Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Cercare la giustizia è una protezione

Cercare la giustizia è una protezione

 Cercare la giustizia è una protezione

‘Continuate dunque a cercare prima la giustizia di Dio’. — MATTEO 6:33.

1, 2. Quale decisione prese una giovane cristiana, e perché?

IN UN paese asiatico una giovane cristiana lavorava come segretaria in un ufficio governativo. Era coscienziosa nel suo lavoro, arrivava in orario e non perdeva tempo. Tuttavia il suo non era un posto fisso, perciò a un certo punto la sua posizione venne riesaminata. Il capoufficio le disse che l’avrebbe assunta in pianta stabile e le avrebbe fatto avere anche un posto migliore, a condizione che cedesse alle sue proposte immorali. Lei rifiutò recisamente, anche se questo significava perdere il lavoro.

2 Questa giovane cristiana era forse poco realista? No, stava ubbidendo scrupolosamente alle parole di Gesù: ‘Continuate dunque a cercare prima la giustizia di Dio’. (Matteo 6:33) Per lei attenersi a princìpi giusti era molto più importante che ottenere qualche vantaggio commettendo immoralità sessuale. — 1 Corinti 6:18.

Perché la giustizia è importante

3. Cos’è la giustizia?

3 Il termine “giustizia” implica una condizione di integrità morale e onestà. Nel testo greco ed ebraico della Bibbia i termini resi “giustizia” contengono l’idea di “dirittura” e “rettitudine”. Non si tratta di giudicare se stessi in base alle proprie norme. (Luca 16:15) Si tratta di essere considerati giusti in base alle norme di Geova. Si tratta della giustizia di Dio. — Romani 1:17; 3:21.

4. Perché la giustizia è importante per il cristiano?

4 Perché la giustizia è importante? Perché Geova, il “Dio giusto”, mostra favore ai suoi servitori che praticano la giustizia. (Salmo 4:1; Proverbi 2:20-22; Abacuc 1:13) Nessuno che operi ingiustizia può avere una relazione intima con lui. (Proverbi 15:8) È per questo che l’apostolo Paolo, esortando Timoteo, disse: “Fuggi i desideri propri della giovinezza, ma persegui giustizia” e altre qualità fondamentali. (2 Timoteo 2:22) Ed è per questo che Paolo, quando elencò le varie parti dell’armatura spirituale, incluse la “corazza della giustizia”. — Efesini 6:14.

5. Com’è possibile che delle creature imperfette cerchino la giustizia?

5 Naturalmente, nessun essere umano è giusto in senso assoluto. Tutti hanno ereditato l’imperfezione da Adamo e tutti sono peccatori, e quindi ingiusti, sin dalla nascita. Eppure Gesù disse che dovremmo cercare la giustizia. Com’è possibile? È possibile perché Gesù diede la sua vita perfetta come riscatto per noi, e se esercitiamo fede in quel sacrificio Geova è disposto a perdonare i nostri peccati. (Matteo 20:28; Giovanni 3:16; Romani 5:8, 9, 12, 18) Su questa base, quando impariamo le giuste norme di Geova e facciamo tutto il possibile per osservarle — chiedendo in preghiera l’aiuto per vincere le nostre debolezze — Geova accetta la nostra adorazione. (Salmo 1:6; Romani 7:19-25; Rivelazione [Apocalisse] 7:9, 14) Che pensiero confortante!

Giusti in un mondo ingiusto

6. Perché per i primi cristiani il mondo era irto di pericoli?

6 I discepoli di Gesù si trovarono in una situazione difficile quando ricevettero l’incarico di essere suoi testimoni “fino alla più  distante parte della terra”. (Atti 1:8) Tutto il territorio in cui dovevano predicare ‘giaceva nel potere del malvagio’, Satana. (1 Giovanni 5:19) Il mondo era contagiato dallo spirito malvagio che egli promuove, e i cristiani sarebbero stati esposti a questa influenza contaminatrice. (Efesini 2:2) Per loro il mondo era irto di pericoli. Solo cercando prima la giustizia di Dio avrebbero potuto perseverare nell’opera loro affidata senza rinunciare alla propria integrità. La maggior parte d’essi perseverarono, ma alcuni deviarono dal “sentiero della giustizia”. — Proverbi 12:28; 2 Timoteo 4:10.

