Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Il matrimonio può riuscire nel mondo d’oggi

Il matrimonio può riuscire nel mondo d’oggi

 Il matrimonio può riuscire nel mondo d’oggi

“Rivestitevi d’amore, poiché è un perfetto vincolo d’unione”. — Colossesi 3:14.

1, 2. (a) Cos’è incoraggiante vedere nella congregazione cristiana? (b) Cos’è un matrimonio felice?

NON è incoraggiante vedere nella congregazione cristiana tante coppie in cui i coniugi sono leali l’uno all’altro da 10, 20, 30 o anche più anni? Sono rimasti l’uno accanto all’altro sia nel bene che nel male. — Genesi 2:24.

2 Quasi tutti ammettono che nel loro matrimonio ci sono stati momenti difficili. Un’osservatrice ha scritto: “I matrimoni felici non sono privi di problemi. Ci sono momenti belli e momenti brutti. . . . Ma in qualche modo questi matrimoni sopravvivono nonostante lo scompiglio del mondo moderno”. Le coppie che riescono hanno imparato a gestire le inevitabili tempeste e le crisi causate dalle pressioni della vita, specialmente se hanno allevato dei figli. L’esperienza ha insegnato a queste coppie che il vero amore “non viene mai meno”. — 1 Corinti 13:8.

3. Cosa indicano le statistiche circa i matrimoni e i divorzi, e quindi quali domande sorgono?

3 Ma ci sono anche milioni di matrimoni che falliscono. Un rapporto dice: “Si prevede che la metà di tutti i matrimoni che si celebrano negli Stati Uniti finiranno col divorzio. E la metà di questi divorzi si verificheranno entro i primi 7,8 anni di matrimonio . . . Del 75 per cento di chi si risposa, il 60 per cento divorzierà nuovamente”. Le cose sono cambiate anche nei paesi in cui il tasso dei divorzi era basso. Per esempio, in Giappone i divorzi sono raddoppiati negli ultimi anni. Quali sono alcune cause di questa situazione, cause che a volte influiscono anche sulla congregazione cristiana? Cosa ci vuole per fare del matrimonio un successo malgrado i tentativi di Satana di minare questa istituzione?

 Trappole da evitare

4. Quali sono alcuni fattori che possono minacciare il matrimonio?

4 La Parola di Dio ci aiuta a comprendere i fattori che possono minare il matrimonio. Considerate, per esempio, le parole dell’apostolo Paolo riguardo alle condizioni che sarebbero esistite durante questi ultimi giorni: “Negli ultimi giorni ci saranno tempi difficili. Poiché gli uomini saranno amanti di se stessi, amanti del denaro, millantatori, superbi, bestemmiatori, disubbidienti ai genitori, ingrati, sleali, senza affezione naturale, non disposti a nessun accordo, calunniatori, senza padronanza di sé, fieri, senza amore per la bontà, traditori, testardi, gonfi d’orgoglio, amanti dei piaceri anziché amanti di Dio, aventi una forma di santa devozione ma mostrandosi falsi alla sua potenza; e da questi allontànati”. — 2 Timoteo 3:1-5.

5. Perché chi è ‘amante di se stesso’ mette a repentaglio il proprio matrimonio, e qual è il consiglio biblico al riguardo?

5 Analizzando le parole di Paolo notiamo che molte delle cose da lui elencate possono contribuire al fallimento del matrimonio. Per esempio gli “amanti di se stessi” sono egoisti e non hanno considerazione per gli altri. Se un marito o una moglie avesse questo atteggiamento vorrebbe fare sempre tutto a modo proprio. Sarebbe inflessibile, intransigente. Un comportamento del genere aiuterebbe ad avere un matrimonio felice? Tutt’altro. Saggiamente l’apostolo Paolo consigliò ai cristiani, incluse le coppie sposate: “Non [dovreste fare] nulla per contenzione o egotismo, ma con modestia di mente, considerando che gli altri siano superiori a voi, guardando con interesse personale non solo alle cose vostre, ma anche con interesse personale a quelle degli altri”. — Filippesi 2:3, 4.

