Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Cerchiamo la “perla di alto valore”

Cerchiamo la “perla di alto valore”

 Cerchiamo la “perla di alto valore”

“Questa buona notizia del regno sarà predicata in tutta la terra abitata, in testimonianza”. — MATTEO 24:14.

1, 2. (a) Ai giorni di Gesù che comprensione avevano gli ebrei del Regno di Dio? (b) Cosa fece Gesù per impartire il giusto intendimento del Regno e con quali risultati?

QUANDO Gesù venne sulla terra, il Regno di Dio era per gli ebrei un argomento di grande interesse. (Matteo 3:1, 2; 4:23-25; Giovanni 1:49) Inizialmente, però, la maggior parte di loro non ne comprese pienamente la portata né come avrebbe esercitato il suo potere; non capirono nemmeno che sarebbe stato un governo celeste. (Giovanni 3:1-5) Persino ad alcuni che divennero seguaci di Gesù non era molto chiara la vera natura del Regno di Dio, né cosa dovevano fare per diventare governanti associati con Cristo. — Matteo 20:20-22; Luca 19:11; Atti 1:6.

2 Col passare del tempo Gesù pazientemente insegnò molte lezioni ai suoi discepoli, inclusa la parabola della perla di alto valore esaminata nell’articolo precedente, indicando loro l’importanza di sforzarsi con vigore mentre perseguivano il Regno celeste. (Matteo 6:33; 13:45, 46; Luca 13:23, 24) Questo dovette toccare profondamente il loro cuore perché ben presto divennero instancabili e coraggiosi proclamatori della buona notizia del Regno in luoghi distanti della terra, come il libro di Atti testimonia ampiamente. — Atti 1:8; Colossesi 1:23.

3. Riferendosi al nostro tempo, cosa disse Gesù circa il Regno?

 3 E oggi? Le benedizioni del paradiso sulla terra sotto il Regno vengono proclamate a milioni di persone. Nella sua grande profezia relativa al “termine del sistema di cose”, Gesù dichiarò specificamente: “Questa buona notizia del regno sarà predicata in tutta la terra abitata, in testimonianza a tutte le nazioni; e allora verrà la fine”. (Matteo 24:3, 14; Marco 13:10) Spiegò anche che quest’opera colossale deve essere portata a termine malgrado ostacoli e difficoltà formidabili, inclusa la persecuzione. Tuttavia diede questa assicurazione: “Chi avrà perseverato sino alla fine sarà salvato”. (Matteo 24:9-13) Tutto questo richiede lo stesso spirito di sacrificio e la stessa dedizione manifestati dal commerciante viaggiatore della parabola di Gesù. Ci sono oggi individui che dimostrano una fede e uno zelo simili nel cercare il Regno?

La gioia di scoprire la verità

4. Che effetto ha oggi la verità del Regno sulle persone?

4 Il commerciante della parabola di Gesù fu felicissimo quando si rese conto di aver trovato una “perla di alto valore”. Tale gioia lo spinse a fare tutto il possibile per acquistarla. (Ebrei 12:1) Analogamente oggi la verità riguardo a Dio e al suo Regno attrae e stimola le persone. È proprio come scrisse il fratello Alexander H. Macmillan in merito alla sua personale ricerca per conoscere Dio e il suo proposito per l’umanità. Nel suo libro Faith on the March (La fede in cammino), leggiamo: “Quello che ho trovato io migliaia di persone lo trovano ogni anno. E sono persone proprio come voi e me, perché vengono da tutte le nazionalità, razze, condizioni sociali e sono di tutte le età. La verità non ha riguardi personali. Attira uomini di ogni sorta”.

5. Quali eccellenti risultati si notano dal rapporto dell’anno di servizio 2004?

5 Che queste parole siano vere si nota dal fatto che ogni anno centinaia di migliaia di persone oneste sono spinte dalla buona notizia del Regno di Dio a dedicare la loro vita a Geova e a fare la sua volontà. L’anno di servizio 2004, iniziato a settembre del 2003 e conclusosi lo scorso agosto, non ha fatto eccezione. In quei 12 mesi, 262.416 persone hanno simboleggiato pubblicamente la loro dedicazione a Geova con il battesimo in acqua. Tutto questo in 235 paesi in cui i testimoni di Geova conducono settimanalmente 6.085.387 studi biblici a domicilio per aiutare persone di ogni sorta e di ogni nazione, tribù e lingua a comprendere la verità della Parola di Dio. — Rivelazione (Apocalisse) 7:9.

