Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Benefìci derivanti dai valori spirituali

Benefìci derivanti dai valori spirituali

 Benefìci derivanti dai valori spirituali

“Chi semplicemente ama l’argento non si sazierà di argento, né chi ama la ricchezza si sazierà delle entrate”. — Ecclesiaste 5:10.

IL SUPERLAVORO può generare stress e lo stress può causare problemi di salute che talora conducono alla morte. In molti paesi le famiglie sono lacerate dal divorzio. Il più delle volte alla base di queste tragedie c’è l’eccessiva preoccupazione per le cose materiali. Anziché godere quello che ha, chi si impegna ad accumulare beni può ritrovarsi a volerne sempre di più, malgrado possa rimetterci in salute. Un libro che insegna a migliorare se stessi dice: “Cercare di stare alla pari dei vicini è un passatempo nazionale, anche se il vicino è un quarantatreenne maniaco del lavoro sull’orlo di un attacco cardiaco”.

Il desiderio di avere sempre di più può diventare insaziabile, privando della gioia che altrimenti si può provare. Spesso la pubblicità, che è molto persuasiva, sfrutta le nostre debolezze al riguardo. I programmi televisivi sono pieni di spot pubblicitari che esortano a comprare cose di cui probabilmente non abbiamo bisogno e che forse non possiamo neppure  permetterci. Tutto questo può risultare molto nocivo.

Lo sfrenato appagamento dei propri desideri può avere un effetto impercettibile eppure devastante su di noi, sia in senso fisico che morale. Per esempio, il saggio re Salomone osservò: “Il cuore calmo è la vita dell’organismo carnale”. (Proverbi 14:30) Al contrario il sovraffaticamento, l’ansia e lo stress derivanti dall’accumulare ricchezze materiali possono distruggere la salute e la felicità. Quando nella nostra vita predominano le mete materialistiche anche i rapporti ne soffrono. E quando la vita familiare e sociale di una persona peggiora, ne soffre anche la qualità della sua vita in generale.

La superiorità dei valori spirituali

“Cessate di conformarvi a questo sistema di cose”, esortò l’apostolo Paolo secoli fa. (Romani 12:2) Il mondo ama quelli che si conformano ai suoi valori. (Giovanni 15:19) Tende a far leva sul senso della vista, del tatto, del gusto, dell’olfatto e dell’udito, e cerca di convincervi ad adottare uno stile di vita materialistico. Pone l’enfasi sul “desiderio degli occhi” affinché voi e altri ricerchiate le cose materiali. — 1 Giovanni 2:15-17.

Ma ci sono valori che trascendono il denaro, la posizione e la ricchezza materiale. Secoli fa il re Salomone accumulò tutto ciò che il mondo aveva da offrire in senso materiale. Costruì case ed ebbe giardini, frutteti, servi, bestiame, cantori e cantatrici, oltre a oro e argento in abbondanza. Ebbe molti più beni di tutti coloro che l’avevano preceduto. Dire che era ricco è dire poco. In pratica Salomone ebbe tutto ciò che un uomo può desiderare. Eppure, osservando le opere che aveva compiuto, disse: “Ogni cosa era vanità e un correr dietro al vento”. — Ecclesiaste 2:1-11.

In virtù della vasta sapienza concessagli, Salomone sapeva che ci si sente più appagati ricercando i valori spirituali. Infatti scrisse: “La conclusione dell’argomento, avendo udito ogni cosa, è: Temi il vero Dio e osserva i suoi comandamenti. Poiché questo è l’intero obbligo dell’uomo”. — Ecclesiaste 12:13.

Il tesoro che troviamo nelle pagine della Parola di Dio, la Bibbia, vale più dell’oro e dell’argento. (Proverbi 16:16) Potete scoprirvi profonde verità, simili a pietre preziose. Le cercherete e scaverete per trovarle? (Proverbi 2:1-6) Il Creatore, la Fonte dei veri valori, vi esorta a farlo e vi aiuterà. In che modo?

Geova ci procura gemme di verità attraverso la sua Parola, il suo spirito e la sua organizzazione.  (Salmo 1:1-3; Isaia 48:17, 18; Matteo 24:45-47; 1 Corinti 2:10) Esaminando queste rare gemme di valore inestimabile avete l’opportunità di scegliere con intelligenza il modo di vivere migliore e più soddisfacente. E non sarà difficile farlo perché Geova, il Creatore, sa di cosa abbiamo bisogno per essere veramente felici.

La Bibbia promuove i valori più elevati

I sani consigli che troviamo nella Bibbia sono pratici e senza pari. Le norme morali che essa incoraggia sono ineguagliate. Le sue esortazioni sono sempre utili. Ha resistito alla prova del tempo. Esempi di sani consigli biblici sono: lavorare sodo, essere onesti, usare accortamente il denaro ed evitare la pigrizia. — Proverbi 6:6-8; 20:23; 31:16.