6. Come può l’amore del denaro minare il matrimonio?

6 L’amore del denaro può dividere i coniugi. Paolo avvertì: “Quelli che hanno determinato di arricchire cadono in tentazione e in un laccio e in molti desideri insensati e dannosi, che immergono gli uomini nella distruzione e nella rovina. Poiché l’amore del denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose, e correndo dietro a questo amore alcuni sono stati sviati dalla fede e si sono del tutto feriti con molte pene”. (1 Timoteo 6:9, 10) Purtroppo, ciò che Paolo disse si sta verificando in molti matrimoni di oggi. Nella loro ricerca della ricchezza, molti trascurano le necessità del proprio coniuge, inclusi i bisogni fondamentali di sostegno emotivo e costante e affettuosa compagnia.

7. In alcuni casi, quale comportamento ha portato alla slealtà coniugale?

7 Paolo disse anche che in questi ultimi giorni alcuni sarebbero stati “sleali, senza affezione naturale, non disposti a nessun accordo”. Il voto matrimoniale è una promessa solenne che dovrebbe portare a un’unione permanente, non alla slealtà. (Malachia 2:14-16) Alcuni però hanno rivolto le loro attenzioni amorose ad altri che non sono il loro coniuge. Una donna che ha passato la trentina e che è stata lasciata dal marito ha spiegato che anche prima di lasciarla era troppo affettuoso con le altre donne e si prendeva troppe confidenze. Non si rendeva conto che un uomo sposato non può comportarsi così. Lei soffriva moltissimo per la situazione e con tatto cercò di metterlo in guardia contro la condotta pericolosa che stava tenendo. Nondimeno lui commise adulterio. Non prestò attenzione ai benevoli consigli ricevuti. Cadde in pieno nella trappola. — Proverbi 6:27-29.

8. Cosa può portare all’adulterio?

8 La Bibbia è molto chiara nel mettere in guardia contro l’adulterio. “Chiunque commette adulterio con una donna manca di cuore; chi lo fa porta la sua propria anima alla rovina”. (Proverbi 6:32) Di solito  l’adulterio non è un atto dettato dall’impulsività. Come indica lo scrittore biblico Giacomo, un peccato come l’adulterio di solito si concretizza solo dopo che il pensiero è stato concepito e coltivato. (Giacomo 1:14, 15) Gradualmente la persona smette di essere leale al coniuge, al quale ha promesso solennemente fedeltà per tutta la vita. Gesù disse: “Avete udito che fu detto: ‘Non devi commettere adulterio’. Ma io vi dico che chiunque continua a guardare una donna in modo da provare passione per lei ha già commesso adulterio con lei nel suo cuore”. — Matteo 5:27, 28.

9. Quale consiglio saggio è riportato in Proverbi 5:18-20?

9 Pertanto, la condotta saggia e leale è quella incoraggiata nel libro di Proverbi: “Sia benedetta la tua fonte d’acqua, e rallegrati con la moglie della tua giovinezza, amabile cerva e attraente capra di montagna. Le sue proprie mammelle ti inebrino in ogni tempo. Sii di continuo in estasi per il suo amore. Perché dovresti dunque, figlio mio, essere in estasi per una donna estranea o abbracciare il seno di una donna straniera?” — Proverbi 5:18-20.

Non abbiate fretta di sposarvi

10. Perché è saggio prendersi il tempo di conoscere il futuro coniuge?

10 Quando ci si sposa prematuramente possono sorgere problemi. Forse si è troppo giovani e inesperti, o forse non ci si prende il tempo di conoscersi, di sapere quali sono i gusti, le mete o l’ambiente familiare di provenienza. È saggio essere pazienti e prendersi il tempo di conoscere il futuro coniuge. Pensate a Giacobbe, il figlio di Isacco. Prima di poter sposare Rachele dovette lavorare sette anni per il futuro suocero. Fu disposto a farlo perché i suoi sentimenti si basavano sul vero amore, non solo sull’attrazione fisica. — Genesi 29:20-30.

11. (a) Cosa unisce il matrimonio? (b) Perché nel matrimonio è fondamentale comunicare nel modo giusto?