6. Come si spiega il continuo aumento che c’è stato nel corso degli anni?

6 Cosa ha reso possibile tutto questo? Non c’è dubbio che è Geova ad attrarre a sé queste persone giustamente disposte. (Giovanni 6:65; Atti 13:48) Comunque non sono da sottovalutare lo spirito altruista e gli sforzi instancabili di chi si è speso a favore del Regno. All’età di 79 anni, il fratello Macmillan scrisse: “Dal giorno in cui appresi le promesse rivolte all’umanità malata e morente, la mia speranza in ciò che tale messaggio biblico ha rivelato non si è affievolita. In quel momento decisi di saperne di più su ciò che insegna la Bibbia in modo da essere in grado di aiutare altri che come me cercano di conoscere l’Iddio Onnipotente, Geova, e i suoi buoni propositi per l’umanità”.

7. Quale esperienza illustra la gioia e l’entusiasmo di chi trova la verità biblica?

 7 Lo stesso entusiasmo si nota anche fra gli odierni servitori di Geova. Prendete per esempio Daniela, di Vienna. Dice: “Sin dalla mia infanzia, Dio è sempre stato il mio migliore amico. Avevo sempre desiderato conoscere il suo nome perché per me ‘Dio’ era troppo impersonale. Ma dovetti aspettare fino all’età di 17 anni, quando i testimoni di Geova vennero alla mia porta. Mi spiegarono tutto ciò che volevo sapere in merito a Dio. Finalmente avevo trovato la verità, era meraviglioso! Ero così entusiasta che cominciai a predicare a tutti”. Tale entusiasmo, però, le attirò gli scherni dei compagni di scuola. “Per me, comunque, era come vedere l’adempimento delle profezie bibliche”, continua Daniela, “perché avevo imparato che Gesù disse che i suoi seguaci sarebbero stati odiati e perseguitati a causa del suo nome. Ero sia felice che meravigliata”. Ben presto Daniela dedicò la propria vita a Geova, si battezzò e iniziò a coltivare la meta del servizio missionario. Dopo il matrimonio Daniela e suo marito Helmut cominciarono a predicare agli africani, ai cinesi, ai filippini e agli indiani che abitavano a Vienna. Attualmente Daniela ed Helmut prestano servizio come missionari nell’Africa sud-occidentale.

Non si arrendono

8. Qual è un modo gratificante in cui molti hanno dimostrato di amare Dio e di essere leali al suo Regno?

8 Il servizio missionario è uno dei modi in cui oggi i servitori di Geova dimostrano di amare Dio e di essere leali al suo Regno. Come il commerciante della parabola di Gesù, chi intraprende questo servizio è disposto a recarsi in luoghi lontani per amore del Regno. Naturalmente questi missionari non viaggiano per cercare la buona notizia del Regno; viaggiano per portarla a persone che vivono nei più remoti angoli della terra, insegnando loro e aiutandole a diventare discepoli di Gesù Cristo. (Matteo 28:19, 20) In molti paesi devono sopportare difficoltà fuori dal comune, ma la loro perseveranza è abbondantemente ricompensata.

9, 10. Quali esperienze entusiasmanti hanno i missionari in luoghi lontani come la Repubblica Centrafricana?

9 Prendete ad esempio la Repubblica Centrafricana dove l’anno scorso i presenti alla Commemorazione della morte di Cristo sono stati 16.184, circa sette volte il numero dei proclamatori del Regno in quella nazione. Dal momento che varie zone del paese sono sprovviste di elettricità, la gente in genere svolge le proprie faccende all’aperto, all’ombra di un albero. Quindi è solo naturale per i  missionari compiere la loro opera nello stesso modo, conducendo studi biblici all’aperto all’ombra di un albero. Oltre a essere più luminoso e fresco, c’è anche un altro vantaggio: le persone amano la Bibbia, e parlare di argomenti religiosi qui è normale come in altre culture è normale parlare di sport o del tempo. Spesso i passanti notano ciò che sta accadendo e come se nulla fosse si fermano per assistere allo studio.

10 Una volta un missionario stava conducendo uno studio biblico all’aperto. Un uomo che abitava dall’altro lato della strada si avvicinò e gli disse che siccome lui non era stato visitato desiderava che il missionario andasse a studiare la Bibbia anche con lui. Naturalmente il missionario fu ben felice di accontentarlo e ora l’uomo sta facendo rapido progresso. In quel paese spesso la polizia ferma i Testimoni per strada, non per multarli ma per chiedere loro gli ultimi numeri delle riviste La Torre di Guardia e Svegliatevi! o per ringraziarli di un articolo che hanno particolarmente gradito.

