidire ai comandi di Dio (Matteo 19:17; Giovanni 3:16; 17:3). Soltanto gli esseri umani sono stati creati con la prospettiva di vivere per sempre (Genesi 2:16, 17; 3:22, 23).

Per poter andare in cielo, le creature terrene devono essere risuscitate (1 Corinti 15:42). La Bibbia menziona varie risurrezioni (1 Re 17:17-24; 2 Re 4:32-37; 13:20, 21; Luca 7:11-15; 8:41, 42, 49-56; Giovanni 11:38-44; Atti 9:36-42; 20:7-12). Ma in tutti quei casi erano coinvolti degli esseri umani, non degli animali.

 Gli animali hanno un’anima?

No. La Bibbia dice che sia gli animali che gli esseri umani sono anime (Numeri 31:28). Quando fu creato, il primo uomo Adamo non ricevette un’anima, ma “diventò un’anima vivente” (Genesi 2:7, nota in calce). Un’anima si compone di due cose: la “polvere del suolo” e l’“alito della vita”.

 Un’anima può morire?

Sì, la Bibbia insegna che un’anima può morire (Levitico 21:11, nota in calce; Ezechiele 18:20). Quando muoiono, gli animali e gli esseri umani tornano alla polvere della terra (Ecclesiaste [Qoèlet] 3:19, 20). In altre parole, smettono di esistere. *

 Un animale può peccare?

No. Peccare significa avere pensieri, provare sentimenti o compiere azioni che violano le norme di Dio. Per peccare, una creatura deve essere in grado di prendere decisioni in campo morale, e gli animali non sono dotati di questa capacità. Durante il limitato periodo della loro vita, di solito agiscono per istinto (2 Pietro 2:12). E alla fine muoiono, anche se non hanno peccato.

 Il maltrattamento degli animali è ammissibile?

No. Dio concesse agli esseri umani l’autorità sugli animali ma non il diritto di maltrattarli (Genesi 1:28; Salmo 8:6-8). A Dio sta a cuore il benessere di ogni animale, anche di un uccellino (Giona 4:11; Matteo 10:29). Dio comandò ai suoi servitori di trattare gli animali con cura (Esodo 23:12; Deuteronomio 25:4; Proverbi 12:10).

^ par. 13 Per maggiori informazioni, vedi il capitolo 6 del libro Cosa ci insegna la Bibbia?