7. A motivo di quali responsabilità i cristiani devono resistere alle influenze corruttrici?

7 Il mondo è forse meno pericoloso per i cristiani odierni? Niente affatto! È ancora più corrotto di quanto non fosse nel I secolo. In più, Satana è stato scagliato sulla terra e combatte una guerra spietata contro i cristiani unti, “i rimanenti del seme [della donna], che osservano i comandamenti di Dio e hanno il compito di rendere testimonianza a Gesù”. (Rivelazione 12:12, 17) Satana attacca anche chiunque sostenga quel “seme”. I cristiani non possono fuggire dal mondo. Anche se non ne fanno parte, devono viverci. (Giovanni 17:15, 16) E devono predicare in esso per cercare le persone di cuore retto e insegnare loro a essere discepoli di Cristo. (Matteo 24:14; 28:19, 20) I cristiani non possono evitare del tutto le influenze corruttrici di questo mondo, perciò devono resistere ad esse. Esaminiamo quattro di queste influenze.

La trappola dell’immoralità

8. Perché gli israeliti si misero ad adorare gli dèi dei moabiti?

8 Verso la fine dei 40 anni di peregrinazione nel deserto molti israeliti abbandonarono il sentiero della giustizia. Avevano visto Geova compiere molti atti di liberazione, e ben presto sarebbero entrati nella Terra Promessa. Eppure, in quel momento cruciale, si misero a servire gli dèi dei moabiti. Come mai? Cedettero al “desiderio della carne”. (1 Giovanni 2:16) Leggiamo: “Il popolo cominciò ad avere relazione immorale con le figlie di Moab”. — Numeri 25:1.

9, 10. In vista di quale situazione odierna è essenziale non dimenticare mai il potere corruttore dei desideri carnali sbagliati?

9 Questo episodio dimostra in che modo i desideri carnali sbagliati possono corrompere gli incauti. Facciamo bene a trarne una lezione, soprattutto perché l’immoralità è ormai considerata da molti un modo di vivere accettabile. (1 Corinti 10:6, 8) Una notizia proveniente dagli Stati Uniti dice: “Fino al 1970 circa, in tutti gli stati americani convivere [senza essere sposati] era illegale. Oggi è una cosa normale. Più di metà delle nuove coppie hanno convissuto prima di sposarsi”. Questa e altre forme di immoralità non sono appannaggio di un solo paese. Sono diffuse in tutto il mondo, e purtroppo alcuni cristiani si sono lasciati influenzare, al punto di compromettere la propria reputazione nella congregazione cristiana. — 1 Corinti 5:11.

 10 Come se non bastasse, la propaganda che promuove l’immoralità dilaga dappertutto. Film e programmi televisivi fanno pensare che avere rapporti sessuali prima del matrimonio sia una cosa perfettamente normale per i giovani. Le relazioni omosessuali vengono presentate come una cosa normale. E molti spettacoli contengono scene di sesso sempre più esplicite. Con Internet, poi, è facilissimo vedere immagini pornografiche. Ad esempio, un giornalista narra che un giorno il figlioletto di sette anni, tornando a casa da scuola, gli raccontò tutto euforico che un suo compagno di scuola aveva trovato un sito Internet in cui si vedevano donne nude che facevano sesso. Il padre inorridì, ma quanti bambini si sono imbattuti in siti del genere e non l’hanno detto ai genitori? E non solo: quanti genitori conoscono il contenuto dei videogiochi con cui passano il tempo i loro figli? Molti videogiochi di successo hanno contenuti disgustosamente immorali, demonici e violenti.

11. Cosa può fare una famiglia per proteggersi dall’immoralità del mondo?

11 Come può una famiglia resistere a forme di “svago” così degradate? Cercando prima la giustizia di Dio, evitando con decisione tutto ciò che è immorale. (2 Corinti 6:14; Efesini 5:3) I genitori che hanno il debito controllo su ciò che fanno i figli e che inculcano in loro l’amore per Geova e per le sue giuste leggi li mettono in grado di resistere alla pornografia, ai videogiochi pornografici, ai film immorali e ad altre tentazioni. — Deuteronomio 6:4-9. *