In armonia con ciò, Gesù disse: “Smettete di accumularvi tesori sulla terra, dove la tignola e la ruggine consumano, e dove i ladri sfondano e rubano. Piuttosto, accumulatevi tesori in cielo, dove né la tignola né la ruggine consumano, e dove i ladri non sfondano né rubano”. — Matteo 6:19, 20.

Questa esortazione è valida oggi quanto 2.000 anni fa. Anziché lasciarci prendere dalla ricerca della ricchezza materiale, possiamo avere ora i benefìci derivanti dal seguire un modo di vivere superiore. Il segreto sta nell’accumulare tesori spirituali, che ci permettono di essere veramente felici e soddisfatti. Come possiamo riuscirci? Leggendo la Parola di Dio, la Bibbia, e mettendo in pratica quello che insegna.

I valori spirituali recano beneficio

Se ci atteniamo ad essi, i valori spirituali ci recano beneficio in senso fisico, emotivo e spirituale. Come lo strato di ozono ci ripara dai raggi nocivi del sole, così i sani princìpi morali ci proteggono facendoci conoscere i pericolosi effetti del materialismo. L’apostolo cristiano Paolo scrisse: “Quelli che hanno determinato di arricchire cadono in tentazione e in un laccio e in molti desideri insensati e dannosi, che immergono gli uomini nella distruzione e nella rovina. Poiché l’amore del denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose, e correndo dietro a questo amore alcuni sono stati sviati dalla fede e si sono del tutto feriti con molte pene”. — 1 Timoteo 6:9, 10.

L’amore della ricchezza induce a cercare beni, posizione e potere maggiori. Molte volte per conseguire questi obiettivi le persone ricorrono a mezzi subdoli e disonesti. La ricerca delle cose materiali può rubare tempo, forze e capacità. Può anche privare del sonno. (Ecclesiaste 5:12) Non c’è dubbio che volere sempre di più ostacola il progresso spirituale. Il più grande uomo che sia mai vissuto, Gesù Cristo, indicò chiaramente qual è la cosa migliore da fare: “Felici quelli che si rendono conto del loro bisogno spirituale”. (Matteo 5:3) Sapeva che le ricchezze spirituali producono benefìci durevoli e sono assai più importanti delle passeggere cose materiali. — Luca 12:13-31.

 Funziona davvero?

“I miei genitori hanno cercato in ogni modo di convincermi che i valori spirituali servono a poco”, ricorda Greg. “Io invece, perseguendo mete spirituali, ho trovato grande pace mentale perché mi risparmio lo stress che deriva dal correre dietro alla ricchezza”.

I valori spirituali aiutano anche a stabilire rapporti personali migliori. I veri amici sono attratti da voi per quello che siete, non per quello che avete. La Bibbia raccomanda: “Pratica i saggi e diventerai saggio”. (Proverbi 13:20, La Sacra Bibbia, UTET, 1973) Inoltre una famiglia felice si costruisce con la sapienza e l’amore, non con i beni materiali. — Efesini 5:22–6:4.

I valori non sono innati. Si imparano dai propri simili o da una fonte superiore. È per questo che un’istruzione basata sulla Bibbia può trasformare completamente il modo in cui consideriamo le cose materiali. “Sono stato aiutato a rivedere i miei valori e ho imparato ad accontentarmi del necessario”, dice Don, un ex dirigente di banca.

Ricerchiamo le durevoli ricchezze spirituali

I valori spirituali pongono l’enfasi sui benefìci a lungo termine, non sulla gratificazione immediata. Paolo scrisse: “Le cose che si vedono [quelle materiali] sono temporanee, ma le cose che non si vedono [quelle spirituali] sono eterne”. (2 Corinti 4:18) È vero che gli interessi materialistici possono soddisfare i desideri momentanei, ma l’avidità non durerà in eterno. I valori spirituali sì. — Proverbi 11:4; 1 Corinti 6:9, 10.

La Bibbia condanna gli obiettivi materialistici che sono così importanti nel nostro  tempo. Ci insegna come tenere sotto controllo un desiderio egoistico mantenendo l’occhio semplice, concentrato sulle cose più importanti, le ricchezze spirituali. (Filippesi 1:10) Fa vedere l’avidità per quello che è: un idoleggiare se stessi. Mettendo in pratica ciò che impariamo dalla Parola di Dio siamo più felici. Non pensiamo più a ricevere ma a dare. Che forte incentivo a sostituire l’appagamento dei propri desideri con i valori spirituali!

