Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

“Felici quelli che si rendono conto del loro bisogno spirituale”

“Felici quelli che si rendono conto del loro bisogno spirituale”

 “Felici quelli che si rendono conto del loro bisogno spirituale”

AL MATTINO dopo il risveglio gli uccelli spesso cinguettano per un po’ e poi prendono il volo alla ricerca di cibo. Di sera ritornano al nido, cinguettano ancora un po’ e si addormentano. In certe stagioni si accoppiano, depongono le uova e crescono i loro piccoli. Altri animali hanno un modello di vita altrettanto prevedibile.

Gli esseri umani sono diversi. È vero: mangiano, dormono e si riproducono. Ma la maggioranza di noi non si accontenta di queste cose. Vogliamo sapere perché esistiamo, cerchiamo uno scopo nella vita e desideriamo anche una speranza per il futuro. Questi bisogni più profondi sono rivelatori di una qualità che è prerogativa dell’uomo: la spiritualità, cioè il bisogno di valori spirituali e l’inclinazione naturale verso di essi.

Creati a immagine di Dio

La Bibbia spiega la ragione della spiritualità insita nella natura umana con le seguenti parole: “Dio creava l’uomo a sua immagine, lo creò a immagine di Dio; li creò maschio e femmina”. (Genesi 1:27) Essendo stati formati “a immagine di Dio” abbiamo la capacità di rispecchiare certe sue qualità, nonostante la macchia del peccato e dell’imperfezione. (Romani 5:12) Ad esempio, siamo dotati di creatività. Abbiamo anche una certa misura di sapienza, un senso di giustizia e la capacità di mostrare amore altruistico. Possiamo inoltre riflettere sul passato e fare piani per il futuro. — Proverbi 4:7; Ecclesiaste 3:1, 11; Michea 6:8; Giovanni 13:34; 1 Giovanni 4:8.

La dimostrazione più lampante della spiritualità dell’uomo è il desiderio innato di adorare Dio. A meno che non soddisfacciamo il bisogno di essere in contatto con il nostro Creatore, non possiamo trovare felicità vera e duratura. “Felici quelli che si rendono conto  del loro bisogno spirituale”, disse Gesù. (Matteo 5:3) Dobbiamo stare attenti, comunque, a soddisfare questo bisogno con la verità spirituale: chi è Dio, quali norme ha stabilito e qual è il suo proposito per l’umanità. Dove possiamo trovare la verità spirituale? Nella Bibbia.

“La tua parola è verità”

L’apostolo Paolo scrisse: “Tutta la Scrittura è ispirata da Dio e utile per insegnare, per riprendere, per correggere”. (2 Timoteo 3:16) Le parole di Paolo concordano con quelle di Gesù che disse in preghiera a Dio: “La tua parola è verità”. Oggi quella Parola è la Sacra Bibbia e facciamo bene a verificare che le nostre convinzioni religiose e le nostre norme siano in armonia con essa. — Giovanni 17:17.

Mettendo a confronto le nostre convinzioni con la Parola di Dio imitiamo gli abitanti dell’antica Berea, i quali si accertarono che gli insegnamenti di Paolo fossero in armonia con le Scritture. Invece di criticarli, Luca lodò i bereani per il loro atteggiamento e scrisse che “ricevettero la parola con la massima premura di mente, esaminando attentamente le Scritture ogni giorno per vedere se queste cose stavano così”. (Atti 17:11) Poiché oggi abbondano insegnamenti religiosi e morali contraddittori, è importante che seguiamo l’esempio dei bereani di mente nobile.

Un altro modo per identificare la verità spirituale è quello di osservare come influisce sulla vita delle persone. (Matteo 7:17) Vivere secondo la verità della Bibbia, per esempio, dovrebbe rendere mariti e padri migliori, mogli e madri migliori. Questo promuove la felicità familiare e dà soddisfazione. “Felici quelli che ascoltano la parola di Dio e la mettono in pratica”, disse Gesù. — Luca 11:28.

Le parole di Gesù ci ricordano quelle che il suo Padre celeste rivolse agli israeliti dell’antichità: “Io, Geova, sono il tuo Dio, Colui che ti insegna per il tuo beneficio, Colui che ti fa calcare la via per la quale devi camminare. Oh se tu realmente prestassi attenzione ai miei comandamenti! Allora la tua pace diverrebbe proprio come un fiume, e la tua giustizia come le onde del mare”. (Isaia 48:17, 18) Chiunque ami la bontà e la giustizia si sentirebbe certamente attratto da un invito amorevole come questo.

Alcuni preferiscono farsi “solleticare gli orecchi”

Dio fece quell’accorato invito agli israeliti perché si stavano facendo sviare dalle menzogne religiose. (Salmo 106:35-40) Anche noi dobbiamo guardarci dalla falsità. A proposito di coloro che si professavano cristiani, Paolo scrisse: “Ci sarà un periodo di tempo in cui non sopporteranno il sano insegnamento, ma, secondo i loro propri desideri, si accumuleranno maestri per farsi solleticare gli orecchi; e distoglieranno i loro orecchi dalla verità”. — 2 Timoteo 4:3, 4.

I capi religiosi solleticano gli orecchi delle persone condonando pratiche che fanno leva su desideri errati, come i rapporti sessuali al di fuori del matrimonio,  l’omosessualità e l’ubriachezza. La Bibbia dice espressamente che quelli che approvano tali cose e quelli che le praticano “non erediteranno il regno di Dio”. — 1 Corinti 6:9, 10; Romani 1:24-32.