Il pericolo di farsi condizionare dalla comunità

12. Quale problema sorse nel I secolo?

12 Quando Paolo si trovava a Listra, in Asia Minore, guarì miracolosamente un uomo. La Bibbia narra: “Le folle, vedendo ciò che Paolo aveva fatto, alzarono la loro voce, dicendo in lingua licaonica: ‘Gli dèi sono divenuti simili agli uomini e sono scesi a noi!’ E chiamavano Barnaba Zeus, ma Paolo Hermes, siccome era quello che prendeva la direttiva nel parlare”. (Atti 14:11, 12) In seguito quelle stesse folle cercarono di uccidere Paolo e Barnaba. (Atti 14:19) È chiaro che quelle persone si lasciavano condizionare facilmente dalla comunità. A quanto pare, alcuni abitanti dell’Asia Minore che divennero cristiani non persero la loro tendenza alla superstizione. Nella lettera che scrisse ai cristiani di Colosse, Paolo mise in guardia contro l’“adorazione degli angeli”. — Colossesi 2:18.

13. Quali sono alcune usanze che i cristiani devono evitare, e come possono trovare la forza per farlo?

13 Allo stesso modo, oggi i veri cristiani devono evitare tradizioni comunemente accettate che si basano su idee religiose false e violano i princìpi cristiani. In certi paesi, ad esempio, molte cerimonie tradizionali legate alla nascita e alla morte si basano sulla  menzogna secondo cui l’uomo avrebbe una parte spirituale che sopravvive alla morte. (Ecclesiaste 9:5, 10) In alcuni paesi vi è l’usanza di sottoporre le bambine alla mutilazione dei genitali femminili. * Si tratta di una pratica crudele e inutile che è in contrasto con il modo amorevole in cui i genitori cristiani devono prendersi cura dei figli. (Deuteronomio 6:6, 7; Efesini 6:4) Come possono i cristiani evitare di farsi condizionare dalla comunità in cui vivono e rifuggire pratiche del genere? Riponendo completa fiducia in Geova. (Salmo 31:6) Dio, che ama la giustizia, dà forza e sostegno a chi gli dice di cuore: “Sei il mio rifugio e la mia fortezza, il mio Dio in cui di sicuro confiderò”. — Salmo 91:2; Proverbi 29:25.

Non dimenticate Geova

14. Quale avvertimento diede Geova agli israeliti poco prima che entrassero nella Terra Promessa?

14 Poco prima che gli israeliti entrassero nella Terra Promessa Geova li avvertì di non dimenticarlo. Disse: “Guardati dal dimenticare Geova tuo Dio così da non osservare i suoi comandamenti e le sue decisioni giudiziarie e i suoi statuti che oggi io ti comando; affinché tu non mangi e in realtà ti sazi, ed edifichi buone case e realmente vi dimori, e la tua mandria e il tuo gregge aumentino, e argento e oro ti aumentino, e tutto ciò che è tuo aumenti; e il tuo cuore realmente s’innalzi e tu realmente dimentichi Geova tuo Dio”. — Deuteronomio 8:11-14.

15. Come possiamo essere certi di non dimenticare Geova?

15 Oggi potrebbe succedere qualcosa di simile? Sì, se diamo la precedenza alle cose sbagliate. Se invece cerchiamo prima la giustizia di Dio, la pura adorazione sarà la cosa più importante della nostra vita. In armonia con l’esortazione di Paolo, ‘riscatteremo il tempo opportuno’ e ci dedicheremo al ministero con un senso di urgenza. (Colossesi 4:5; 2 Timoteo 4:2) D’altra parte, se per noi è più importante rilassarci e divertirci che andare alle adunanze e partecipare al servizio di campo potremmo dimenticare Geova nel senso di non metterlo più al primo posto nella nostra vita. Paolo disse che negli ultimi giorni gli uomini sarebbero stati “amanti dei piaceri anziché amanti di Dio”. (2 Timoteo 3:4) I cristiani sinceri si esaminano regolarmente per assicurarsi di non essere stati influenzati da questo modo di pensare. — 2 Corinti 13:5.

Attenti allo spirito di indipendenza!