11. Malgrado le prove, cosa pensano i missionari di lunga data del loro servizio?

11 Molti che hanno iniziato il servizio missionario 40 o 50 anni fa servono ancora fedelmente nel campo. Che esempio di fede e perseveranza per tutti noi! Negli scorsi 42 anni una coppia ha prestato servizio missionario in tre paesi diversi. Il marito dice: “Ci sono state difficoltà. Per esempio abbiamo dovuto combattere la malaria per 35 anni. Ciò nonostante non ci siamo mai rammaricati della nostra decisione di fare i missionari”. La moglie aggiunge: “C’è sempre stato tanto di cui essere grati. Il ministero di campo è una meraviglia ed è facile iniziare studi biblici. Ogni volta che vedo gli studenti venire alle adunanze e fare amicizia gli uni con gli altri è come assistere a una riunione familiare”.

Considerano “tutte le cose una perdita”

12. Come si esprime vero apprezzamento per il valore del Regno?

12 Quando il commerciante trovò la perla di alto valore, “se ne andò e vendette prontamente tutte le cose che aveva e la comprò”. (Matteo 13:46) Questa disponibilità a rinunciare di buon grado a ciò che potrebbe essere considerato prezioso è una caratteristica di chi ha vero apprezzamento per il valore del Regno. Avendo la prospettiva di condividere  con Cristo la gloria del Regno, l’apostolo Paolo disse: “In realtà considero pure tutte le cose una perdita a motivo dell’eccellente valore della conoscenza di Cristo Gesù mio Signore. A motivo di lui ho accettato la perdita di tutte le cose e le considero come tanti rifiuti, affinché io guadagni Cristo”. — Filippesi 3:8.

13. In che modo un uomo della Repubblica Ceca ha dimostrato di amare il Regno?

13 Similmente oggi molti sono disposti a fare notevoli cambiamenti nella loro vita per ereditare le benedizioni del Regno. Per esempio, nell’ottobre del 2003 il preside sessantenne di una scuola nella Repubblica Ceca lesse una copia del manuale di studio biblico intitolato La conoscenza che conduce alla vita eterna. Si mise immediatamente in contatto con i testimoni di Geova della sua zona per avere uno studio biblico. Fece un ottimo progresso spirituale e ben presto iniziò a frequentare le adunanze. Che ne fu delle sue aspirazioni politiche, dato che era in corsa per le cariche di sindaco e senatore? Decise di intraprendere un’altra corsa, la corsa per la vita, divenendo un proclamatore del Regno. Dice: “Diedi molta letteratura biblica ai miei studenti”. Ha simboleggiato la sua dedicazione a Geova con il battesimo in acqua a un’assemblea di distretto che si è tenuta a luglio del 2004.

14. (a) La buona notizia del Regno ha indotto milioni di persone a fare che cosa? (b) Quali importanti domande dovremmo farci?

14 Milioni di altre persone in tutto il mondo hanno reagito in modo simile alla buona notizia del Regno. Sono uscite dal mondo malvagio, si sono spogliate della vecchia personalità, hanno abbandonato le amicizie di un tempo e hanno rinunciato alle loro aspirazioni mondane. (Giovanni 15:19; Efesini 4:22-24; Giacomo 4:4; 1 Giovanni 2:15-17) Perché lo hanno fatto? Perché stimano le benedizioni del Regno di Dio molto di più di qualsiasi cosa che questo sistema abbia da offrire. Provate gli stessi sentimenti verso la buona notizia del Regno? Vi spingono a fare i cambiamenti necessari per mettere la vostra vita, i vostri valori e le vostre mete in armonia con ciò che Geova richiede? Se lo farete riceverete ricche benedizioni, sia ora che in futuro.

La raccolta raggiunge il culmine

15. Cos’era profetizzato in merito ai servitori di Geova negli ultimi giorni?

15 Il salmista scrisse: “Il tuo popolo si offrirà volenterosamente nel giorno delle tue forze militari”. Fra coloro che si sono offerti c’è una “compagnia di giovani proprio come le gocce di rugiada” e “un grande esercito” di “donne che annunciano la buona notizia”. (Salmo 68:11; 110:3) Qual è stato il risultato dell’opera diligente e dello spirito di sacrificio mostrato dai servitori di Geova, uomini e donne di ogni età, in questi ultimi giorni?