11 Il matrimonio non è semplicemente una relazione romantica. Unisce due persone provenienti da ambienti familiari diversi e con personalità, costituzione emotiva e, spesso, istruzione diverse. A volte è un’unione di due culture, addirittura di due lingue. Come minimo mette insieme due voci che possono esprimere opinioni diverse su qualsiasi cosa. Queste opinioni sono parte integrante del matrimonio. Possono essere sempre critiche e lamentose oppure amorevoli e incoraggianti. Con le nostre parole possiamo ferire o sanare il nostro coniuge. Parlare senza controllo può creare notevoli tensioni in un matrimonio. — Proverbi 12:18; 15:1, 2; 16:24; 21:9; 31:26.

12, 13. Quale opinione realistica dovremmo avere del matrimonio?

12 Pertanto è saggio prendersi il tempo di conoscere bene il futuro coniuge. Una sorella  sposata da molti anni ha detto: “Quando prendete in considerazione un possibile coniuge, pensate a dieci caratteristiche basilari che vorreste vedere in quella persona. Se vi accorgete che ne ha solo sette, chiedetevi: ‘Riuscirei a non tener conto delle tre che mancano? Potrei sopportare ogni giorno quelle lacune?’ Se avete dei dubbi fermatevi e pensateci ancora”. Naturalmente bisogna essere realisti. Se volete sposarvi sappiate che non troverete mai un coniuge perfetto. Ma d’altro canto neppure voi sarete coniugi perfetti. — Luca 6:41.

13 Il matrimonio comporta sacrifici. Paolo lo sottolineò quando disse: “Voglio che siate liberi da ansietà. L’uomo non sposato è ansioso delle cose del Signore, come possa guadagnare l’approvazione del Signore. Ma l’uomo sposato è ansioso delle cose del mondo, come possa guadagnare l’approvazione della moglie, ed è diviso. Inoltre, la donna non sposata, e la vergine, è ansiosa delle cose del Signore, per essere santa nel corpo e nello spirito. Comunque, la donna sposata è ansiosa delle cose del mondo, come possa guadagnare l’approvazione del marito”. — 1 Corinti 7:32-34.

Perché alcuni matrimoni falliscono

14, 15. Cosa può contribuire a indebolire il vincolo matrimoniale?

14 Recentemente una cristiana ha subìto il trauma del divorzio quando il marito l’ha lasciata dopo 12 anni di matrimonio per iniziare una relazione con un’altra donna. Aveva notato dei segni premonitori prima della separazione? Essa spiega: “Era arrivato al punto di non pregare più. Accampava scuse frivole per non andare alle adunanze e a predicare. Diceva che era troppo indaffarato o troppo stanco per stare con me. Non mi parlava più. Dal punto di vista spirituale era diventato un estraneo. Che tristezza! Non era più l’uomo che avevo sposato”.

15 Altri hanno osservato la stessa cosa: trascuratezza nello studio biblico personale, nella preghiera e nella frequenza alle adunanze. In altre parole, molti che hanno finito per abbandonare il coniuge avevano lasciato che la loro relazione con Geova si indebolisse. Di conseguenza la loro vista spirituale non era più chiara. Non consideravano più Geova un Dio vivente. Non vedevano più il promesso nuovo mondo di giustizia come una realtà. In alcuni casi il coniuge infedele si era indebolito spiritualmente prima ancora di iniziare una relazione extraconiugale. — Ebrei 10:38, 39; 11:6; 2 Pietro 3:13, 14.

16. Cosa rafforza il matrimonio?

16 Per contro, una coppia molto felice attribuisce la riuscita del proprio matrimonio ai forti legami spirituali che hanno. Pregano insieme e studiano insieme. Il marito dice: “Leggiamo la Bibbia insieme, svolgiamo il ministero insieme, ci piace fare le cose insieme”. La lezione è chiara: Una buona relazione con Geova contribuisce notevolmente a rendere stabile il matrimonio.

Siate realisti e comunicate

17. (a) Quali due cose contribuiscono alla riuscita del matrimonio? (b) Come descrive Paolo l’amore cristiano?

