Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Il futuro dell’umanità

Il futuro dell’umanità

 Cosa ci insegna Gesù

Il futuro dell’umanità

Gesù promise la vita in cielo?

Sì. Gesù stesso fu risuscitato e ascese al cielo per stare con il Padre suo. Ma prima di morire e di essere risuscitato disse agli undici apostoli fedeli: “Nella casa del Padre mio ci sono molte dimore. . . . Vado a prepararvi un luogo”. (Giovanni 14:2) Tuttavia sarebbero stati pochi a ricevere questo privilegio. Gesù lo rese chiaro dicendo ai discepoli: “Non aver timore, piccolo gregge, perché il Padre vostro ha approvato di darvi il regno”. — Luca 12:32.

Cosa farà il “piccolo gregge” in cielo?

Il Padre vuole che questo piccolo gruppo faccia parte di un governo celeste insieme a Gesù. Come lo sappiamo? Dopo essere stato risuscitato Gesù rivelò all’apostolo Giovanni che alcuni fedeli avrebbero “[regnato] sulla terra”. (Rivelazione [Apocalisse] 1:1; 5:9, 10) Questa è una buona notizia. Una delle cose di cui l’umanità ha più bisogno è un buon governo. Cosa realizzerà questo governo retto da Gesù? Egli stesso disse: “Nella ricreazione, quando il Figlio dell’uomo sederà sul suo glorioso trono, anche voi che mi avete seguito sederete su dodici troni”. (Matteo 19:28) Il governo di Gesù e dei suoi seguaci porterà alla “ricreazione”, o rinnovamento, delle condizioni perfette di cui godeva la prima coppia umana sulla terra prima di peccare.

 Quale speranza offrì Gesù al resto dell’umanità?

L’umanità fu creata per vivere sulla terra, a differenza di Gesù che fu creato per vivere in cielo. (Salmo 115:16) Infatti Gesù disse: “Voi siete dei reami di sotto; io sono dei reami di sopra”. (Giovanni 8:23) Gesù parlò di un futuro meraviglioso per l’umanità sulla terra. In un’occasione disse: “Felici quelli che sono d’indole mite, poiché erediteranno la terra”. (Matteo 5:5) Alludeva al salmo ispirato che dice: “I mansueti stessi possederanno la terra, e in realtà proveranno squisito diletto nell’abbondanza della pace. I giusti stessi possederanno la terra, e risiederanno su di essa per sempre”. — Salmo 37:11, 29.

Perciò coloro che formano il “piccolo gregge”, i quali vanno in cielo, non sono gli unici a ricevere la vita eterna. Gesù parlò anche di una speranza che è offerta a tutti gli altri: “Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque esercita fede in lui non sia distrutto ma abbia vita eterna”. — Giovanni 3:16.

In che modo Dio libererà l’umanità dalle sofferenze?

Gesù menzionò due cause di oppressione da cui l’uomo sarà liberato: “Ora vi è il giudizio di questo mondo; ora il governante di questo mondo sarà cacciato fuori”. (Giovanni 12:31) In primo luogo saranno giudicati e distrutti gli uomini empi che causano sofferenze. In secondo luogo Satana sarà cacciato via e non svierà più l’umanità.

Che dire di coloro che nel corso della storia sono vissuti e sono morti senza avere l’opportunità di conoscere Dio e Cristo e di esercitare fede in loro? A un malfattore che stava morendo al suo fianco Gesù disse: “Tu sarai con me in Paradiso”. (Luca 23:43) Quell’uomo, insieme a milioni di altri, avrà la possibilità di conoscere Dio quando Gesù lo desterà dai morti su una terra paradisiaca. Avrà allora l’opportunità di essere tra i mansueti e i giusti che riceveranno la vita eterna sulla terra. — Atti 24:15.

Per ulteriori informazioni, vedi i capitoli 37 del libro Cosa insegna realmente la Bibbia? *

[Nota in calce]

^ par. 13 Edito dai Testimoni di Geova.

[Immagine a pagina 23]

“I giusti stessi possederanno la terra, e risiederanno su di essa per sempre”. — Salmo 37:29