Senza dubbio ci vuole coraggio per vivere secondo le norme bibliche, in particolare di fronte agli scherni, ma è possibile farcela. Tra i testimoni di Geova ci sono molti che un tempo erano tossicodipendenti, ubriaconi, fornicatori, delinquenti, ladri e bugiardi, tuttavia hanno dato ascolto alla Parola di Dio e grazie all’aiuto dello spirito santo hanno fatto cambiamenti nella loro vita per “camminare in modo degno di Geova”. (Colossesi 1:9, 10; 1 Corinti 6:11) Essendo in pace con Dio hanno ottenuto pace interiore e, come vedremo, una vera speranza per il futuro.

La speranza del Regno

La speranza biblica di una pace duratura per gli esseri umani ubbidienti si adempirà grazie al Regno di Dio. “Venga il tuo regno. Si compia la tua volontà, come in cielo, anche sulla terra”, disse Gesù nella preghiera modello. (Matteo 6:10) Solo il Regno di Dio può garantire che la Sua volontà si compia sulla terra. Perché? Perché quel Regno celeste, il governo retto da Gesù Cristo, è l’espressione della legittima sovranità di Dio sulla terra. — Salmo 2:7-12; Daniele 7:13, 14.

In qualità di Re di quel Regno celeste, Gesù Cristo libererà gli esseri umani ubbidienti da ogni forma di schiavitù, compresa la morsa del peccato adamico e la sua eredità di malattie e morte. Rivelazione, o Apocalisse, 21:3, 4 dice: “Ecco, la tenda di Dio è col genere umano . . . Ed egli [Geova Dio] asciugherà ogni lacrima dai loro occhi, e la morte non ci sarà più, né ci sarà più cordoglio né grido né dolore. Le cose precedenti sono passate”.

Su tutta la terra regnerà pace duratura. Perché possiamo esserne sicuri? La ragione è rivelata in Isaia 11:9 dove è scritto: “[I sudditi del Regno] non faranno danno né causeranno rovina in tutto il mio monte santo; perché la terra sarà certamente piena della conoscenza di Geova come le acque coprono il medesimo mare”. Ogni persona sulla terra avrà accurata  conoscenza di Dio e gli sarà ubbidiente. Vi alletta questa prospettiva? Se la risposta è affermativa, ora è il tempo che acquistiate la preziosa “conoscenza di Geova”.

Ascolterete il messaggio del Regno?

Mediante il Regno, Dio annullerà tutte le opere di Satana e istruirà le persone nelle Sue giuste vie. Perciò, non sorprende che il Regno fosse il punto centrale dell’insegnamento di Gesù. “Devo dichiarare la buona notizia del regno di Dio”, disse, “perché per questo sono stato mandato”. (Luca 4:43) Cristo comandò ai suoi discepoli di divulgare lo stesso messaggio. (Matteo 28:19, 20) “Questa buona notizia del regno”, predisse, “sarà predicata in tutta la terra abitata, in testimonianza a tutte le nazioni; e allora verrà la fine”. (Matteo 24:14) Tale fine si avvicina rapidamente. Quanto è importante, perciò, che le persone di cuore sincero ascoltino la salvifica buona notizia!

Albert, citato nell’articolo precedente, udì il messaggio del Regno quando la moglie e il figlio cominciarono a studiare la Bibbia con i testimoni di Geova. All’inizio era scettico. Chiese perfino a un ecclesiastico locale di fare visita alla moglie e al figlio per dimostrare che i Testimoni erano nel falso. L’ecclesiastico, però, non ne volle sapere. Così Albert decise di essere presente alla trattazione biblica per trovare le incongruenze. Dopo avervi assistito una sola volta, si unì allo studio, ansioso di saperne di più. In seguito spiegò perché aveva cambiato atteggiamento: “Era proprio quello che avevo sempre cercato!”, disse.

Finalmente Albert cominciò a soddisfare il suo bisogno spirituale, e non se n’è mai pentito. Grazie alla verità della Bibbia ha trovato quello che aveva cercato per tutta la vita: sa qual è la soluzione di problemi come l’ingiustizia e la corruzione che permeano la società e ha una speranza per il futuro. La verità della Bibbia gli ha dato pace interiore. State soddisfacendo il vostro bisogno spirituale? Perché non dedicate qualche minuto alla lettura delle domande elencate nel riquadro a pagina 6? Se desiderate ulteriori informazioni, i testimoni di Geova saranno felici di aiutarvi.

[Riquadro/Immagini a pagina 6]

STATE APPAGANDO IL VOSTRO BISOGNO SPIRITUALE?

Siete soddisfatti del cibo spirituale che ricevete? Vi invitiamo a leggere le domande che seguono e a spuntare quelle a cui riuscite a rispondere correttamente.

□ Chi è Dio, e qual è il suo nome?

□ Chi è Gesù Cristo? Perché dovette morire? In che modo la sua morte può esservi di beneficio?

□ Esiste il Diavolo? Se esiste, come ha avuto origine?

□ Cosa accade quando si muore?

□ Qual è il proposito di Dio per la terra e l’umanità?

□ Cos’è il Regno di Dio?

□ Quali norme morali ha stabilito Dio?

□ Qual è il ruolo che Dio ha dato a marito e moglie nella famiglia? Quali sono alcuni princìpi biblici che promuovono la felicità in famiglia?

Se non siete sicuri della risposta a una qualsiasi di queste domande, chiedete una copia dell’opuscolo Cosa richiede Dio da noi? Edito dai testimoni di Geova in quasi 300 lingue, l’opuscolo tratta 16 argomenti biblici fondamentali e fornisce una risposta basata sulle Scritture alle domande suindicate.

[Immagini a pagina 4]

A differenza degli animali, l’uomo ha bisogni spirituali

[Immagine a pagina 5]

“Si accumuleranno maestri per farsi solleticare gli orecchi”. — 2 Timoteo 4:3

[Immagine a pagina 7]

Il messianico Regno di Dio porterà pace duratura