17 Ci sono altre due cose che contribuiscono alla riuscita del matrimonio: l’amore cristiano e il dialogo. Quando si è innamorati si tende a ignorare i difetti. I due possono arrivare al matrimonio con aspettative esagerate, forse basate su ciò che hanno letto nei romanzi o visto nei film. Arriva il momento, però, in cui la coppia deve affrontare la realtà. A quel punto anche i difetti più piccoli o le abitudini leggermente irritanti possono trasformarsi in problemi gravi. Se ciò accade i cristiani devono manifestare il frutto dello spirito di cui un aspetto è l’amore. (Galati 5:22, 23) L’amore è veramente potente,  non l’amore romantico ma l’amore cristiano. Descrivendolo, Paolo disse: “L’amore è longanime e benigno. . . . Non cerca i propri interessi, non si irrita. Non tiene conto del male. . . . Copre ogni cosa, crede ogni cosa, spera ogni cosa, sopporta ogni cosa”. (1 Corinti 13:4-7) È chiaro che il sincero amore tiene conto della fragilità umana. Realisticamente, non si aspetta la perfezione. — Proverbi 10:12.

18. Come può il dialogo rafforzare il rapporto?

18 Anche il dialogo è essenziale. A prescindere da quanti anni siano trascorsi dal giorno delle nozze, i coniugi dovrebbero parlare l’uno con l’altro e ascoltarsi attentamente. Un marito dice: “Esprimiamo i nostri sentimenti apertamente ma amichevolmente”. Col tempo marito e moglie imparano ad ascoltare non solo ciò che viene detto ma anche ciò che non viene detto. In altre parole, col passare degli anni, una coppia felicemente sposata impara a discernere i pensieri e i sentimenti non espressi. Alcune mogli dicono che i loro mariti non le ascoltano veramente. I mariti si lamentano del fatto che le mogli sembrano voler parlare nei momenti meno opportuni. Il dialogo richiede compassione e comprensione. Quando è costruttivo fa bene sia al marito che alla moglie. — Giacomo 1:19.

19. (a) Perché può essere difficile chiedere scusa? (b) Cosa ci spingerà a chiedere scusa?

19 Dialogare a volte significa anche chiedere scusa. Non è sempre facile scusarsi, bisogna essere umili e ammettere i propri errori. Ma come fa bene al matrimonio! Chiedere sinceramente scusa può eliminare eventuali cause di discussioni future e spianare la strada al vero perdono e alla soluzione del problema. Paolo disse: “Continuate a sopportarvi gli uni gli altri e a perdonarvi liberalmente gli uni gli altri se qualcuno ha motivo di lamentarsi contro un altro. Come Geova vi perdonò liberalmente, così fate anche voi. Ma, oltre a tutte queste cose, rivestitevi d’amore, poiché è un perfetto vincolo d’unione”. — Colossesi 3:13, 14.

20. Come dovrebbero trattarsi i coniugi cristiani sia in privato che in presenza di altri?

 20 È importantissimo che nel matrimonio ci sia anche sostegno reciproco. Un marito e una moglie cristiani dovrebbero fidarsi l’uno dell’altro, contare l’uno sull’altro. L’uno non dovrebbe screditare l’altro né minarne in alcun modo la fiducia in se stesso. Vogliamo lodare amorevolmente il nostro coniuge anziché criticarlo aspramente. (Proverbi 31:28b) Non lo renderemo oggetto di scherzi sciocchi e sconsiderati che lo umiliano. (Colossesi 4:6) Tale sostegno reciproco è rafforzato da continue espressioni di affetto. Una carezza o una parola affettuosa può dire: “Ti amo ancora e sono felice di averti accanto”. Questi sono alcuni fattori che possono influire su una relazione e contribuire alla riuscita del matrimonio nel mondo d’oggi. Ma ce ne sono altri e il prossimo articolo conterrà ulteriori consigli scritturali su come rendere felice il matrimonio. *

[Nota in calce]

^ par. 20 Per informazioni più dettagliate, vedi la pubblicazione Il segreto della felicità familiare, edita dai testimoni di Geova.

Sapreste spiegare?

• Quali sono alcuni fattori che possono minare il matrimonio?

• Perché non è saggio avere fretta di sposarsi?

• Come la spiritualità influisce sul matrimonio?

• Quali fattori aiutano a rendere stabile il matrimonio?

[Domande per lo studio]

[Immagine a pagina 12]

Il matrimonio non è semplicemente una relazione romantica

[Immagini a pagina 14]

Una forte relazione con Geova contribuisce alla riuscita del matrimonio