È vero che, fino a un certo punto, il denaro può essere una protezione. (Ecclesiaste 7:12) Ma la Bibbia dice realisticamente: “Il tuo denaro può sparire in un istante, può mettere le ali e volar via come un’aquila”. (Proverbi 23:5, Parola del Signore) Molto è stato sacrificato sull’altare del materialismo: salute, famiglia e anche una buona coscienza. E i risultati sono stati disastrosi. D’altra parte, la spiritualità soddisfa i nostri bisogni più importanti: amare ed essere amati, avere uno scopo e adorare l’amorevole Dio Geova. Indica anche la via per ottenere la vita eterna su una terra paradisiaca come esseri umani perfetti, ovvero la speranza che Dio ci pone davanti.

Fra breve, nel nuovo mondo di Dio, il sogno di prosperità dell’uomo si realizzerà completamente. (Salmo 145:16) A quel tempo tutta la terra sarà “piena della conoscenza di Geova”. (Isaia 11:9) I valori spirituali trionferanno e il materialismo e le sue cicatrici saranno eliminati completamente. (2 Pietro 3:13) Allora le cose che rendono la vita infinitamente più preziosa, come salute perfetta, lavoro soddisfacente, piaceri sani, forti legami familiari e amicizia duratura con Dio, renderanno l’umanità veramente felice per sempre.

[Riquadro/Immagine a pagina 6]

Usate saggiamente il denaro!

Stabilite quali sono i vostri reali bisogni. Gesù ci insegnò a pregare: “Dacci il nostro pane per il giorno secondo l’esigenza del giorno”. (Luca 11:3) Non permettete che i desideri di oggi divengano i bisogni di domani. Ricordate che la vita non dipende da ciò che si possiede. — Luca 12:16-21.

Fate un bilancio preventivo. Non fate acquisti dettati dall’impulso del momento. La Bibbia dice: “I piani del diligente sono sicuramente per il vantaggio, ma chi è frettoloso va sicuramente verso l’indigenza”. (Proverbi 21:5) Gesù consigliò ai suoi ascoltatori di calcolare la spesa prima di imbarcarsi in una qualsiasi impresa finanziaria. — Luca 14:28-30.

Non fate debiti inutili. Ogni qualvolta sia possibile, anziché comprare a credito mettete da parte i soldi per gli acquisti futuri. Il proverbio mette la cosa in questi termini: “Chi prende a prestito è servitore dell’uomo che fa il prestito”. (Proverbi 22:7) Controllandovi e spendendo solo quello che i vostri mezzi vi permettono, potete anche pianificare senza problemi grossi acquisti.

Evitate gli sprechi. Fate durare a lungo le vostre cose avendone buona cura e riducendo così gli sprechi. Gesù si mostrò attento a non fare un uso sconsiderato delle cose. — Giovanni 6:10-13.

Date la precedenza alle cose più importanti. Chi è saggio ‘riscatta il tempo’ per perseguire mete più importanti. — Efesini 5:15, 16.

[Riquadro/Immagine a pagina 7]

Qualcosa di meglio che imparare dall’esperienza

L’esperienza, che sia positiva o negativa, può insegnarci lezioni preziose. Ma è vero, come si suol dire, che l’esperienza è la migliore maestra? No, c’è una guida migliore. Il salmista indicò quale fosse dicendo in preghiera: “La tua parola è una lampada al mio piede, e una luce al mio cammino”. — Salmo 119:105.

Perché imparare dall’istruzione divina è molto meglio che imparare dalla propria esperienza? Un motivo è che imparare solo dall’esperienza, procedendo per tentativi, può costare caro oltre a essere doloroso. È anche inutile. “Oh se tu realmente prestassi attenzione ai miei comandamenti!”, disse Dio agli israeliti dell’antichità. “Allora la tua pace diverrebbe proprio come un fiume, e la tua giustizia come le onde del mare”. — Isaia 48:18.

Una ragione per cui la Parola di Dio è una fonte di istruzione eccellente sta nel fatto che contiene il più antico e più accurato compendio dell’esperienza umana. Probabilmente vi rendete conto che imparare dai successi e dai fallimenti altrui, un processo indolore, è meglio che imparare ripetendo i loro errori. (1 Corinti 10:6-11) Soprattutto, nella Bibbia, Dio ci dà leggi e princìpi guida superlativi la cui affidabilità non ha uguali. “La legge di Geova è perfetta . . . Il rammemoratore di Geova è degno di fede, rende saggio l’inesperto”. (Salmo 19:7) Imparare dalla sapienza del nostro amorevole Creatore è senz’altro la cosa migliore che ci sia.

[Immagini a pagina 4]

Il mondo vuole che adottiamo il suo stile di vita materialistico

[Immagine a pagina 5]

Il tesoro che si trova nella Bibbia vale molto più dell’oro o dell’argento