16. Quale spirito sbagliato manifestarono Eva e alcuni contemporanei di Paolo?

16 In Eden Satana riuscì a far leva sul desiderio egoistico di indipendenza di Eva. Eva volle decidere da sé cos’era bene e cos’era male. (Genesi 3:1-6) Nella congregazione di Corinto del I secolo alcuni avevano un analogo spirito di indipendenza. Pensavano di saperla più lunga di Paolo, il quale, con sarcasmo, li definì “apostoli sopraffini”. — 2 Corinti 11:3-5; 1 Timoteo 6:3-5.

17. Come possiamo evitare di sviluppare uno spirito di indipendenza?

 17 Oggi nel mondo molti sono “testardi, gonfi d’orgoglio”, e alcuni cristiani sono stati influenzati da questo modo di pensare. Alcuni sono arrivati al punto di opporsi alla verità. (2 Timoteo 3:4; Filippesi 3:18) Per quanto riguarda la pura adorazione, è essenziale ricercare la guida di Geova e collaborare con lo “schiavo fedele e discreto” e con gli anziani di congregazione. Questo è un modo per cercare la giustizia, e ci aiuta a non sviluppare uno spirito di indipendenza. (Matteo 24:45-47; Salmo 25:9, 10; Isaia 30:21) La congregazione degli unti è “colonna e sostegno della verità”. Geova l’ha provveduta per darci protezione e guida. (1 Timoteo 3:15) Riconoscere il suo ruolo essenziale ci aiuterà a ‘non fare nulla per egotismo’ e a sottometterci umilmente alla giusta volontà di Geova. — Filippesi 2:2-4; Proverbi 3:4-6.

Imitate Gesù

18. Sotto quali aspetti dovremmo imitare Gesù?

18 Parlando profeticamente di Gesù la Bibbia dice: “Hai amato la giustizia e odii la malvagità”. (Salmo 45:7; Ebrei 1:9) Che ottimo esempio da imitare! (1 Corinti 11:1) Gesù non solo conosceva le giuste norme di Geova; le amava. Così, quando Satana lo tentò nel deserto, Gesù non ebbe esitazioni e si rifiutò fermamente di deviare dal “sentiero della giustizia”. — Proverbi 8:20; Matteo 4:3-11.

19, 20. Quali buoni risultati si hanno cercando la giustizia?

19 È vero che gli ingiusti desideri della carne possono essere forti. (Romani 7:19, 20) Ma se abbiamo a cuore la giustizia avremo la forza di resistere alla malvagità. (Salmo 119:165) Il profondo amore per la giustizia ci proteggerà quando ci troveremo di fronte al male. (Proverbi 4:4-6) Ricordate, ogni volta che cediamo a una tentazione è una vittoria per Satana. Quanto è meglio resistergli e dare la vittoria a Geova! — Proverbi 27:11; Giacomo 4:7, 8.

20 Dal momento che cercano la giustizia, i veri cristiani sono “pieni del giusto frutto, che è per mezzo di Gesù Cristo, a gloria e lode di Dio”. (Filippesi 1:10, 11) Rivestono “la nuova personalità che fu creata secondo la volontà di Dio in vera giustizia e lealtà”. (Efesini 4:24) Appartengono a Geova e vivono per servire lui, non per piacere a se stessi. (Romani 14:8; 1 Pietro 4:2) È questo che guida i loro pensieri e le loro azioni. E come rallegrano il cuore del loro Padre celeste! — Proverbi 23:24.

[Note in calce]

^ par. 11 I genitori possono trovare preziosi suggerimenti su come proteggere la famiglia dalle influenze immorali nel libro Il segreto della felicità familiare, edito dai testimoni di Geova.

^ par. 13 La mutilazione dei genitali femminili un tempo era nota come “circoncisione femminile”.

Sapreste spiegare?

• Perché è essenziale cercare la giustizia?

• Come può un cristiano imperfetto cercare la giustizia?

• Quali sono alcune cose del mondo che i cristiani devono evitare?

• In che senso cercare la giustizia è una protezione?

[Domande per lo studio]

[Immagine a pagina 26]

Per i seguaci di Gesù il mondo era irto di pericoli

[Immagine a pagina 27]

Insegnare ai figli ad amare Geova significa metterli in grado di resistere all’immoralità

[Immagine a pagina 28]

Alcuni israeliti dopo aver raggiunto la prosperità nella Terra Promessa dimenticarono Geova

[Immagine a pagina 29]

Come Gesù, i cristiani odiano l’ingiustizia