16. Fate un esempio di come i servitori di Dio si sforzano per aiutare altri a imparare di più in merito al Regno.

16 In India una pioniera, o proclamatrice del Regno a tempo pieno, si chiedeva come aiutare gli oltre due milioni di sordi del paese a conoscere il Regno. (Isaia 35:5) Decise di  iscriversi a un corso per imparare la lingua dei segni. Fu così in grado di comunicare la speranza del Regno a molti sordi e furono organizzati gruppi di studio. Nel giro di poche settimane quasi una quindicina di persone iniziarono a frequentare le adunanze nella Sala del Regno. In seguito, a un ricevimento di matrimonio, la pioniera incontrò un ragazzo sordo di Calcutta che aveva molte domande e che voleva veramente conoscere meglio Geova. Ma c’era un problema: doveva tornare a Calcutta, a circa 1.600 chilometri di distanza, per iniziare l’università, e lì non c’erano Testimoni che conoscessero la lingua dei segni. Con non pochi sforzi il ragazzo riuscì a convincere suo padre a fargli continuare gli studi altrove in modo da proseguire anche lo studio biblico. Fece rapido progresso spirituale e, dopo circa un anno, dedicò la sua vita a Geova. A sua volta studiò la Bibbia con diversi altri sordi, fra cui un amico d’infanzia. Adesso la filiale dell’India sta disponendo che altri pionieri imparino la lingua dei segni per aiutare in questo campo.

17. Spiegate cosa avete trovato particolarmente incoraggiante nel rapporto di servizio del 2004 riportato alle pagine 19-22.

17 Alle pagine 19-22 di questa rivista compare il rapporto mondiale dell’opera svolta dai testimoni di Geova durante l’anno di servizio 2004. Prendetevi un po’ di tempo per esaminarlo e avrete la prova che oggi, in tutto il mondo, i servitori di Geova sono concentrati nella ricerca della “perla di alto valore”.

Continuiamo a “cercare prima il Regno”

18. Quali informazioni non incluse Gesù nella parabola del commerciante viaggiatore, e perché no?

18 Tornando ancora una volta alla parabola di Gesù del commerciante viaggiatore, notiamo che Gesù non disse nulla su come il commerciante avrebbe tirato avanti dopo aver venduto tutto ciò che aveva. Qualcuno potrebbe chiedersi: ‘Come avrebbe fatto a procurarsi cibo, vestiario e un riparo ora che non aveva più nulla? Di che utilità gli sarebbe stata quella perla preziosa?’ Queste domande sono ragionevoli solo da un punto di vista carnale. Gesù non esortò forse i suoi discepoli con le parole: “Continuate dunque a cercare prima il regno e la Sua giustizia, e tutte queste altre cose vi saranno aggiunte”? (Matteo 6:31-33) Il punto centrale della parabola è che occorre manifestare devozione a Dio con tutto il cuore nonché zelo per il Regno. Possiamo imparare qualcosa da questo?

19. Qual è la lezione principale che impariamo dalla parabola di Gesù della perla di alto valore?

19 Sia che abbiamo appreso da poco la meravigliosa buona notizia o che cerchiamo il Regno e parliamo ad altri delle sue benedizioni da decenni, il Regno deve continuare ad essere al centro dei nostri interessi. Viviamo in tempi difficili, ma abbiamo valide ragioni per credere che ciò che stiamo cercando è reale e senza pari, come la perla trovata dal commerciante. Gli avvenimenti mondiali e le profezie bibliche adempiute danno la convincente prova che stiamo vivendo nel “termine del sistema di cose”. (Matteo 24:3) Come il commerciante viaggiatore, mostriamo anche noi zelo con tutto il cuore per il Regno di Dio e rallegriamoci del privilegio di proclamare la buona notizia. — Salmo 9:1, 2.

Ricordate?

• Nel corso degli anni cosa ha contribuito alla crescita dei veri adoratori?

• Che spirito si nota fra coloro che prestano servizio come missionari?

• Che cambiamenti hanno fatto alcuni a motivo della buona notizia del Regno?

• Quale preziosa lezione impariamo dalla parabola di Gesù sulla perla di alto valore?

[Domande per lo studio]

 [Prospetto alle pagine 19-22]

RAPPORTO MONDIALE DEI TESTIMONI DI GEOVA PER L’ANNO DI SERVIZIO 2004

 (Vedi l’edizione stampata)

[Immagine a pagina 14]

“La verità . . . attira uomini di ogni sorta”. — Alexander H. Macmillan

[Immagine a pagina 15]

Daniela ed Helmut predicavano nel campo di lingua straniera a Vienna

[Immagini alle pagine 16 e 17]

Come il commerciante viaggiatore, oggi i missionari sono riccamente benedetti

[Immagine a pagina 17]

“Il tuo popolo si offrirà volenterosamente”